Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Foggia e Palermo: due facce della stessa medaglia

[themoneytizer id=”27127-1″]

Foggia e Palermo: due facce della stessa medaglia

“Questo campionato non s’ha da fare”. Potrebbe essere questa la scritta gigante che aleggia su alcune sedi di squadre che, in teoria, avrebbero dovuto partecipare al prossimo campionato italiano di serie B e Serie C.

Usiamo il condizionale perchè, proprio nelle ultime ore, due importanti e storici club calcistici del Belpaese, Palermo e Foggia, non sono riusciti a presentare la documentazione necessaria per iscriversi al campionato di serie B e C 2019/2020. A questo punto essi saranno costretti a prendersi un vero e proprio “anno sabbatico” dai campi di calcio se non ripartire da zero.

Entrambe le formazioni, che facciamo notare fanno parte di regioni dell’Italia meridionale, hanno attraversato un ultimo anno calcistico che si è rivelato più ostico del previsto sotto numerosi punti di vista. La squadra del capoluogo siciliano, infatti, dopo aver concluso l’ultimo campionato di B in zona playoff è stato penalizzato, per illecito sportivo, di ben 20 punti. Il club della città pugliese, invece, non è riuscito a centrare la salvezza durante l’ultima stagione ed è stata retrocessa in serie C. Al Palermo nelle ultime ore, per l’esattezza, è stato fatto giungere un vero e proprio ultimatum della Lega Calcio, che precedentemente aveva notificato alla società rosanero un ulteriore debito di 1,99 milioni di euro da saldare entro il termine ultimo per la presentazione della documentazione. Nonostante ciò, il club non è riuscito a depositare nulla entro l’orario stabilito, che equivaleva alla mezzanotte tra il 24 e il 25 giugno, rimanendo di fatto fuori dal prossimo torneo cadetto.

Nello specifico, l’ex squadra di Maurizio Zamparini, non è quindi riuscita ad arrivare in tempo per fornire tutta la documentazione necessaria. Una non iscrizione avvenuta per mere questioni burocratiche insomma.

Una volta appresa la notizia è scoppiata, inevitabilmente, la rabbia dei tifosi palermitani che, per esprimere tutto il loro disappunto, hanno deciso di recarsi all’esterno dello stadio cittadino Renzo Barbera. Una volta giunti sul luogo hanno dato vita ad una manifestazione abbastanza accesa, in cui sono state fatte esplodere due bombe carta, e che ha visto l’intervento della polizia per sedare gli animi.

Il Palermo calcio, intanto, tramite una nota ufficiale, ha fatto sapere di aver presentato la fideiussione via PEC alle 23.59., riconducendo il tutto ad un errore tecnologico, come dichiarato dal Presidente Tuttolomondo. Tale affermazione è al momento al vaglio della stessa Lega di Serie B.

Qualora venisse confermata la mancata iscrizione dei siciliani, il Venezia verrebbe ripescato al posto dei rosanero nel prossimo campionato cadetto.

A Foggia, invece, si è dovuta affrontare l’ennesima via Crucis di una stagione maledetta sotto numerosi punti di vista. Proprio ieri una delegazione rossonera era partita alla volta della Toscana, per la presentazione della documentazione necessaria, con, nel mezzo, una già fissata tappa a Roma per il ritiro della fideiussione.

Contemporaneamente, nella città a nord della Puglia, si sarebbe dovuto procedere con il pagamento degli stipendi dei tesserati. Tutto questo, però, non è avvenuto e col passare delle ore la situazione si è fatta sempre più cupa.

Gli sponsor che dovevano colmare il buco economico, difatti, si sono fatti da parte improvvisamente. A quel punto nessuno è stato più in grado di colmare un gap che, secondo alcuni, era pari a 500 mila euro ma, per altri, equivaleva ad una cifra molto più alta.

La retrocessione avvenuta sul campo, dopo questa storia, passerà sicuramente in secondo piano visto che, ancora una volta, si è capito che il progetto non era per nulla fattibile. Così facendo il Foggia ripiomba in un tunnel dal quale pensava di esserne uscito il 23 aprile di due anni fa.   L’alba di un nuovo giorno, il capitolo di una nuova storia, si è rivelato solo un episodio isolato. Ancora una volta, per concludere, viene fuori la fragilità economica delle squadre dei campionati minori italiani che spuntano e muoiono come funghi nell’interesse generale. Speriamo che sia l’ultimo capitolo di una lunga storia che continua ad interessare sempre più club.

Vista la situazione del campionato italiano, sotto numerosi punti di vista, però ci sembra strano che tale situazione non mieti altri vittime “illustri” nel futuro.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

1 Comment

1 Comment

  1. Ciccio

    Giugno 26, 2019 at 10:58 pm

    non mieta..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Arcadio Venturi, il Piombino e la Roma in Serie B. Un incubo divenuto leggenda Il 18 Maggio 1929 nasceva Arcadio Venturi, storico...

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Cesare Prandelli: il coraggio di fermarsi e il tempo che non torna più “No, il tempo non torna più. E ieri non eri tu,...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro