Connect with us

Cerca articoli

Motori

Gerhard Berger, l’uomo del ritorno

Gerhard Berger, l’uomo del ritorno

Correva l’anno 1987. L’ultimo intero del ‘Drake’ Enzo Ferrari. Domenica 20 settembre in Portogallo andava in scena la settima edizione del Gran Premio lusitano (la quarta consecutiva all’Estoril), ventotto giorni dopo la tragedia di Didier Pironi. Vinse Alain Prost e terzo giunse Nelson Piquet. Secondo Berger, al primo podio con la Ferrari. Il ‘Professore’ e il brasiliano, con i quali diciassette mesi prima aveva condiviso le premiazioni a Imola. L’austriaco e il francese si scambieranno poi le monoposto.

”Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano’‘, canta Antonello Venditti in ‘Amici mai’. Il cantautore romano ha ragione, perché Gehrard riabbraccerà il Cavallino (senza il Drake). Sbagliando però avverbio, considerate le grandi amicizie con Senna e Alesi.

E allora era destino che salisse per la prima volta sul podio in quel Gran Premio di San Marino del 1986. Tre anni prima della grande paura alla curva del Tamburello (…), quando la Rossa n°28 prese fuoco: fondamentali i rapidi soccorsi degli addetti antincendio.

<<Dopo l’incidente Ayrton venne a trovarmi in ospedale e pensavamo che quella curva dovesse essere modificata perché troppo pericolosa. Tornati sul circuito, ci accorgemmo però che dietro quel punto scorreva il fiume>>,  il racconto del pilota austriaco in una puntata del programma televisivo Sfide dedicata al driver paulista.

Il 1989 è stato l’anno dell’arrivederci al Cavallino, il primo senza Enzo Ferrari. Si è parlato più volte di quella memorabile e romantica doppietta a Monza poche settimane dopo la scomparsa del fondatore: una regia dietro la vittoria di Gerhard, l’ultimo pilota che il Drake ha scelto e osservato in pista (a differenza di Mansell).

Ha chiuso la carriera nel 1997 alla Benetton (un altro ritorno), con Alesi al suo fianco. Anno – anche – dell’ultimo successo, il 27 luglio a Hockenheim. Non esultava da un altro Gran Premio di Germania: quello del 1994 che aveva interrotto il digiuno di vittorie dopo quasi quattro anni. Il periodo più lungo nella storia del Cavallino senza neppure una vittoria.

A cura di

Da non perdere

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Motori

In Belgio un destino lontano 28 anni regalò Schumacher alla storia della Formula 1 Il 30 Agosto 1992 al Gp di Spa, in Belgio,...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 62 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua morte, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Motori

Alpine e Ocon: una prima vittoria nel segno dello spirito di squadra L’immagine di Esteban Ocon sollevato in trionfo dal compagno di squadra Fernando...

Motori

Ungheria ’86: “IL” Sorpasso Come quando correva Nelson Piquet, che solo a pronunciarne il nome sentivi che nessun’altra parola potesse avere una sequenza di...

Motori

Domenica 12 agosto 1990. Cinque settimane dopo la fine delle ‘Notti magiche’ si disputava il Gran Premio d’Ungheria, con gli occhi del mondo puntati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro