Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ezio Pascutti, “l’ultima ala sinistra” del Bologna

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna

Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo si odia(va). Ad un certo punto della sua carriera si ritrovò così il friulano Ezio Pascutti. Tutto ebbe inizio nel 1963, nella gara di ritorno a Mosca degli Ottavi nella seconda edizione degli Europei: all’ennesimo fallo di un difensore sovietico reagì roteando il pugno e mettendogli le mani addosso, spingendolo. Inevitabile l’espulsione. “Finita la partita, i compagni non mi parlavano. Un tifoso mi si è avvicinato e mi ha dato del cretino, in aereo ho avuto una mezza crisi”, disse qualche tempo dopo (dichiarazioni riportate da Paolo Valenti nel libro ‘Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio‘).

Da quel match i tifosi avversari iniziarono a fischiarlo. Odiato dagli altri, ma amatissimo dai suoi tifosi: 296 partite in A, centrotrenta reti nella massima serie con la maglia del Bologna. Coraggio, grinta e cuore: il gol più famoso di Pascutti rimane il colpo di testa in tuffo all’Inter del 1966, con Burgnich ‘in volo‘ anche lui.

Ala sinistra, a volte sbagliava reti facili, ma aveva un grande intuito nell’anticipare gli avversari, capendo dove sarebbe finito il pallone. Essendo squalificato, non disputò lo spareggio che diede al Bologna il settimo tricolore. Helenio Herrera voleva portarlo in nerazzurro. In una classifica sui 100 di sempre della storia rossoblù stilato nel 2015 sul Guerin Sportivo Gianfranco Civolani lo mise al terzo posto, dietro la leggenda Angelo Schiavio e la bandiera Giacomo Bulgarelli.

In un dvd dedicato al cinquantenario dall’ultimo scudetto dei petroniani così venne descritto Ezio Pascutti: “Al Bologna ci saranno altri numeri 11, mai più l’ala sinistra”. Si è spento nel gennaio 2017. Dal 16 settembre al 18 novembre 1962 andò in gol in campionato per dieci gare consecutive: un record durato trentadue anni.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro