Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ferrero fumè

Ferrero è un altro di quei personaggi che rischia di sorprenderti sempre. Il presidente della Sampdoria, è un imprenditore nell’ambito del cinema, con un passato come comparsa in vari film. Di lui appena diventato presidente della Samp si è subito ricordata la presenza nel film Ultrà, di Ricky Tognazzi in cui Ferrero vestiva i panni di un tifoso della Roma. Sono passati 24 anni da quel film, ma l’espressione sul viso di Ferrero, induce chi lo guarda, a pensare per tutta la sua vita, Ferrero, sia sempre rimasto il primo tifoso di se stesso.

Sono cambiati il colore dei capelli e della barba, diventati da castani che erano, abbondantemente grigi. E’ cambiata la sciarpa, ieri giallorossa oggi blucerchiata. Non è cambiata l’espressione del viso, sempre raggiante tendente all’euforico. Non sono cambiati gli occhi che di Ferrero sono lo specchio dell’anima. Rivelano il suo stato in quel preciso momento. Talvolta, guardando i suoi occhi, di Ferrero si possono anticipare le parole. Se li inarca e li spalanca allora, significa che sta per dire qualcosa di grosso. Una classica “frase ad effetto”. Una di quelle che il cronista che lo ascolta, l’indomani prende e spedisce in prima pagina.

Deve essere stato così anche oggi, quando alla trasmissione radiofonica la Zanzara gli è stato chiesto dei suoi colleghi Lotito e Pulvirenti, rispettivamente presidenti di Lazio e Catania, rimasti coinvolti seppur in maniera diversa, (Pulvirenti arrestato, Lotito neanche indagato) nell’ultimo scandalo di frode sportiva che ha scosso il calcio italiano. E come molti in Italia, anche Ferrero, evidentemente deve essere rimasto scosso. Quello che Ferrero ha detto ha fatto il giro del web. E come si dice a Roma, non le avrebbe “mandate a dire”. Nei confronti di Pulvirenti, verso il quale non deve esserci mai stato un sentimento di sincera simpatia, il presidente della Samp ha detto che “fa schifo e deve morire”aggiungendo poi che “andrebbe radiato”.

La rabbia di Ferrero, che è anche forse quella di molti amanti del calcio, nasce probabilmente dalle stesse dichiarazioni di Pulvirenti che il giorno dopo essere stato arrestato ha ammesso di aver comprato 5 partite del Catania a 100 mila euro l’una.

Pulvirenti ha confessato ciò che ha fatto, ha ammesso le accuse che i pm muovevano contro di lui e nel suo caso, la presunzione di innocenza, diventa una chiacchiera da bar. Meno pesanti e meno cattive, le parole che Ferrero ha rivolto al presidente della Lazio Claudio Lotito, che nella vicenda non figura tra gli indagati, ma è stato coinvolto in maniera indiretta: il suo nome sarebbe saltato fuori in una telefonata intercettata. Su Lotito, Ferrero ci è andato piano: “ E’ una brava persona – ha detto il presidente della Samp – ma deve imparare a farsi gli affari suoi”. Per aggiungere poi che “ non può dare consigli a nessuno se non dove comprare il pesce”. E’ un Ferrero veramente fumante, o “fumè”, per dirla alla francese, quello intervenuto alla Zanzara. Ce ne ha per tutti e risparmia niente a nessuno. Neanche a Urbano Cairo, presidente del Torino. “E’ tirchio” avrebbe detto Ferrero, a proposito di Cairo.

Alla fine solo una domanda con Ferrero, può sorgere spontanea: che cosa dirà se stesso?

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro