Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gabriele Paparelli: “A mio padre non piacerebbe uno Stadio così”

Resitutite il derby e lo stadio Olimpico alla gente. A mio padre non piacerebbe uno stadio così”. Pensieri e parole di Gabriele Paparelli. E se a dirlo è proprio lui, il figlio di Vincenzo, ucciso da un razzo lanciato durante Roma-Lazio il 28 ottobre 1979, forse è giunto, davvero, il momento di riflettere su cosa stia accadendo intorno alla stracittadina di Roma.

Gabriele, per te più di qualsiasi altra persona, il derby è una partita a parte…

Sono andato allo stadio, e ci torno ancora, ma Lazio-Roma o Roma-Lazio è uno scoglio difficile da superare a livello emotivo. É doloroso ricordare quanto accaduto a mio padre, ma resto dell’idea che si debba andare allo stadio e tifare la propria squadra. Personalmente sarò presente per Lazio-Fiorentina, l’ho promesso a mia figlia Giulia, che  vuole “esordire” da tifosa in una partita di campionato”

 Il tuo ricordo più bello legato al derby ?

Rispondo senza esitazioni. Il gol di Gascoigne sotto la curva in un Lazio – Roma del 1992. Eravamo sotto di un gol e sembrava persa. La rete e la sua esultanza mi emozionarono molto”

 A proposito di emozioni. Questo derby, almeno sugli spalti, ne regalerà poche

A Roma si vive una situazione che definirei antipatica. Mi spiace molto che la Curva Sud non entri allo stadio. Da appassionato di calcio (tutta la famiglia Paparelli è tifosa, Angelo, fratello di Vincenzo e zio di Gabriele, è romanista, ndr) mi rattrista che il derby sia privato delle scenografie e del tifo che lo rendono una partita unica al mondo. Così come mi infastidisce che le curve siano separate dalle barriere. A mio padre non sarebbe piaciuto uno stadio così ”.

 Credi che siano solo le barriere ad allontanare la gente dallo stadio?

No. Andrebbe riconsiderato tutto. Lo stadio è invivibile. Vedere la partita è un sacrificio più che un divertimento. Raggiungere il proprio seggiolino è un’impresa. L’Odissea inizia dal parcheggio, introvabile e lontano. E poi inizia il lungo percorso fra prefiltraggi e perquisizioni. E come se non bastasse, arrivano anche le multe.  Mio cugino, un ragazzo tranquillissimo, è stato sanzionato per aver retto uno striscione. Incredibile”.

Come si può rigenerare l’entusiasmo?

“In realtà credo che ci sia ancora passione. Il problema è che la stanno spegnendo. Bisognerebbe prendere esempio dall’estero. Stadi belli, comodi, confortevoli, sicuri. A proposito di sicurezza. Siamo nel 2016 e ancora impediscono le trasferte. Parlo da laziale: non è stato possibile raggiungere né Napoli, né Palermo. Come è possibile essere così indietro?”.

Ultimissima: chi vince il derby?

Ride. “La Roma, che domande!”. Sorridere parlando di calcio è ancora possibile. Grazie, Gabriele

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Interviste

A tu per tu con Manuel Poggiali, il “Titano” del motociclismo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Manuel Poggiali, campione del mondo di motociclismo....

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Altri Sport

Momenti difficili per tutto il comparto degli sport invernali che stanno vivendo sulle loro spalle i danni causati dalla seconda brusca ondata di Covid...

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro