Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ezio Pascutti, “l’ultima ala sinistra” del Bologna

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna

Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo si odia(va). Ad un certo punto della sua carriera si ritrovò così il friulano Ezio Pascutti. Tutto ebbe inizio nel 1963, nella gara di ritorno a Mosca degli Ottavi nella seconda edizione degli Europei: all’ennesimo fallo di un difensore sovietico reagì roteando il pugno e mettendogli le mani addosso, spingendolo. Inevitabile l’espulsione. “Finita la partita, i compagni non mi parlavano. Un tifoso mi si è avvicinato e mi ha dato del cretino, in aereo ho avuto una mezza crisi”, disse qualche tempo dopo (dichiarazioni riportate da Paolo Valenti nel libro ‘Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio‘).

Da quel match i tifosi avversari iniziarono a fischiarlo. Odiato dagli altri, ma amatissimo dai suoi tifosi: 296 partite in A, centrotrenta reti nella massima serie con la maglia del Bologna. Coraggio, grinta e cuore: il gol più famoso di Pascutti rimane il colpo di testa in tuffo all’Inter del 1966, con Burgnich ‘in volo‘ anche lui.

Ala sinistra, a volte sbagliava reti facili, ma aveva un grande intuito nell’anticipare gli avversari, capendo dove sarebbe finito il pallone. Essendo squalificato, non disputò lo spareggio che diede al Bologna il settimo tricolore. Helenio Herrera voleva portarlo in nerazzurro. In una classifica sui 100 di sempre della storia rossoblù stilato nel 2015 sul Guerin Sportivo Gianfranco Civolani lo mise al terzo posto, dietro la leggenda Angelo Schiavio e la bandiera Giacomo Bulgarelli.

In un dvd dedicato al cinquantenario dall’ultimo scudetto dei petroniani così venne descritto Ezio Pascutti: “Al Bologna ci saranno altri numeri 11, mai più l’ala sinistra”. Si è spento nel gennaio 2017. Dal 16 settembre al 18 novembre 1962 andò in gol in campionato per dieci gare consecutive: un record durato trentadue anni.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 9 Ottobre 1967 veniva giustiziato in Bolivia, il rivoluzionario e guerrigliero Ernesto Che Guevara....

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro