Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ferdinando Sforzini, che non si scorda mai chi è

[themoneytizer id=”27127-1″]

Ferdinando Sforzini, che non si scorda mai chi è

Lasciamo da parte tutto. Non perché non conti, anzi, perchè si fa fatica a mandarlo via. Mio padre diceva che chi si interessa davvero alle cose del mondo, è destinato all’ulcera perenne. Sono stati giorni di sangue versato sulle divise, estorto ad una donna che voleva lasciare il marito, non visto per un naufragio a Lampedusa. Ci si rischia di abituare a tutto. E di non sentire l’ulcera.
Però è stato anche un periodo di piccole, piccolissime storie che sono passate e che hanno lasciato una traccia bella. Forse non sufficiente a sanare il morbo di negatività che ci attanaglia.

Prendiamo questo ragazzo qui. Si chiama Ferdinando Sforzini. Ora gioca nel Palermo, in serie D. La sua carriera è stata quella di un buon mestierante di provincia, passato in squadre che dopo o prima di lui avevano conosciuto traguardi prestigiosi, perchè la vita a volte è anche un appuntamento col destino sotto forma di pallone. Sassuolo, Avellino, Bari, anche una puntata in un club estero, il Cluj.

Gioca in una formazione che finora è stata la schiacciasassi della serie D, sesta vittoria consecutiva. Contro la Cittanovese. Sforzini è in panchina durante la partita, entra e dopo circa un minuto, segna. Ma non è tanto questo. Dopo è il momento di parlare davanti ai microfoni, domande normali, cui un calciatore ormai risponde con il pilota automatico, sorridendo, cortesemente. Ma è il suo primo gol in maglia rosanero e parte inesorabile una domanda: “a chi lo dedichi questo gol?”. Lui inizia bene, tranquillo: “a mio figlio”, poi prosegue con la voce che assume una parabola discendente. “Lo dedico a lui che vive lontano e non lo vedo quanto vorrei”. Alla seconda domanda sul figlio la voce è rotta dall’emozione. Gli si chiede perché si stia commuovendo così.

Lui risponde “sono un padre, è un legame forte e non riesco a vederlo sempre”. Qui non si parla di calciatori miliardari, si parla di un buon mestierante di provincia. Ferdinando è tra quei padri che sente forte il legame, uno di quegli uomini che comunque si ricorda sempre di essere un papà e che forse vorrebbe dimostrarlo più frequentemente. E che si augura soprattutto, che il proprio figlio sia orgoglioso di lui. Come lo spera chiunque con qualsiasi mestiere. Perchè se si è buoni padri, vicini o lontani, un giorno sarà bello vedere il proprio figlio dire parole che non sono solo tramandate, sono tatuate addosso.

E speriamo che Ferdinando abbia tanti gol da dedicare al figlio. Tantissimi ancora.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro