Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gazza 25 anni dopo: Stefano Greco racconta la cometa biancoceleste

C’era un tempo in cui la Serie A era il campionato più bello del mondo. Un tempo in cui le più grandi star del calcio internazionale sgomitavano per venire a giocare da noi, un tempo in cui Maradona giocava nel Napoli, Francescoli nel Cagliari e Batistuta nella Fiorentina, e in cui nulla sembrava impossibile per il pallone di casa nostra, padrone assoluto delle coppe europee.

Un tempo in cui la stella più in ascesa del calcio del vecchio continente, che a Italia ’90 aveva dato spettacolo in campo e fuori, veniva ingaggiata da una squadra da molti anni fuori dall’Olimpo del pallone nostrano come la Lazio, che stava passando dalla gestione Calleri a quella ben più ambiziosa di Sergio Cragnotti. Paul Gascoigne ha rappresentato molto per l’ambiente biancoceleste: vedere un talento come il fantasista inglese lasciare la Gran Bretagna per giocare con l’aquila sul petto segnava un punto di svolta fondamentale per gli amanti della squadra capitolina, che di lì a qualche anno sarebbe diventata una delle più forti al mondo. Lo splendido libro di Stefano GrecoIo e Paul. Gazza, la cometa biancoceleste’ (Edizioni Ultra Sport, 335 pp., 19,90 euro) narra in maniera magistrale l’epopea di Gascoigne a Roma, segnata da gravi infortuni (due), gol storici (uno in particolare: quello all’odiata Roma nel derby) e irresistibili scherzi (tanti).

Leggere le avventure di gioventù di un personaggio particolare come Gascoigne raccontate a 25 anni di distanza dai personaggi che più gli sono stati vicini in quel memorabile periodo (da Corino a Zoff fino a Signori e Zeman) strappa un continuo sorriso, che a volte diventa inevitabilmente amaro quando il pensiero va alle condizioni attuali dell’ex numero 8 dell’Inghilterra, impegnato in una lotta impari e senza fine contro il demone dell’alcool. Una storia da leggere tutto di un fiato e che non può non affascinare chi ama il pallone e un tempo che non c’è più.

Andrea Corti
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Libri

UNA DELLE STORIE D’AMORE PIÙ AMATE DI SEMPRE: LA PASSIONE TRA J.F. KENNEDY E MARILYN MONROE Giovanni Menicocci pone sotto una nuova e originale...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Motori

La Mototerapia di Vanni Oddera: un salto pieno d’amore Tra le pagine di un quotidiano ho conosciuto la storia di Vanni Oddera, campione del...

Calcio

Totò Schillaci: “Vi racconto la mia vita, quella vera” In occasione dei 56 anni compiuti oggi da Totò Schillaci, vi riproponiamo l’intervista che fece...

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Interviste

Pantani, Biaggi, Panatta: le relazioni (non) pericolose di Manuela Ronchi Da pochi giorni è uscito il libro di Manuela Ronchi, edito da Gribaudo, Le...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro