Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gaetano Scirea: il Campione che giocava pulito

Il 3 settembre del 1989, una domenica pomeriggio, moriva Gaetano Scirea. Storico difensore della Juventus e della nazionale italiana, campione del mondo con l’Italia ai mondiali di Spagna nel 1982. Uno dei più grandi difensori della storia del calcio italiano. Tra gli ultimi, insieme a Franco Baresi, ad interpretare quello che una volta veniva chiamato con il ruolo di “libero”. Le sue uniche squadre: l’Atalanta che dopo le giovanili lo fece esordire nel settembre del 1972 e la Juventus dove giunse nel 1974 e rimase fino alla fine della sua carriera. In bianconero, in quella che fu la squadra di Giovanni Trapattoni, vinse praticamente tutto tra scudetti, Coppa dei Campioni ( nel 1985, nella tragica notte dell’Heysel) e Coppa Intercontinentale.  Da quando aveva smesso di giocare era rimasto comunque a Torino a lavorare per la Juventus. Era diventato il vice di Zoff sulla panchina bianconera ma il suo compito era anche quello di studiare le squadre avversarie. Capirne i punti deboli, il modo di stare in campo e giocare a calcio. Scirea perse la vita a causa di un tragico incidente stradale, accaduto in Polonia, dove si trovava appunto per visionare il Gornik Zabre, la squadra polacca che la Juve avrebbe dovuto incontrare in Coppa Uefa. L’auto in cui viaggiavano Scirea, l’autista, un interprete e un dirigente del Gornik Zabre andò a schiantarsi contro un camion che arrivava dalla corsia opposta. Morirono tutti tranne un dirigente del Gornik che riuscì a salvarsi perché riuscì a buttarsi in tempo fuori dall’abitacolo. Scirea riportò ustioni di terzo grado dovute all’incendio divampato a causa dell’impatto. Il sito Storiedicalcio.it riporta quella che è stata l’ultima telefonata di Scirea alla moglie Mariella e al figlio Riccardo: “Vado a messa, stasera torno” avrebbe detto loro. Non sarebbe mai più tornato. Il calcio italiano perse uno dei suoi figli migliori. Una “bandiera” come scrisse il Guerin Sportivo pochi giorni dopo l’incidente. “Un campione non solo di sport ma anche di civiltà” come disse Sandro Ciotti nel giorno in cui diede l’annuncio della sua morte. Un esempio dentro e fuori dal rettangolo verde. Un difensore che “giocava pulito” a tal punto di raggiungere il record, unico nella storia del calcio italiano, di non essere mai stato espulso in tutti i 16 anni di carriera. Il ricordo che si legge sul sito della Juventus nel giorno di quello che sarebbe stato il suo 61esimo compleanno: “ un fuoriclasse unico, inarrivabile. Per la raffinata eleganza con cui stava in campo, per l’educazione e l’onestà con cui affrontava la vita”.  Il calcio italiano avrebbe avuto bisogno di persone così.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Pugilato

Cleveland Williams, la strada spezzata di “Big Cat” Il 30 giugno 1933 nasceva Cleveland Williams, considerato uno dei più grandi pugili della storia a...

Calcio

Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 ci salutava Stefano Borgonovo. La causa della morte...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro