Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Federico al quadrato: l’Italia più che azzurra è viola

Il destino è beffardo, spesso la vita ti pone davanti a degli ostacoli da superare. Che  molte volte sembrano insormontabili. E’ un po’ la storia che lega gli scontri tra Italia e Germania. Quando i tedeschi leggono il nome dell’Italia sul tabellone, sicuramente non sorridono; gli italiani, invece, riavvolgono sempre il nastro alla famosa semifinale del 2006 in Germania ed ai tanti scontri in campo europeo favorevoli agli azzurri. L’ultima giornata del girone degli  Europei U21 sembra scritta da un romanziere thriller, che ha messo per l’ennesima volta contro Italia e Germania. In virtù della nuova formula federale, questa partita contava più di una semplice partita di un girone ma consentiva alla prima classificata di staccare il biglietto per la semifinale. L’esito finale, però, non dipendeva soltanto dal match tra azzurri e tedeschi ma, sopratutto, da ciò che accadeva tra Danimarca e Repubblica Ceca: qualora avesse vinto la Repubblica Ceca, l’Italia avrebbe dovuto vincere almeno con il risultato di  3-1. Per fortuna gli uomini di Di Biagio non hanno dovuto fare i conti con la differenza reti ma hanno tirato un sospiro di sollievo al 4-2 rifilato dalla Danimarca ai cechi; in contemporanea a Cracovia ci ha pensato Bernardeschi a metter la firma sul pass della semifinale siglando il gol del definitivo 1-0.

Di Biagio, croce e delizia- Il tecnico azzurro in questa competizione ha rappresentato a pieno l’andamento dei suoi: altalenante. Un avvio sufficiente contro la Danimarca, la debacle contro la Repubblica Ceca ed il colpo di genio contro la Germania. Di Biagio decide di tenere fuori nel match contro i tedeschi Petagna, autore di una prestazione negativa contro i cechi, per schierare un tridente- fantasia: Chiesa e Berardi sulle fasce, a supporto del falso nueve Bernardeschi. Una scelta che si è rivelata azzeccata e che ha messo in difficoltà la difesa non perfetta della Germania, che ha sofferto la velocità di Chiesa e l’estro di Bernardeschi. Il tecnico azzurro, per trasformare questa avventura in Polonia in una favola, deve compiere il miracolo contro la Spagna, la squadra più forte del torneo ed avversaria degli azzurrini nella semifinale di martedì alle ore 18.

Cuore azzurro- Detto, fatto. Bernardeschi lo aveva preannunciato: “Questa nazionale ha sicuramente una qualità: quella del cuore”. Qualcuno forse lo aveva messo in dubbio, gli azzurrini con una prestazione gagliarda hanno smentito tutti. Gli uomini di Di Biagio hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo ed anche giocatori come Bernardeschi e Berardi che di solito giocano sulle punte, come si suol dire in gergo calcistico, hanno affilato i tacchetti ed hanno messo in campo una grinta fuori dal comune. Il referto arbitrale parla per gli azzurri: 4 ammoniti, tra questi c’è il tridente iniziale schierato da Di Biagio. Il pressing alto studiato dal tecnico azzurro ha sortito l’effetto sperato: ha limitato la giocata ai centrocampisti tedeschi ed ha sottratto i rifornimenti agli attaccanti. Un capolavoro tattico del C.T azzurro, che nel momento più difficile ha sfoderato il colpo da top player.

Nel segno dei Federico- Questa coppia potrebbe essere letta in chiave artistica, è ancor più facile se si pensa alla squadra di provenienza: la Fiorentina, quindi Firenze I due ragazzi scuola viola si sono caricati sulle spalle la nazionale U21: Federico Chiesa partiva indietro nelle gerarchie di Di Biagio, ma nel match fondamentale il tecnico romano ha deciso di puntare su di lui scombinando le carte. Federico Bernardeschi, noto in Toscana ormai come “Il Bernardeschi in memoria del noto architetto e scultore fiorentino Brunelleschi, dopo le prime due apparizioni era stato criticato per la poca incisività sotto porta. Nel match più importante, però, ha risposto presente ed ha dimostrato di saper reggere le pressioni di una maglia pesante come quella azzurra e, sopratutto, ha dimostrato di poter reggere le tante voci che lo vedono al centro di trattative multimilionarie. La nazionale azzurra ha un tocco di artistico, una sfumatura viola, parla dialetto fiorentino ed ha una firma pregiata. Quella del Brunelles… Bernardeschi!

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

EURO 2012: la grande illusione La tradizione calcistica che accompagna il nostro paese è una delle più longeve e vincenti della storia di questa...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Il 10 Novembre 2009 ci lasciava Robert Enke, portiere tedesco dell’Hannover 96. La causa della morte: suicidio. Una...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro