Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A

Oggi pomeriggio si giocherà al San Paolo Napoli – Genoa, valevole per il secondo turno di Serie A. Due squadre che per quasi 40 anni sono state “amiche”, con un gemellaggio tra le tifoserie che durava da 37 anni, il più longevo del nostro campionato. Lo scorso anno, però, finì tutto o quasi.

Il motivo della rottura venne spiegato con un comunicato firmato dalla Curva A e dalla Curva B, i due settori più caldi del tifo partenopeo. Secondo gli ultras azzurri, infatti, i loro amici rosso-blu avrebbero mostrato una “improvvisa e persistente solidarietà verso una tifoseria che ci ha teso un vile agguato senza nemmeno farsi carico di chiedere come stessero i ragazzi gemellati coinvolti negli scontri”.

Gli ultras azzurri si riferivano agli incidenti tra tifosi napoletani e interisti avvenuti il 26 dicembre 2018, prima del match tra l’Inter e il Napoli, in cui perse la vita l’ultras del Varese Daniele Belardinelli. Prima della partita del turno infrasettimanale a Marassi tra Genoa ed Inter, nella curva genoana apparve uno striscione in ricordo dello stesso Belardinelli che così recitava: “Ricordiamo un ultras scomparso. R.I.P. Dede”.

Da quel giorno terminò così, almeno a livello di ultras, quello che risultava essere il gemellaggio più longevo della Serie A italiana. Era infatti un caldo pomeriggio di metà maggio dell’anno 1982, per la precisione il giorno 16, quando tutto ebbe inizio.

In quelle ore si disputava l’ultima giornata del campionato 1981/1982 e la squadra del capoluogo ligure si presentò sotto al Vesuvio con un disperato bisogno di punti per la lotta salvezza che la vedeva contrapposta ai rossoneri del Milan. Per la matematica permanenza nella massima serie A al Genoa serviva un punto.

Il Milan però, impegnato sul campo del Cesena, era riuscito a ribaltare il risultato da 2-0 a 2-3 in suo favore. I grifoni, invece, si trovavano sotto di un gol a zero: un risultato che avrebbe sancito, senza se e senza ma, la retrocessione nella serie cadetta della più antica squadra del campionato nostrano.

In questa situazione per loro abbastanza drammatica, almeno dal punto di vista calcistico, i giocatori genoani cominciarono a sentire il supporto non solo di quei tifosi genoani presenti sui gradoni del San Paolo, bensì dello stadio intero, anche del popolo napoletano. La ragione? Meglio vedere il Milan B, piuttosto che il Genoa.

A rimettere il punteggio nel verso giusto ci pensò il difensore Mario Faccenda che, pochi minuti dopo la sua entrata in campo al 79° minuto, battè il portiere azzurro sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La partita tornò sul pari e, con questo risultato, il Genoa riuscì a salvarsi.

Da lì cominciò questo gemellaggio tra le tifoserie che diventò ancora più stretto il 10 giugno 2007 nello stadio del capoluogo ligure: il Marassi. Quel giorno, infatti, il Genoa ed il Napoli riuscirono a tornare insieme in Serie A dopo vari anni di purgatorio nelle serie cadette.

Il risultato sul campo, 0-0, bastò a promuovere entrambe le formazioni visto anche il pareggio tra Piacenza e Trestina. Al triplice fischio, le strade del capoluogo ligure videro i tifosi di Genoa e Napoli festeggiare assieme il ritorno in A, in una gremita piazza De Ferrari che si tinse di rosso-blù e azzurro.

Da quella storica data, le due squadre si sono affrontate varie volte ed, in alcune occasioni, ci sono stati dei veri e propri “screzi” sul campo tra le due compagini: un esempio possono essere i 6 gol rifilati dai partenopei al Grifone in un match giocato al San Paolo nel dicembre 2011. Tutto questo, però, non ha mai messo in discussione un gemellaggio che univa Nord e Sud Italia senza discriminazioni.

A far rompere questo bell’incantesimo ci hanno pensato i gruppi ultras delle due squadre. Difatti, anche se i rapporti tra le tifoserie rimarranno più che cordiali, come scritto nero su bianco dagli ultras azzurri nel loro comunicato, si è persa, forse definitivamente, quella bella sensazione che si provava ogni volta che si assisteva ad una partita del genere dove a farla da padrone erano concetti quali solidarietà e fratellanza, sia in campo che sugli spalti.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Sono passati pochi giorni dalla maxi operazione della Guardia di...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro