Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ferrero fumè

Ferrero è un altro di quei personaggi che rischia di sorprenderti sempre. Il presidente della Sampdoria, è un imprenditore nell’ambito del cinema, con un passato come comparsa in vari film. Di lui appena diventato presidente della Samp si è subito ricordata la presenza nel film Ultrà, di Ricky Tognazzi in cui Ferrero vestiva i panni di un tifoso della Roma. Sono passati 24 anni da quel film, ma l’espressione sul viso di Ferrero, induce chi lo guarda, a pensare per tutta la sua vita, Ferrero, sia sempre rimasto il primo tifoso di se stesso.

Sono cambiati il colore dei capelli e della barba, diventati da castani che erano, abbondantemente grigi. E’ cambiata la sciarpa, ieri giallorossa oggi blucerchiata. Non è cambiata l’espressione del viso, sempre raggiante tendente all’euforico. Non sono cambiati gli occhi che di Ferrero sono lo specchio dell’anima. Rivelano il suo stato in quel preciso momento. Talvolta, guardando i suoi occhi, di Ferrero si possono anticipare le parole. Se li inarca e li spalanca allora, significa che sta per dire qualcosa di grosso. Una classica “frase ad effetto”. Una di quelle che il cronista che lo ascolta, l’indomani prende e spedisce in prima pagina.

Deve essere stato così anche oggi, quando alla trasmissione radiofonica la Zanzara gli è stato chiesto dei suoi colleghi Lotito e Pulvirenti, rispettivamente presidenti di Lazio e Catania, rimasti coinvolti seppur in maniera diversa, (Pulvirenti arrestato, Lotito neanche indagato) nell’ultimo scandalo di frode sportiva che ha scosso il calcio italiano. E come molti in Italia, anche Ferrero, evidentemente deve essere rimasto scosso. Quello che Ferrero ha detto ha fatto il giro del web. E come si dice a Roma, non le avrebbe “mandate a dire”. Nei confronti di Pulvirenti, verso il quale non deve esserci mai stato un sentimento di sincera simpatia, il presidente della Samp ha detto che “fa schifo e deve morire”aggiungendo poi che “andrebbe radiato”.

La rabbia di Ferrero, che è anche forse quella di molti amanti del calcio, nasce probabilmente dalle stesse dichiarazioni di Pulvirenti che il giorno dopo essere stato arrestato ha ammesso di aver comprato 5 partite del Catania a 100 mila euro l’una.

Pulvirenti ha confessato ciò che ha fatto, ha ammesso le accuse che i pm muovevano contro di lui e nel suo caso, la presunzione di innocenza, diventa una chiacchiera da bar. Meno pesanti e meno cattive, le parole che Ferrero ha rivolto al presidente della Lazio Claudio Lotito, che nella vicenda non figura tra gli indagati, ma è stato coinvolto in maniera indiretta: il suo nome sarebbe saltato fuori in una telefonata intercettata. Su Lotito, Ferrero ci è andato piano: “ E’ una brava persona – ha detto il presidente della Samp – ma deve imparare a farsi gli affari suoi”. Per aggiungere poi che “ non può dare consigli a nessuno se non dove comprare il pesce”. E’ un Ferrero veramente fumante, o “fumè”, per dirla alla francese, quello intervenuto alla Zanzara. Ce ne ha per tutti e risparmia niente a nessuno. Neanche a Urbano Cairo, presidente del Torino. “E’ tirchio” avrebbe detto Ferrero, a proposito di Cairo.

Alla fine solo una domanda con Ferrero, può sorgere spontanea: che cosa dirà se stesso?

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro