Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ex calciatori finiti male: ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande

Ex calciatori finiti male: ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande

Vi ricordate la nota commedia diretta da Sergio Martino? Ecco, quel titolo potrebbe essere oggi riproposto per raccontare la fine che hanno fatto alcuni importanti ex calciatori, diversi dei quali hanno indossato anche la maglia di squadre italiane. Ultimo di questi l’ex stella del Barcellona transitata anche in Italia sponda Milan, Ronaldinho che secondo recenti indiscrezioni avrebbe sul conto in banca la bellezza di 6 euro.

Pubblicità

Uomini ricchi, taluni ricchissimi che, ad oggi, avrebbero perso, se non tutto, almeno una parte della fortuna accumulata. Che fine abbiano fatto ce lo racconta, appunto, il sito Goalitalia.com che dedica un articolo a quei calciatori che sono passati dalla fama alla fame (o quasi) e dai pantaloncini alle mutande.

Nel senso di essere rimasti senza il becco di un quattrino. O poco ci manca. In mutande appunto.

Che hanno perso tutti i soldi che avevano, o quasi. Tra debiti con il fisco o con privati oppure, come diceva George Best, di averli sperperati. Come? Tra vizi e stravizi come alcool o droghe oppure macchine veloci, e tutto quello che un uomo che fa il calciatore può desiderare di avere. Altri semplicemente hanno perso soldi perché li hanno investiti male. Talvolta l’una e l’altra cosa vanno di pari passo.

Ma chi sono questi calciatori?

Tra loro c’è Andreas Brehme. L’“angelo biondo”, che oggi compie 58 anni, ex storico terzino sinistro dell’Inter tricolore di Giovanni Trapattoni, arrivato in Italia alla fine degli anni Ottanta. Secondo quanto riporta il sito Goal.com, in un articolo di qualche anno fa, Brehme avrebbe avuto (o avrebbe ancora) problemi con il fisco tedesco per una cifra intorno ai 200 mila euro, e un’ipoteca sulla casa per altri 400 mila. Oggi le cose sembrerebbero migliorate visto che Motoretta, come veniva chiamato all’epoca, è tornato nel mondo del calcio e fa l’osservatore.

La meteora Cadete

O Jorge Cadete. Chi se lo ricorda? Ecco lui, a quanto pare, avrebbe perso quasi tutto. Il sito Fantagazzetta.it riporta alcune sue dichiarazioni rilasciate ad una tv portoghese in cui l’ex centravanti avrebbe ammesso di “aver perso tutti i soldi guadagnati”. E nel corso della sua carriera Cadete, di soldi, ne ha guadagnati tanti. Fino a 4 milioni di euro. Attualmente vivrebbe in povertà: con il sussidio di 189 euro a settimana e di lavori saltuari nel cinema, tanto da essere tornato a vivere a casa con i genitori. Ex centravanti del Brescia di Mircea Lucescu negli anni Novanta, fece coppia con Stefano Borgonovo ma purtroppo i gol arrivarono con il contagocce. Da molti è allora ricordato per il titolo che la Gazzetta dello Sport gli dedicò all’indomani del suo primo gol in Italia, nella partita che il Brescia perse al Rigamonti contro il Cagliari, e nella quale, a un certo punto, si mise a nevicare. Segna Cadete e nevica al Rigamonti. Fu quello allora lo spunto, per il titolo che l’indomani gli dedicò il quotidiano sportivo in rosa: “Il suo primo gol in Italia fa nevicare”.

Il cugino di Totò

E ancora Maurizio Schillaci, il cugino di Totò, l’ex centravanti di Juve e Inter, eroe di Italia ’90. Maurizio, secondo alcuni, sarebbe stato addirittura più forte del cugino Totò, ma la fortuna non lo avrebbe aiutato. Ha vestito le maglie di Licata, Lazio, Messina e Juve Stabia arrivando a guadagnare fino a 500 milioni (delle vecchie lire) a stagione. Poi l’incontro con la droga, dalla quale non si sarebbe più ripreso. Oggi, a quanto pare, vive nei pressi della stazione centrale di Palermo, chiedendo l’elemosina.

Lasciando l’Italia, stessa sorte con la droga, è toccata ai “coca-campioni”, cioè quei campioni che a vario titolo sono finiti coinvolti in storie di cocaina.

L’epopea del Diez

E quando si parla di coca e di calcio non possono, purtroppo, non tornare in mente le storie tristi del più grande calciatore di tutti i tempi, cioè Diego Armando Maradona. Il quale, nonostante la droga, ha saputo comunque vincere tutto e far vincere le squadre dove ha giocato. Ed oggi, comunque siano andate le cose, non sarebbe ancora alla canna del gas. Maradona, ad oggi, ha figli sparsi in tutto il pianeta. Ne avrebbe cinque con quattro donne diverse. Da Diego junior, avuto in Italia con Cristiana Sinagra, a Dalma e Giannina, che sono state per bocca di Diego le sue “uniche figlie”, avute dall’unica moglie Claudia Villafan, per arrivare a Jana che Diego avrebbe concepito da una relazione con una ragazza di Mar de La Plata, e Dieguito Fernando, l’ultimo bimbo avuto con l’ultima donna Veronica Ojeda.

E poi ci sono gli altri.

Gazza e gli altri

Il suo amico ed ex compagno di squadra Claudio Caniggia, ex campione di Atalanta, Verona e Roma, coinvolto anche lui in storie di coca così come il più recente Adrian Mutu, “cacciato” dal Chelsea di Mourinho nell’estate del 2005 proprio per i problemi che aveva con la cocaina. Poi Mutu si è rifatto una vita in Italia con la maglia della Fiorentina, tanto da entrare nel cuore della famiglia Della Valle. La quale, dopo che il rumeno aveva annunciato il ritiro, lo ha avuto di nuovo a corte, non quella della Fiorentina ma dell’indiana Pune City.

Altro caso eclatante e per certi aspetti quello più triste, è quello di Paul Gascoigne. Alcune fotografie apparse sul Dailymail e lo scorso anno sul Sun lo ritrassero con una bottiglia di vodka in mano e seminudo, nei pressi della sua casa in una zona esclusiva di Sanbanks, nel Dorset, mentre chiedeva aiuto ad un amico. “Sto a pezzi” avrebbe detto l’ex campione della Lazio. Peccato.

Perchè anche per Gazza, l’alcol è stato il peggior infortunio di tutta la sua vita. Ma continua a combattere.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

4 Comments

  1. Michele

    Novembre 10, 2018 at 10:52 am

    il senso di questo geniale articolo? Ci sono migliaia di giocatori professionisti e voi andate a prendere sempre i soliti quattro per fare salotto. Ronaldinho “avrebbe” solo 6 euro? e allora? La fomte? Se qualcono mettesse in giro il saldo dei vostri conti? E’ questo il vostro gioco pulito? Sembra uno di quei servizi beceri di studioaperto. Complimenti.
    E quelli del fatto ti chiedono pure il sostegno?

    • Piovan

      Novembre 14, 2018 at 2:15 am

      E’ nervoso? Dolori mestruali ?

  2. Alessandro

    Novembre 12, 2018 at 3:51 pm

    Articolaccio senza capo né coda. Il tema è vecchio, purtroppo, e nel pezzo, privo di novità e credibilità, non si capisce se si vuol far ridere (sic!) o piangere. Se l’articolista non vuol far la fine di chi racconta le sventure, consiglierei di cambiar mestiere alla svelta.

  3. Alex

    Novembre 14, 2018 at 6:57 am

    Grande cagata questo articolo. Ronaldinho ha sponsorizzazioni per milioni di euro fino a quando muore. Anche se avesse bisogno di soldi gli basterebbe pubblicizzare un prodotto sul suo profilo Instagram con 30 MLN di follower per guadagnare immediatamente altri milioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 Maggio 2017 si ritirava Francesco Totti, l’eterno Capitano della Roma. Riviviamo tutte le...

Calcio

I calciatori e i loro demoni: quanti campioni rovinati dal vizio Compie oggi 54 anni Paul Gascoigne, il talentuoso calciatore inglese la cui vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro