Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri

Si celebra oggi la Festa della Mamma 2021. Per celebrare le donne più importanti della nostra vita, vi raccontiamo la storia di Alysia Montano, ennesima prova che di mamma ce n’è una sola.

Quest’anno ho fatto tutte le cose che dovevo fare. Solo che ero incinta. Fare sport è molto meglio sia per la mamma che per il bambino”.

Ha risposto così Alysia Montano a chi le chiedeva se fosse difficile praticare lo sport ad alti livelli, mentre si aspetta di diventare mamma. La sua storia dimostra che si, è possibile. Basta seguire abitudini sane, e allenarsi nei modi e nei tempi giusti. Come la modella inglese Nell Mac Andrew la quale, come riporta il sito Outdoorblog.it, mentre era incinta di 5 mesi, raccontò di correre 10 km al giorno. Alla faccia della maternità.

Così facendo, avrebbe aiutato anche il suo bambino che stava per nascere. “Non bevo e non fumo- avrebbe dichiarato la modella- mi alleno, come sempre. Ed è un bene per me e il mio bambino”.

Come il figlio di Alysia Montano che, quando la mamma corse gli 800 metri ai giochi americani USATF nel 2014, era nel suo grembo da circa 8 mesi. La Montano, oggi atleta di 35 anni di nazionalità americana, decise di correre lo stesso, convinta che così facendo avrebbe fatto del bene anche al suo bambino.

Così infatti gli avevano detto i medici, quando lei volle chiamarli in causa dopo che qualcuno aveva sollevato dei dubbi sulla sua decisione di partecipare alla gara. Ma gli esperti risposero invece che lo sport, se praticato con intensità ridotta, può al contrario portare soltanto benefici sia alla madre incinta che al figlio che sta per nascere. E così Alysia decise di correre. Pur sapendo in partenza, che non avrebbe potuto vincere. Si piazzò quinta (comunque un risultato straordinario) con un tempo di 35 secondi più elevato rispetto al suo record personale. E fece ala stessa cosa anche nel 2017, di nuovo incinta, migliorando il tempo del 2014 di 11 secondi. Anche in quella occasione non raggiunse il podio, però.

Ma che importa, anche senza una medaglia, Alysia è riuscita a conquistarsi un posto nella storia.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il 25 gennaio 1924 a Chamonix, in Francia iniziavano le Olimpiadi invernali, la prima edizione della storia dei...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Storie di Sport

Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 33 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come nello Sport...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il primo gennaio 1863 nasceva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 25 Dicembre 1977 moriva quel genio artistico di Charlie Chaplin,...

Altri Sport

Miruts Yifter: tra ori e misteri, l’etiope senza età Il 22 Dicembre 2016 moriva Miruts Yifter, la Leggenda etiope dell’atletica leggera, la cui storia,...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Compie oggi 60 anni Nadia Comaneci, fenomenale ginnasta rumena che alle Olimpiadi 1976 mandò in tilt...

Altri Sport

Wilma Rudolph, la Gazzella Nera che conquistò Berruti e l’Italia Il 12 Novembre 1994 moriva Wilma Rudolph, la Gazzella Nera che alle Olimpiadi di...

Altri Sport

Yvonne de Ligne: Omicidio sul Ghiaccio Le storie olimpiche  a volte si intersecano con vicende di altro genere, non ultime quelle della cronaca nera....

Altri Sport

Steven Bradbury: quando l’idolo della Gialappa’s rischiò di morire Compie oggi 48 anni Steven Bradbury, l’idolo della Gialappa’s che vinse per caso la medaglia...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro