Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Varie

FederTennis: Vincere, ad ogni età’

Nei primi di marzo si è disputato a Pesaro l’incontro tra Italia e Svizzera,  valido per il primo turno della Coppa Davis. La selezione elvetica, orfana di Roger Federer e di Stan Wawrinka, partiva da grande sfavorita e non è infatti riuscita ad opporsi alla squadra italiana. Tutto merito della solidità del gruppo azzurro, guidato soprattutto da Paolo Lorenzi e da Andreas Seppi, i veri artefici della vittoria.

Il senese è riuscito ad imporsi nel primo match sull’esperto uomo-Davis Marco Chiudinelli dopo una maratona di 5 set, un match pazzesco nel quale alla fine gli sforzi di Lorenzi hanno pagato alla grande. Andreas invece era atteso da un match piuttosto abbordabile col giovanissimo Henri Laaksosen, e pur non esprimendo il suo miglior tennis ha portato a casa una sofferta vittoria in quattro set.

Poi il doppio Bolelli-Seppi ha avuto vita facile sulla coppia formata sempre da Chiudinelli e Laaksosen, sfruttando soprattutto l’inesperienza di quest’ultimo e portando quindi alla vittoria l’Italia. Di lì, gli ultimi due incontri vinti da Cecchinato e Lorenzi, che erano una pura formalità e hanno sancito il definitivo 5 a 0 per gli azzurri.

Va detto che la sfida con la Svizzera era un test tutt’altro che proibitivo, la squadra italiana non poteva certo farsi sfuggire questa ghiotta occasione, ma va comunque riconosciuto l’ottima prova della nostra selezione. Una vittoria che fa morale e che ci fa ben sperare.

E fortunatamente non è questa l’unica gioia che ci ha regalato il tennis italiano negli ultimi tempi. Perché tra il 19 e il 21 febbraio a Bucarest è andato di scena l’atto finale della Winter Cup – i campionati giovanili europei – e l’Italia non ha affatto demeritato.

I primi giorni di febbraio la squadra degli Under 14, guidata dal capitano Massimo Valeri e formata da Lorenzo Musetti, Lorenzo Rottoli e Fausto Tabacco, era riuscita a qualificarsi per la fase finale della competizione, grazie alla vittoria sulla Svizzera – sempre lei, ironia della sorte -, malgrado fosse nettamente sfavorita. Sono bastate le vittorie dei due singolaristi Musetti e Rottoli, sui più quotati avversari elvetici, per superare la fase a girone in modo più che brillante.

Poche settimane dopo l’Italia ha letteralmente sbaragliato la concorrenza. Prima, nei quarti, ha avuto la meglio sulla Russia, poi in semifinale e in finale ha battuto la Francia e la Repubblica Ceca, le prime due teste di serie, aggiudicandosi così i campionati juniores under 14.

Un exploit davvero incredibile, se si pensa che in 35 anni questa è solo la seconda volta che l’Italia conquista la vittoria in questa competizione, dopo il successo di 10 anni fa.

Ma non è questo l’unico risultato rilevante. Perché anche i ragazzi dell’under 16 sono stati protagonisti di una grande prova, piazzandosi terzi nella competizione. La squadra, formata da Riccardo Perin, Gabriele Bosio e Federico Arnaboldi e capitanata da Stefano Pescosolido, era riuscita a superare la fase a girone senza intoppi, per poi passare il primo turno battendo la Repubblica Ceca.

In semifinale però è arrivata la sconfitta contro l’Olanda, che si imposta nel decisivo match di doppio, un incontro tiratissimo che si è concluso solo dopo il cosiddetto super-tiebreak. Nonostante la delusione, il gruppo non si è demoralizzato, andando comunque a vincere la finalina per il terzo posto contro il Belgio. Un pizzico di rammarico rimane, ma il risultato azzurro è comunque ottimo.

Dopo questi campionati europei non si possono che tirare le somme. Il movimento juniores in Europa sta vivendo un periodo di transizione, nel quale le nazioni storicamente più forti hanno iniziato ad arrancare. Ad approfittare di questa fase di stallo ci hanno pensato soprattutto la Repubblica Ceca e la Russia, ma anche l’Italia non è stata da meno. I risultati raggiunti sono stati sorprendenti e fuori da ogni più roseo pronostico, segno forse che il nostro movimento giovanile non è così in crisi come sembra.

Malgrado le croniche difficoltà, prettamente italiane, in cui versa il movimento juniores – nel tennis come in tanti altri sport-, non ci resta che aggrapparci a queste vittorie, sperando che i nostri giovani talenti ci sorprendano ogni giorni di più e ci regalino nuove soddisfazioni.

FOTO: www.tennispress.it

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione L’8 aprile 1992 il tennista afroamericano Arthur Ashe dichiarava al mondo intero la sua sieropositività a causa...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Tennis

Martina Trevisan: la luce che illumina il Tennis Italiano “Quello che non uccide, fortifica” è una citazione molto usata e credo che in questo...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 64 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Altri Sport

Sportivi da laboratorio: dammi il DNA, farò di te un campione Vi ricordate Gattaca – La porta dell’Universo? Nel film di Niccol si ipotizzava...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro