Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Euro ’72: l’alba del dominio tedesco

Euro ’72: l’alba del dominio tedesco

La Germania Ovest del 1972, nel calcio, poteva forse vantare un “PIL” tecnico superiore a quello economico della nazione. Una nazionale fortissima che stava “guadando” la propria storia, per così dire, due anni dopo la semifinale mondiale persa all’Azteca contro l’Italia, due anni prima del secondo trionfo mondiale nella rassegna iridata che conquisterà in casa contro la fantasmagorica Olanda di Cruijff.

Non è ancora, per il carniere dei trofei, la nazionale che farà usare a Gary Lineker, il quale del resto nel ‘72 ha soltanto dodici anni, la celeberrima frase sulla natura del calcio e le vittorie tedesche. Ma è in questo frangente storico che lo sta diventando: la fase finale del Campionato Europeo che si disputa in Belgio è l’occasione per avviare un processo di dominio calcistico che culminerà con la Coppa del mondo del ‘74.

La formula prevede, come nelle edizioni precedenti e fino al cambiamento radicale che arriverà con l’Europeo del 1980 in Italia, una fase finale a quattro, da disputarsi in uno dei quattro paesi semifinalisti, dopo un lungo cammino di qualificazione. L’Uefa elegge il Belgio e il paese ospitante in semifinale si trova di fronte proprio i tedeschi dell’ovest: per molti è una finale anticipata e il giudizio è tecnicamente congruo, visto il livello nettamente più modesto evidenziato dall’altra semifinale, tra l’URSS e l’Ungheria, terminata 1 – 0 per i sovietici.

Con una doppietta dell’implacabile, sfuggente Gerd Müller, interprete sommo del gol di rapina in area, la nazionale di Helmut Schön – personaggio che merita quantomeno una monografia – approda in finale contro i russi.

All’Heysel di Bruxelles, alle 16 del 18 giugno 1972 la Coppa Europa è una delle due cose in palio, con il senno di poi della storia: da una parte la Germania opulenta, quella che guarda il Muro dal lato di Berlino dove i marciapiedi sono incorniciati di Audi e Mercedes; dall’altro il paese guida del mondo socialista. È come se le due nazionali si contendessero il primato per la più giusta concezione del sistema di vita.

Declinare la formazione tedesca è come esibire un compendio di supremazia tecnica, nonché atletica: tra i pali vola e atterra continuamente Sepp Maier, portiere epocale, oltre che fortissimo; c’è il guardiano del faro, Schwarzenbeck e c’è il faro, ovviamente: Franz Beckenbauer; c’è un fenomenale terzino, sinistro anche nelle convinzioni ideologiche – ma non disdegnante gli agi del capitalismo – inesauribile nella corsa, il maoista Paul Breitner; c’è Gunther Netzer, vale a dire Sigfrido a centrocampo: atleta superbo, inesorabile ed elegantissimo nella falcata, dalla regia rotonda e dal piede gentile; la trequarti la completa Uli Hoeness, che quando sta bene parte e diventa quasi subito imprendibile, anche perché riesce ad andarsene zigzagando come se fosse un brevilineo; davanti, come abbiamo già detto, Gerd Müller è il libretto al portatore per ogni palla che viene investita nel cuore dell’area. A lui viene destinata la marcatura, asfissiante e senza esclusione di colpi nelle intenzioni del CT sovietico Ponomarëv, del poderoso Khurtsilava, col risultato che Müller mette la prima firma al minuto 27, per poi ripetersi mezz’ora dopo, con l’intermezzo del raddoppio tedesco firmato dal mediano Wimmer.

Quando Franz Beckenbauer prende per i manici la Coppa Europa, nel tripudio dei tanti tedeschi giunti a Bruxelles, la sollevazione del trofeo non dà luogo soltanto a una festa per le strade di Monaco, Amburgo, Stoccarda ma avvia un dominio pluridecennale, sia per i trofei vinti che per la presenza, costante, nelle finali europee e mondiali dal 1974 in poi. Anche per dare a Lineker il tempo di crescere e di prendere atto che alla fine, quando ventidue uomini si sfidano con un pallone in mezzo, quasi sempre vince la Germania.

Se non le capita l’Italia, aggiungiamo sottovoce.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 10 luglio 1922 nasceva Jake LaMotta, leggendario pugile italo-americano, simbolo degli...

Pugilato

Sandro Mazzinghi: i pugni sul ring, i cazzotti della vita Non c’erano di mezzo né il Milan né l’Inter, quel pomeriggio di fine maggio,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro