Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Farewell Arsène: “Dopotutto sono come voi, un tifoso dell’Arsenal”

Epilogo breve ma intenso, culminato con un iconico “mi mancherete”. Le magliette commemorative indossate da tifosi e giocatori già nel corso del riscaldamento, così come i cori e gli applausi al momento dell’ingresso in campo, avevano contribuito a gettare Arsène Wenger nella commozione e sono riuscite a far sbottonare una persona notoriamente pacata e misteriosa. Talmente gentleman da dedicare già in apertura un pensiero “ad un rivale di mille battaglie come Sir Alex”, scegliendo volutamente di non gettare due parole frettolose alla fine del discorso di addio.

Ogni storia ha la stessa illusione, sua conclusione, e il peccato fu creder speciale una storia normale” recita una nota canzone dal titolo Farewell, parola chiave nella giornata di ogni Gunner che si rispetti. Storia senza dubbio normalizzata proprio dagli ultimi anni di saliscendi e delusioni sportive, sconfitte che varranno sempre meno rispetto a una stagione con 26 vittorie e 12 pareggi, tanto storica e quanto gloriosa: ne è una prova il mini trofeo, placcato d’oro, consegnato proprio al tecnico alsaziano dal compagno di mille battaglie Pat Rice.

Consacratosi ad Highbury, Wenger ha visto calarsi il sipario con un 5-0 all’Emirates Stadium (apertosi con le reti degli ultimi arrivati e concluso dal pupillo Alex Iwobi) contro una fra le squadre più in forma del campionato come il Burnley. Nonostante le numerose proteste, arrivate all’apice dopo la sconfitta contro il Brighton ad inizio marzo, la fragorosa vittoria di domenica pomeriggio e un pizzico di riconoscenza hanno fatto sì che il passato trionfasse sul presente. Con una domanda ricorrente: what could have been Arsenal? “Arséne, potrei avere la sua cravatta?” campeggiava invece sul cartellone alzato in alto da un bambino. Richiesta accolta con piacere, come testimoniato dalle immagini che seguono.

Da “Wenger Out” ad “Above all I am like you, an Arsenal fan”, il passo è davvero brevissimo. E’ bastato un discorso di 12 minuti per concludere 22 anni di successi, delusioni e sogni mai realizzati. Alti e leggeri, esaltanti e spesso resi vani dalla continua ricerca del bello, di qualcosa che non si è mai riusciti a trovare per davvero. Chissà se dalle parti di Finsbury Park faranno la stessa fatica anche per trovarne il successore. Forse lo stesso Arsène, come ogni tifoso che si rispetti e con la flemma che lo ha sempre contraddistinto, riuscirà a mettere da parte gli anni d’oro della sua vita nella speranza che qualcuno possa rilanciare il cannone londinese, lavorando come una holding e senza Holding in difesa. L’involuzione degli invincibili biancorossi è sotto gli occhi di tanti, resta il fatto che Arséne Wenger e l’Arsenal sono stati per molti, forse per tutti, davvero un solo nome.

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Lo Spirito di Eric Cantona Nel giorno in cui compie 55 anni, vi proponiamo il senso della vita secondo la leggenda del Manchester United,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro