Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Esperimento Fallito

I dati numerici delle presenze allo Stadio Olimpico di Roma dimostrano – come del resto era ampiamente prevedibile – il fallimento del progetto pilota che intendeva costruire un nuovo modo di vivere il calcio cambiando la cultura del tifoso.

Lazio/Udinese di Coppa Italia: 1.970 spettatori, Roma/Spezia: 7167, di cui circa 2000 liguri ed entusiasti.

Mantova/Feralpisalò ne ha avuti 1948, ed è stato il peggior dato stagionale per la società virgiliana, che naviga nei bassifondi del girone A di Lega Pro.

Già, perché il tifoso da stadio si divide in due grandi categorie: quello che si mette seduto a vedere la partita, e che però “pretende” o a cui comunque piace un ambiente caloroso, e quello che l’ambiente caloroso lo crea.

In fondo è molto semplice.

Quando manca l’atmosfera, lo spettacolo è persino inferiore rispetto a quello che può offrire la televisione che, fino a prova contraria, costa meno, ti fa vedere la partita in comodità e ti offre diverse prospettive del match, senza rischiare il daspo se ti sposti da un divano a un altro.

Ciò detto, è evidente che se – per ragioni come abbiamo già visto in un mio precedente articolo – del tutto pretestuose, si crea un ambiente ostile non tanto per la violenza, ormai assente all’interno della curva, quanto per la creazione dell’atmosfera, l’effetto che si ottiene è paragonabile a quello di piantare in un campo semi di granturco e auspicare che venga fuori una quercia.

I burocrati sperano di sostituire il pubblico delle curve, come in effetti avvenuto in alcune città europee, dove lo stadio è pieno e, visivamente, offre un discreto colpo d’occhio.

Però nell’acquario, sia pur splendido, di Barcellona, chi si è fatto sentire – creando l’atmosfera – sono stati i 4mila impavidi e vincitori di nulla romanisti e non certo i 90mila plurititolati blaugrana.

Il tentativo è quindi destinato a fallire e non sorprende che ancora non lo abbiano capito, visto che non riescono a rendersi conto che dove passano loro non cresce più l’erba: non esiste, a Roma ma anche nelle altre città d’Italia, un pubblico destinato a sostituire allo stadio chi lo ha abbandonato o lo sta abbandonando e se oggi le società capitoline consentissero l’ingresso gratis lo stadio sarebbe comunque semivuoto.

E non esiste perché quel tipo di pubblico appartiene alla fascia più moderata, che allo stadio non va perché il divano è infinitamente più comodo ed economico. L’unica speranza per i burocrati è che si formi un pubblico “rinnovabile”, vale a dire quel tipo di pubblico che si rinnova partita per partita, senza una vera fidelizzazione. La famiglia che va allo stadio una volta l’anno spendendo 500 euro come a Disneyland, e che il turno successivo viene sostituita da un’altra famiglia.

Ciò, però, rende necessario un bacino di utenza enormemente maggiore rispetto a quello attuale e, soprattutto, stadi di nuova generazione che noi non abbiamo e che sembra impossibile costruire.

Se, quindi, il “nuovo pubblico” allo stadio non va e se il “vecchio” pubblico, che creava l’atmosfera e che tutti ora rimpiangono, pure non va perché gli è stato inserito nel cuore un divisorio ma anche perché i burocrati hanno preso a multare per il mancato rispetto del posto (solo ai locali e solo ai frequentatori di curva beninteso) e ad instillare tanti altri motivi dissuasori per accedere all’Olimpico, preferendo andare in trasferta dove si può persino fare il tifo, ecco qui svelato il mistero del vuoto.

Chi ha una certa età, ma non occorre andare troppo indietro nel tempo, ricorderà come anche in partite disastrose di Coppa Italia c’era pubblico e se vi erano 5mila presenze, comunque la  Curva Sud era piena e vociante, al pari della Nord per i laziali.

Non si tirino in ballo, quindi, i magri risultati sportivi, il terrorismo e cretinate simili: il giorno dell’abbattimento delle Torri Gemelle lo stadio era pieno, così come pieno era il settore ospiti dello stadio Olimpico di Torino dopo il Bataclan e, più in generale, nei giorni della sconfitta.

Già perché quei ragazzi che hanno ferocemente insultato i giocatori a Roma/Fiorentina della scorsa stagione, sono gli stessi che a Barcellona sullo 0-6 ancora cantavano.

E’ la passione, fatevene un ragione.

E se non li volete più, tenetevi il vostro acquario, sperando che altri pesci abbocchino.

Sarà difficile, perché nell’acqua torbida l’amo non si vede.

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

3 Comments

  1. Pingback: Esperimento fallito | gazzettagiallorossa.it

  2. Avatar

    Marco Petra

    Dicembre 23, 2015 at 3:39 pm

    la cosa più incredibile è che ogni volta che inquadrano una curva colorata (ormai quasi sono all’estero) i commentatori ne esaltano lo spettacolo, peccato che sono gli stessi che poi appoggiano la repressione inutile

  3. Avatar

    Fabrizio

    Febbraio 18, 2016 at 8:42 pm

    D’accordissimo. Il progetto cliente tifoso che in inghilterra ha funzionato abbastanza bene, in italia puo solo fallire. Non c’e’ la domanda e neanche la commodita’ nel senso di stadi adatti, per farlo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il 10 Aprile 2018 allo Stadio Olimpico la Roma compie una delle più grandi imprese della sua storia battendo il Barcellona per 3 a...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Calcio

Edin Dzeko, il Diamante di Sarajevo Compie oggi 35 anni Edin Dzeko, centravanti bosniaco della Roma che dopo aver vissuto in prima persona i...

Economia

Società italiane di calcio quotate in Borsa, andamento degli ultimi mesi Tra le società quotate in Borsa, da tempo, ci sono anche alcuni dei...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra il Milan...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro