Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gascoigne senza pace: un tribunale inglese lo condanna per frasi razziste

Non c’è pace per Paul Gascoigne. Dopo i noti problemi con l’alcool l’ex giocatore della Lazio ora è nei guai con la giustizia inglese. I fatti risalgono a quasi un anno fa: Gascoigne era sul palco di un locale di Wolverhampton quando,  con una battuta poco felice, si rivolse ad un buttafuori davanti a quasi 1000 persone, così: “Puoi sorridere per favore, perché non riesco a vederti?” giocando sul fatto che la sala fosse poco illuminata e sul colore della pelle del buttafuori. Una battuta che è costata cara al giocatore inglese perché il giudice distrettuale del Dudley Magistrates’ Court di Wolverhampton, Graham Wilkinson, lo ha condannato per frasi razzisti e gli ha imposto di versare 1000 £ come risarcimento a Errol Rowe, questo il nome del buttafuori vittima della battuta infelice di Gazza.

RAZZISMO STRISCIANTE- Il giudice Wilkinson ha anche elogiato il Crown Prosecution Service per aver portare il caso in tribunale, sostenendo che la battuta di Gascoigne è stato un esempio di razzismo “insidioso”, che doveva essere messo in discussione. Nella lettura della sentenza il giudice non ha lesinato parole pesanti e dirette verso quella che poteva sembrare un ennesima bravata ma che invece in Inghilterra viene vista come una prova di razzismo vero e proprio: “A causa di quella battuta il Signor Rowe è stato chiaramente umiliato davanti a quasi mille persone. Come società è importante che mettiamo in discussione il comportamento razziale aggravato in tutte le sue forme. E’ il razzismo strisciante, quello di basso livello che la società ha ancora bisogno di sfidare. Questo è un messaggio che deve essere inviato che nella società del 21 ° secolo in cui viviamo, tali azioni, tali parole non saranno tollerate “. Parole che non lasciano dubbi e che fanno capire come si alta l’attenzione oltremanica su questo argomento.

MEA CULPA- Gazza, quando fu raggiunto dalla denuncia, si dichiarò innocente, negando l’accaduto. Davanti alla corte del Dudley Magistrates’ Court di Wolverhampton, però, ha cambiato versione , forse consigliato dai suoi legali, ammettendo le sue colpe: “Non è accettabile cercare di fare battute e strappare qualche risata facendo questo tipo di scherzo. Questa è una macchia sul mio carattere, perché non sono razzista“. Un’ammissione di colpa che ha sicuramente aiutato Gascoigne nel subire una pena più “morbida” che magari data la severità delle corti inglesi su questo argomento, poteva essere ben più pesante. L’ex giocatore di Newcastle, Tottenham e Rangers è sembrato tutto sommato molto sereno e ben più lucido rispetto alle ultime foto risalenti a Marzo di quest’anno, che lo ritraevano ancora in grande difficoltà, totalmente trasandato e in stato confusionale sin dalle prime ore del mattino. Un giocatore geniale che nella sua carriera ha raccolto molto meno di quello che poteva avere  a causa del suo carattere completamente incontrollabile e del suo vedere la vita sempre al di sopra delle righe. Un talento che però è ancora molto amato in Inghilterra come testimoniano i tanti autografi firmati all’esterno del tribunale di  Wolverhampton prima della sentenza.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. giovanni

    Settembre 22, 2016 at 8:16 pm

    perché chiamate “io gioco pulito” una rubrica sportiva in cui vi occupate di tutto ???

  2. Marco

    Settembre 23, 2016 at 4:17 pm

    Quella dei numeri 10 del regno unito mi pare un pò una “maledizione”: dotati di piedi sopraffini, fantasia e giocate da grandi del calcio, ma incapaci di vivere correttamente. George Best ha avuto problemi anche più gravi.

    • Alessandro

      Settembre 24, 2016 at 2:58 am

      Meglio la maledizione dei 10 inglesi che quella del po’ accentato…

  3. turco

    Settembre 23, 2016 at 5:10 pm

    Bello l’articolo.

    “l’ex giocatore della Lazio ora è nei guai con la giustizia inglese.”
    “L’ex giocatore di Newcastle, Tottenham e Rangers è sembrato tutto sommato molto sereno e ben più lucido”.

    Insomma, quello della Lazio è nei guai.
    Quello ex di tutte le altre squadre è sereno e più lucido.

    Non è un caso, vero?

  4. maurizio diana

    Settembre 23, 2016 at 6:39 pm

    Condannare una persona con problemi enormi per una simile battuta è da inumani……!!!
    E quei loro politici che hanno fatto centinaia e centinaia di morti nelle guerre scorse ed attuali…..?!!

  5. Al

    Settembre 26, 2016 at 7:47 am

    Eppure la battuta era simpatica.

  6. alan

    Settembre 26, 2016 at 8:05 am

    Se una società per stare insieme ha bisogno di un tribunale che perda tempo per una frase detta in un battibecco, è messa molto male. Infatti il multiculturalismo non funziona.

  7. Max

    Settembre 27, 2016 at 5:23 pm

    Neanche gli avesse dato del romanista

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Avrebbe compiuto oggi 64 anni Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a 47 nni...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Ieri si ricordava la morte, datata 1982, di Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 30 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro