Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il futuro della Serie A è (anche) italiano: Il Cagliari di Giulini pronto per il nuovo Stadio

 Chi è realmente ambizioso lo sa bene: i voli pindarici sono deleteri. L’ha capito fino in fondo Tommaso Giulini, protagonista di una cavalcata vincente che sta rivoluzionando il Cagliari. Dopo gli errori del primo anno di presidenza, culminati con una retrocessione dolorosa e per molti versi inevitabile, il patron dei sardi è tornato sui suoi passi, dando vita ad un progetto che ha tutte le potenzialità per regalare alla società un compleanno degno della sua storia. Nel 2020, infatti, cadrà il centesimo anniversario del Cagliari, e il new deal, avviato con il pronto ritorno in Serie A e portato avanti con l’ottimo undicesimo posto della stagione appena conclusa, potrebbe avvicinarsi realmente all’obiettivo indicato da Giulini nel momento in cui ha rilevato il club da Cellino: l’Europa.

Per farlo, c’è un riferimento dal quale non si può prescindere: il famigerato nuovo stadio, sognato vanamente per anni dalla vecchia proprietà. Il piano triennale prevede da qui a qualche mese la realizzazione di uno stadio provvisorio da 16.000 posti a pochi metri dal vecchio Sant’Elia (la Sardegna Arena) e, parallelamente, la costruzione dell’impianto polifunzionale che darà un volto moderno al progetto del Cagliari. La struttura avrà 21.000 posti (tutti al coperto) e servirà l’intera città da più punti di vista sette giorni su sette, permettendo la valorizzazione di un quartiere difficile e la crescita di un piano che intende consolidare i sardi tra i primi club d’Italia. L’inaugurazione, prevista per il 2020 (nella migliore delle ipotesi), darà i suoi frutti negli anni, come dimostra ampiamente l’esperienza trionfale della Juventus con il suo Stadium.

Fino ad allora sarà fondamentale tenere d’occhio il bilancio, sul quale graveranno gli ingenti investimenti necessari, seppure supportati da aziende private ed enti pubblici. La Sardegna Arena costerà infatti 8 milioni di euro circa, mentre i costi del nuovo stadio si aggireranno orientativamente sui 55. Tanti, tantissimi per una società come il Cagliari. Ma necessari, se non indispensabili. E allora come si può pensare di raggiungere l’Europa in tre anni? Imparando dagli errori commessi anche in questa stagione, senza mai cullarsi sugli allori di un buon risultato. Il rinnovamento costante è un diktat fondamentale, e l’ottimo lavoro portato avanti finora dal settore giovanile guidato da Mario Beretta è una base importante in questo senso. Da un lato abbiamo una rosa dall’età media piuttosto alta e, inevitabilmente, dalle motivazioni in calo, dall’altro una Primavera che punta forte sui campioni del futuro sardi (ne avevamo parlato in un articolo di qualche mese fa) e su un lavoro importante di scouting che verrà supportato abilmente da Giovanni Rossi, nuovo direttore sportivo del Cagliari.

Come ci insegna l’Atalanta dei miracoli, sarà necessaria una sintesi tra esperienza e gioventù, evitando investimenti folli su nomi altisonanti (una strategia che in questa stagione ci ha regalato più di un flop), potenzialmente poco stimolati dal progetto. E, più di tutto, si dovrà chiarire al più presto chi guiderà la squadra. Massimo Rastelli è un allenatore che ha raggiunto finora tutti gli obiettivi che la società gli aveva imposto (il ritorno in Serie A ed una salvezza tranquilla con un posizionamento a metà classifica), ma non mancano i dubbi. Il tecnico avellinese ha dimostrato grande capacità d’adattamento alle necessità di una categoria che non conosceva, a fronte tuttavia di un gioco mai del tutto convincente, una difesa colabrodo (la terzultima del campionato, a tratti addirittura la peggiore d’Europa) ed una sfilza lunghissima di figuracce. Il quesito, quindi, sorge spontaneo: Rastelli si è rivelato essere l’uomo giusto per avviare il nuovo progetto, ma si può dire altrettanto per la sua prosecuzione? Probabilmente no, e il rapporto difficile con la piazza è un altro elemento da tenere in considerazione, soprattutto in prospettiva.

La prossima stagione ci dirà tanto sul futuro del Cagliari, ma una cosa è certa: le idee sono chiare e ci sono tutte le potenzialità per costruire un progetto importante che non si limiti all’anonima permanenza nella massima serie. Passo dopo passo, senza voli pindarici. Mattone dopo mattone, come uno stadio ancora agli albori che diventerà la casa prediletta di tutti gli sportivi sardi. Basta crederci, ed essere concreti e determinati. Un po’ come fa Tommaso Giulini da tre anni a questa parte, e i tifosi del Cagliari da quasi cento.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

3 Comments

  1. Avatar

    Giuseppe Piga

    Giugno 6, 2017 at 5:09 pm

    Speriamo ardentemente che il nostro Sogno si realizzi nei tempi prefissati….
    Quanto a Rastelli: è vero tutto quanto riportate ma è, a mio modo di vedere, quantomeno ingeneroso.
    Il Cagliari quest’anno è stato falcidiato come pochi da infortuni di medio- lungo degenza che hano riguardato: Dessena, Melchiorri, Ceppitelli, Capuano, Joao Pedro, Farias, Ionita.
    Più una sfilza di infortuni e fastidi che non ha risparmiato quasi nessuno, obbligando al superlavoro due-tre elementi cardine.
    Ne vogliamo tenere conto? Quasi mai, o forse mai, Rastelli ha potuto contare sullo stesso undici per tre-quattro partite di fila.
    Aggiungeteci l’affaire Storari. Aggiungeteci le inspiegabili arrendevolezze di Bruno Alves- ottimo per certi versi, disarmante per altri- e il fatto che non sia stato possibile imbastire una difesa titolare per gran parte dell’anno….e avrete chiaro come Rastelli, invece, sia autore di un autentico Miracolo. Il tutto, ottenuto in silenzio, nella stordente tempesta di critiche ricevute fin dalla B- vi faccio sapere che, secondo i critici di Rastelli, quello da noi vinto è stato ” il campionato di B più facile degli ultimi dieci anni”, per giustificarne il maldigesto trionfo. Che dire?
    Io non ero un acritico sostenitore del nostro Tecnico, nè lo sono ora. Rivendico per lui, però, una mole di risultati che nessuno fin qui aveva saputo ottenere, e alla luce dei fatti, se tanto mi dà tanto, credo non si possa sperare in una guida migliore della sua. Anche perchè “sente” il Cagliari come uno di noi.
    Ed ho detto tutto! 😉
    #AlèKashteddu!!! 😀

    • Avatar

      giorgio

      Giugno 6, 2017 at 8:20 pm

      Giuseppe Piga bravissimo!

      • Avatar

        ottofonsuppost

        Giugno 13, 2018 at 1:45 am

        MASSIMO RASTELLI dimostrò in LEGA B di essere un pessimo allenatore: pur disponendo in una squadra forte il triplo delle altre ACCOZZAGLIE DI SCAPOLI ED AMMOGLIATI, riuscì nell’impresa di perdere ben 9 partite. Nelle prime 6 partite del CAGLIARI in B, teneva 4 difensori fermi dietro, a fare il DESERTO DEI TARTARI, in attesa di attacchi che mai e poi mai sarebbero arrivati; mentre in SERIE A diede vita ad un modulo inconcludente, privo di schemi: un FACITE AMMUINA dove i giocatori si muovevano da destra a sinistra, da sinistra a destra, senza un minimo di efficacia. Saluti. ziaCAGLIARI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Altri Sport

27 aprile 1993: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 27 Aprile 1993 l’aereo su cui viaggiava la Nazionale di calcio dello...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Le Coppe Nazionali, soprattutto all’estero, regalano spesso favole da raccontare: quest’anno...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 moriva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro