Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Errori impatto Zero: il Var è un palliativo, il tempo effettivo la cura?

L’introduzione del VAR sembrava poter costituire la panacea di tutti i mali derivanti dalle imperfezioni umane alle quali gli arbitri, per motivi di natura, pagano inevitabilmente dazio. Le prime due giornate di campionato, per dirla alla Sabatini, hanno addensato “dubbi potenti” su questa convinzione, sollevando controversie e perplessità tra gli stessi attori principali del circo pallonaro. E la terza ha buttato, se possibile, altra benzina sul fuoco. Il tempo necessario per un rodaggio delle modalità di utilizzo dello strumento e per abituarvisi fanno sì che oggi qualcuno sia addirittura pronto a farne a meno.

La sosta per le Nazionali, ha consentito di sviluppare sull’argomento qualche considerazione meno influenzata dalle fibrillazioni del campionato, partendo comunque dal presupposto che i vertici del calcio, dopo i dovuti tempi di sperimentazione che hanno portato a decidere per l’utilizzo di questo supporto tecnologico e sebbene anche la terza giornata sia finita tra le polemiche per il suo utilizzo (Borriello docet), non hanno alcuna intenzione di tornare indietro. Posizione condivisibile ove si consideri che un sano ricorso al VAR non può che portare a una netta diminuzione degli errori nelle decisioni arbitrali, avvicinando così le direzioni di gara all’utopico punto degli zero errori nell’ambito di una partita. Magari affiancando alla moviola a bordo campo un altro strumento che renderebbe meno problematico il suo utilizzo: il tempo effettivo.

Agli amanti delle statistiche non sarà sfuggito il fatto che, dei novanta minuti previsti dal regolamento, mediamente se ne giocano non più di cinquantacinque. Perché, allora, non inserire anche nel calcio il tempo di gioco effettivo? Questo consentirebbe di eliminare gli irritanti stratagemmi utilizzati dalla quasi totalità dei calciatori per perdere tempo quando la propria squadra è in vantaggio. Penosi contorcimenti a terra dopo contatti lievi piuttosto che rinvii da fondo campo attesi più del Natale entrerebbero definitivamente negli archivi, lasciando inoltre la possibilità di ricorrere al VAR nei casi previsti dal regolamento senza che nessuno abbia da ridire per l’interruzione di gioco che questo comporta. Il tempo effettivo avrebbe inoltre l’inevitabile pregio di sollevare gli arbitri da qualsiasi responsabilità in merito alla quantificazione dei minuti di recupero da disputare dopo il novantesimo, altra situazione capace di togliere gli eventuali dubbi di favoritismo verso una delle compagini che si affrontano, che alimentano spesso nervosismo sia sugli spalti che in mezzo al campo. Il tutto senza alcuna compromissione delle ordinarie dinamiche di gioco, essendo il tempo effettivo una misurazione delegata a soggetti completamente esterni ad esse, con nessuna influenza su quello che avviene in campo tra i giocatori (al netto, ovviamente, delle conseguenze sopra evidenziate).

A ben vedere, il tempo effettivo si prospetta come una misura paradossalmente di più facile applicazione rispetto al VAR, naturalmente coadiuvante all’accrescimento della cultura sportiva nei nostri stadi. Una misura di civiltà che aiuterebbe non poco uno sviluppo più armonico, e quindi spettacolare, del calcio senza snaturarne l’essenza, consentendo al VAR stesso di venire più facilmente percepito come elemento strutturale del calcio del duemila.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Dominik

    Settembre 15, 2017 at 11:26 pm

    Il tempo effettivo sarebbe un altro passo verso l’obiettivo di dare più potere alle TV nel calcio, solo una scusa per fare più interruzioni e riempirle di pubblicità. Sicuramente è da evitare e si spera che anche questo fallimentare esperimento del VAR venga presto abbandonato prima che succeda l’irreparabile, perchè se un rigore come quello dato al Genoa contro la Juve si verificasse in una partita importante, e risultasse determinante per il risultato, nessuno crederebbe mai alla buona fede dei vari arbitri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro