Connect with us

Cerca articoli

Motori

Ferrari: le avversità si superano marciando

Due campionati del mondo persi consecutivamente all’ultima gara quando al volante c’era Schumacher, che prima tamponava maldestramente Jacques Villeneuve (Jerez 1997) e poi rimaneva fermo al via lasciando il trionfo ad Hakkinen (Suzuka 1998). Meccanici affannati a cercare una gomma latitante durante il pit-stop di un’altra “Rossa” in piena lotta per il titolo (Irvine, Nurburgring 1999). Un altro iride gettato dalla finestra (o forse sarebbe meglio dire, “dal muretto”) per una strategia di gara “kamikaze” (Alonso, Abu Dhabi 2010) Le lacrime di Alesi per un cuscinetto in fiamme che bruciò la vittoria tanto attesa (Monza 1995). Il fumo di un motore rotto che, a tre giri dalla fine, dissolve un successo inseguito e meritato (Massa, Ungheria, 2008).

Con ogni probabilità, chi è ferrarista con una memoria almeno venticinquennale ha vissuto delusioni d’intensità superiore a quella provata per l’incidente al via del Gran Premio di Singapore che ha eliminato Vettel e Raikkonen. Un fatto che ben si spiega con le parole dette da Luca Baldisseri, allora responsabile delle operazioni in pista del Cavallino Rampante, pochi istanti dopo la biella che quel giorno a Budapest tradì Felipe: «Queste sono le corse». Una frase laconica, forse impietosa e, volendo, anche dal retrogusto fatale nella forma. Ma essenziale, semplice e veritiera nel contenuto.

Che piaccia o meno, le gare di F1 sono fatte anche di storie come il botto allo start di Marina Bay. Se è abbastanza scontato affermare che sarebbe meglio non capitassero, occorre far notare che non dovrebbero nemmeno stupire. Perché successero anche a Schumacher, spedito fuori due volte consecutivamente alla prima curva (Austria e Germania) nell’anno del primo mondiale (2000), e ad Alonso (Belgio e Giappone 2012). E non va dimenticato che pure Mercedes (Spagna 2016, aggancio tra Rosberg ed Hamilton alla quarta curva), McLaren (sgambetto di Coulthard ad Hakkinen, Zeltweg 1999) e Red Bull (Turchia 2010, incontro ravvicinato del terzo tipo fra Vettel e Webber) hanno le loro belle carambole nell’armadio.

Semmai sarebbe più interessante capire perché quest’anno, su quattro incidenti alla partenza che hanno messo fuorigioco almeno uno dei piloti coinvolti (Spagna, Austria, Ungheria, Singapore), Verstappen sia sempre stato presente. O perché Maranello, se ci si sofferma un attimo sullo scatto non impeccabile di Vettel, palesi ancora qualche difficoltà (da noi già annotate) allo spegnersi dei semafori.

Ma, per il resto, la collisione che ha aperto un’autostrada al successo di Hamilton è stata un episodio di gara e, come tale, dev’essere vissuta e accettata. Se vuole ancora ambire alla vittoria del titolo mondiale, la Ferrari dovrà ora superarne le conseguenze, riflesse unicamente sullo stato d’animo di tutta la scuderia, gettandosela alle spalle e guardando esclusivamente al prossimo appuntamento, in programma fra due settimane in Malesia. Mettersi a recriminare sulla grande occasione sfumata, perché si correva su un circuito favorevole dove erano alte le possibilità di vittoria dopo la pole di sabato, lamentarsi con frasi tipo “Vorrà dire che a fine anno noi avremo corso una gara in meno della concorrenza” oppure fare le vittime, piangendo miseria perché gli sforzi compiuti vengono vanificati dalla sfortuna e dal destino cinico e baro, equivarrebbe a compiere il primo passo per archiviare ogni speranza di rimonta e consegnare definitivamente il titolo alla Mercedes e a Lewis Hamilton.

Al contrario, pensare esclusivamente alle soluzioni da portare in pista a Sepang, immaginando il riscatto e convertendo in energia positiva il senso di frustrazione e di rabbia accusati dopo la prima curva di Marina Bay, significherà aver intrapreso la giusta strada per una reazione da squadra che, aldilà di quello che emergerà dalle ultime sei piste della stagione, possiede comunque i requisiti morali richiesti a una legittima pretendente a un obiettivo di prestigio come il campionato del mondo di F1.

Le avversità si superano marciando e a Maranello, ora più che mai, non è tempo di mettersi a sedere.

Tommaso Nelli
A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Avrebbe compiuto oggi 63 anni Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro