Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri

Si celebra oggi la Festa della Mamma 2021. Per celebrare le donne più importanti della nostra vita, vi raccontiamo la storia di Alysia Montano, ennesima prova che di mamma ce n’è una sola.

Quest’anno ho fatto tutte le cose che dovevo fare. Solo che ero incinta. Fare sport è molto meglio sia per la mamma che per il bambino”.

Ha risposto così Alysia Montano a chi le chiedeva se fosse difficile praticare lo sport ad alti livelli, mentre si aspetta di diventare mamma. La sua storia dimostra che si, è possibile. Basta seguire abitudini sane, e allenarsi nei modi e nei tempi giusti. Come la modella inglese Nell Mac Andrew la quale, come riporta il sito Outdoorblog.it, mentre era incinta di 5 mesi, raccontò di correre 10 km al giorno. Alla faccia della maternità.

Così facendo, avrebbe aiutato anche il suo bambino che stava per nascere. “Non bevo e non fumo- avrebbe dichiarato la modella- mi alleno, come sempre. Ed è un bene per me e il mio bambino”.

Come il figlio di Alysia Montano che, quando la mamma corse gli 800 metri ai giochi americani USATF nel 2014, era nel suo grembo da circa 8 mesi. La Montano, oggi atleta di 35 anni di nazionalità americana, decise di correre lo stesso, convinta che così facendo avrebbe fatto del bene anche al suo bambino.

Così infatti gli avevano detto i medici, quando lei volle chiamarli in causa dopo che qualcuno aveva sollevato dei dubbi sulla sua decisione di partecipare alla gara. Ma gli esperti risposero invece che lo sport, se praticato con intensità ridotta, può al contrario portare soltanto benefici sia alla madre incinta che al figlio che sta per nascere. E così Alysia decise di correre. Pur sapendo in partenza, che non avrebbe potuto vincere. Si piazzò quinta (comunque un risultato straordinario) con un tempo di 35 secondi più elevato rispetto al suo record personale. E fece ala stessa cosa anche nel 2017, di nuovo incinta, migliorando il tempo del 2014 di 11 secondi. Anche in quella occasione non raggiunse il podio, però.

Ma che importa, anche senza una medaglia, Alysia è riuscita a conquistarsi un posto nella storia.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Dorando Pietri, storia dell’atleta che perse (vincendo) le Olimpiadi Il 24 luglio 1908 durante la maratona delle Olimpiadi di Londra l’atleta italiano Dorando Pietri...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Interviste

Gli Dei di Olimpia: intervista a Valerio Iafrate – Io ha sempre utilizzato Olimpiadi e Mondiali di calcio (ma pure Europei di calcio e Mondiali...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Altri Sport

Wilma Rudolph, la Gazzella Nera che conquistò Berruti e l’Italia Il 23 giugno 1940 nasceva Wilma Rudolph, la Gazzella Nera che alle Olimpiadi di...

Basket

A tu per tu con Charlie Recalcati, la leggenda del basket italiano La riapertura parziale al pubblico degli eventi sportivi, che procede di pari...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Altri Sport

A tu per tu con Daniele Masala, il Professore del Pentathlon italiano A poco più di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo dà...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro