Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio

Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli almanacchi raccontano solamente in maniera implicita; in fondo anche a noi è venuto in mente quasi per caso: nella storia della maglia azzurra sono molti di più i giocatori che hanno vinto la Coppa del mondo rispetto a quelli che hanno alzato la Coppa Europa, l’unica, quella del 1968.

Importante perché ancora sola in bacheca, storica perché destinata comunque a rimanere la prima, ma indimenticabile per un motivo in più: l’ha presa per i manici Giacinto Facchetti, specchiando nella lucentezza del trofeo il volto di un uomo e di un’idea di paese di cui andare fieri, ossia quella secondo la quale nel momento dell’arrivo si riconosce ancora di più ciò che si era alla partenza. Senza mai diventare altro da ciò che si è sempre stati. Con la gloria conquistata che non è mai un tappeto prezioso da adagiare sopra un terreno che era stato povero, ma un fiore da ammirare tanto per i suoi petali quanto per le radici che da quello stesso terreno si sono nutrite.

Giacinto, del resto, è un nome che sa di eleganza e semplicità, di estetica e natura. È anche un fiore di quelli perenni, che non accusano il trascorrere delle stagioni. Chiedi a un bambino dell’Inter se, per caso, sappia chi è stato Giacinto Facchetti e ti risponderà facendo il segno del “tre” con le dita. Come fosse il dieci degli altri fuoriclasse.

Fuoriclasse Facchetti lo era diventato naturalmente, perché era un fuoriserie per le doti fisiche, che senza soluzione di continuità diventarono atletiche. Così come non si capì mai il tratto di fascia dove finisse di essere terzino e dove cominciasse a fare l’ala, e viceversa: spingeva e riconquistava la posizione con la medesima naturalezza, sempre con l’eleganza naturale che avrebbe esibito anche se avesse spinto un aratro in campagna, o con indosso la divisa da ferroviere che avrebbe potuto ereditare da suo padre. Le sue lunghe leve non si limitavano a percorrerlo, il campo: davano la sensazione di accorciarlo.

 

Tre, come Treviglio: nelle iniziali di un piccolo comune che se chiami Bergamo qualcuno ti risponde già, il destino di una maglia. Sul treno dovette comunque salirci presto, ma con l’abito buono, non più né meno elegante di come sarebbe sempre apparso: destinazione Milano, per firmare con l’Inter. Quasi non ci credeva, come tutti i predestinati che la propria grandezza debbono ascoltarla, all’inizio, dalle parole degli altri; come tutti gli uomini semplici, destinati a rimanere tali, che anche quando una cosa l’hanno meritata esibiscono sempre il sorriso timido di chi si sente in imbarazzo di fronte a una soddisfazione.

Perché ancora ci si ricorda di un certo Čislenko, nazionale sovietico? Perché fu uno dei pochi a metterlo davvero in difficoltà, in un mondiale nato male e finito peggio per l’Italia, nel 1966. E ora che ci riflettiamo, Facchetti ha vissuto l’onta della Corea del Nord e la leggenda dell’Azteca contro i tedeschi occidentali; ha scelto il lato giusto della monetina nel sorteggio della semifinale contro l’URSS in quell’Europeo per ora figlio unico. Anche con l’azzurro senza il nero indosso, ha fatto solo cose grandiose, compresa quella volta in cui la maglia ha deciso di sfilarsela: Bearzot lo avrebbe portato in Argentina nel 1978, quando ormai Facchetti operava da difensore centrale di classe ed esperienza; fu lui a sconsigliarlo, visto che era reduce da un infortunio che ne aveva pregiudicato lo stato di forma. Basta mezza mano per contare tutti gli altri che al posto suo avrebbero preso una simile decisione.

Tutto quello che ha vinto con l’Inter, sopra e sotto l’equatore, ci piace definirlo come la punteggiatura che il calciatore ha messo sul discorso dell’uomo che era. Che sarebbe stato anche senza la casacca nerazzurra numero tre sulle spalle, anche se dopo l’oratorio e la Trevigliese fosse entrato nelle ferrovie. Con e senza Coppe dei Campioni, anche se al posto delle trasferte intercontinentali che erano mattanze avesse vissuto una sequela di stazioncine ammantate di foschia. Gli toccarono invece i riflettori di San Siro, gli stessi della canzone di Vecchioni, perché Helenio Herrera nel presente di un ragazzino intravide difensore, definizione restrittiva, futuribile, uno che avrebbe cambiato il ruolo di terzino. Ci sono un prima e un dopo Facchetti, se si parla del modo di coprire la fascia.

Una volta ebbe a dire che, tra tanti nostri difetti, il calcio è una di quelle cose che aiuta a far parlare bene di noi italiani. Non è vero in assoluto, non lo era nemmeno all’epoca. È stato vero quando se ne parlava citando uomini come Giacinto Facchetti.

Paolo Marcacci
A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Inizia domani in Australia  quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 65 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro