Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Ferrari 2018: Una Rossa un po’ grigia. Anche il Cavallino è dipendente dal “vizio”?

FERRARI 2018 – IL NOSTRO FOCUS

Una Ferrari tutta rossa. Anche bella? Beh, non esattamente: in primis perché con l’Halo nessuna monoposto può essere accattivante. L’importane è che sia vincente: intorno alla neonata SF71H gravitano pianeti paralleli legati da un fil Rouge pronto a…spezzarsi qualora non arrivasse il titolo mondiale.



Tutta Rossa? Altro che tradizione…

Tutta rossa, con solo alcune sfumature grigie. Ricorda qualcosa? Forse un pacchetto di sigarette? Ancora meglio: le IQOS, quelle elettroniche della Philip Morris? Guarda un po’: il main sponsor del cavallino rampante dopo l’addio della Santander. E ha appena rinnovato il contratto. E però è vietato pubblicizzare un prodotto dannoso per la salute. E allora? Facile, la multinazionale ha anche altri interessi: la sigaretta elettronica. Et voilà: al posto del “codice a barre” ecco una bella sfumatura di grigio…fumo. Che sul rosso, poi ci sta benissimo. Appunto.

La scalata di Maurizio Arrivabene

E poi c’è Maurizio…Arrivabene. Anzi benissimo, in Ferrari. La Formula 1, del resto, vive di finanziamenti delle multinazionali. In questo senso, la Philip Morris è un alleato preziosissimo. E potente. I maligni sostengono che Arrivabene sia ai vertici della Ferrari per via della sua lunga amicizia con gli Agnelli e gli Elkann e la lunga carriera nella multinazionale che finanzia la Ferrari. Beh, di certo è stato un manager di successo proprio della casa del tabacco. Nel 1997 approda in Philip Morris, dedicandosi al marketing e alle attività promozionali. Fra cui le belle e ricche giornate a Madonna di Campiglio. Arrivabene è stato a lungo il Trait-d‘union fra il Cavallino Rampante, la Desmosedici e il colosso del tabacco. Un rapporto strettissimo con i vertici di Maranello e Borgo Panigale che, unita alla passione per i motori, l’abilità affaristica e un carattere “rampante”, celebra il matrimonio con il Cavallino nel 2014.

Marchionne però lo marca stretto…

Dal 24 novembre 2014 Arrivabene è Team Principal Ferrari. E sembra che negli ultimi tempi, complici i risultati sportivi non eccelsi raggiunti negli ultimi anni, ivi compreso il mondiale sfumato pochi mesi fa, si sopporti a denti stretti con Sergio Marchionne. L’AD ha tagliato teste coronate e fior di ingegneri (Tombazis e Pat Fry) sino ad arrivare ad Allison tornato in Inghilterra alla fine della scorsa stagione. E perché non Arrivabene? Il TP resiste al muretto proprio perché, secondo i bene informati, avrebbe spalle forti e coperte dalla Philip Morris che fra l’altro sarebbe anche ben disposta a riaverlo con sé.  Non a caso la data dell’addio con la Ferrari era già fissata: fine 2018, in concomitanza con la fine della sponsorizzazione tabagista, che vale oltre 70 milioni di euro a stagione. E adesso? Tutto da rifare. Ecco perché tutti, ma proprio tutti, sperano che la Ferrari vinca. Nel 2018 oltre al…fumo serve l’arrosto. Purché in fumo e arrosto non finiscano i motori…

FERRARI 2018 – IL NOSTRO FOCUS

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Motori

In Belgio un destino lontano 28 anni regalò Schumacher alla storia della Formula 1 Il 30 Agosto 1992 al Gp di Spa, in Belgio,...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua morte, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro