Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gaetano Scirea: lo sguardo serio, gli occhi dolci

[themoneytizer id=”27127-1″]

Gaetano Scirea: lo sguardo serio, gli occhi dolci

C’è un lato nascosto di questa foto, che abbiamo guardato spesso nella sua immagine centrale. Di fronte a noi, nella teca dei ricordi, vediamo Marco Tardelli, che urla una gioia rabbiosa, un contenitore di incredulità e ansia sciolta. Sta iniziando il suo ululato che entrerà nella storia, la finale dei mondiali del 1982, Italia – Germania. Non a caso Tardelli era soprannominato Coyote. Era un animale notturno. Ma non è lui il protagonista. Dicevamo il lato discreto, nascosto.

Guardate dietro di lui, un suo compagno di squadra che ha una esultanza composta, signorile. Ma se guardate bene, in quel viso appare una gioia quasi da bambini, un viso di chi ha appena ringraziato il cielo che sotto un albero di natale fuori stagione, ci sia il regalo aspettato da sempre.
Lui è Gaetano Scirea. Ed aveva un ruolo che adesso ha un sapore vintage. Il libero. Ovvero colui il quale, in una squadra vecchio stampo, tappava i buchi della difesa, ma non solo. Gaetano era nato centrocampista e tale voleva rimanere. Soltanto che non rendeva come pensava. Aveva quattordici anni, Gaetano, ma era già adulto dentro. Fu Capello a metterlo in quel ruolo. E lui fece buon viso. E mai fece cattivo gioco, anzi, divenne un giocatore di gran lignaggio. Passando alla Juve.

In quella gioia atavica, ma quasi esibita con vergogna, si nasconde il Gaetano uomo. Un marito e padre esemplare, una persona mai fuori dalle righe. Quando la Juve lo convocò in sede per firmare era talmente convinto di non essere ancora pronto, da quasi non voler scendere dalla macchina. Di lui parla sempre poco, Gaetano, misura le parole, cerca di godersi a lungo le gioie e riflettere il giusto sugli sbagli. Il suo compagno preferito ai tempi della Juve, fu Dino Zoff. Che lo descrive come scherzoso e gioviale più di quanto si pensi, ma detto da lui, socievole come un Grizzly a cui minacciano il territorio non si sa quanto sia vero, ma è vero che Gaetano, in quella seriosità, ha uno sguardo sempre dolce, e buono. Sempre. Alla fine della partita che li consacrò campioni del mondo, entrambi non festeggiarono più di tanto, un buon vino e un sorriso.

Dicevamo il Gaetano uomo, se si volesse pescare nel torbido, si finirebbe delusi, amava il tennis, in famiglia lo definirono più bravo come calciatore che come enologo, quando andava a dare una mano ai vitigni. E sua moglie, che era il suo primo allenatore, il suo libero, dietro di lui, che proteggeva tutti, coordinava lei, Mariella, che lo guidava. Lo rimproverava spesso di essere fin troppo modesto, per nulla preciso come credeva, generoso come pochi. Come quella volta, tra le tante.

Venne a casa dopo la partita e aprì la porta, entrando con quattro persone che la moglie non aveva mai visto. “Mariella, questi sono tifosi della Juve, sono venuti da lontano per vederci, mi sembra giusto che mangino un boccone con noi”, questo era Scirea.

Mai una parola o un gesto fuori posto. Boniperti lo sfidò alla firma di un rinnovo contrattuale, avrebbe dato di più, se Gaetano avesse fatto un fallo inutile alla prima giornata di campionato. Manco per niente. La moglie lo esortava ad andare in sede a chiedere un aumento, ma la risposta era sempre uguale: “abbiamo già tutto, accontentiamoci”.

Un signore, un signor libero, un uomo. Il 3 settembre del 1989, morì in Polonia per un incidente stradale, era andato a vedere l’avversario di coppa della Juve. Zoff lo seppe al casello di Torino di ritorno dalla partita di campionato a Verona. Lui che forse era il secondo a conoscerne tutte le abitudini, dopo la moglie, disse solo “non può essere lui, a quest’ora è a casa a dormire”.

Se la raccontava incredulo. Ciao Gaetano, ti ricordiamo anche adesso, con quell’espressione di bimbo cresciuto coronando i propri sogni, che ringrazia per il regalo ricevuto, mentre davanti a te, il Coyote ulula di gioia, campione del mondo, campione del mondo, campione del mondo.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Pugilato

Paulino Uzcudun, il “Toro Basco” Vissuto per quasi tutto il ventesimo secolo, Paulino Uzcudun fu il più grande peso massimo della storia di Spagna....

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro