Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Errori arbitrali, pareri arbitrari

Cominciamo da un esempio e premettiamo che la similitudine con i ladri non deve fuorviare il lettore: ho vecchi infissi di alluminio, ormai cedevoli e che non si chiudono più ermeticamente. Arrivano i suddetti ladri e rubano in casa, trovando poche difficoltà. Ora, io certamente potevo supporre che le mie finestre e le mie porte non fossero il massimo della sicurezza (forse non potevo permettermi di sostituirle per un fattore economico, aggiungo), ma questo non diminuisce il danno che ho subito da parte di altri. Anzi, in un certo senso ne potenzia gli effetti.

Nelle ultime settimane, dopo una serie di errori da parte dei direttori di gara che hanno complicato le partite della Roma e che fanno mancare alcuni punti alla squadra di Mourinho, abbiamo assistito a un dibattito che ha istituito sin da subito un regime di confusione, facendo scaturire delle tesi avallate anche da una parte consistente della tifoseria: sì, è vero che hai subito dei torti ma hai anche giocato male, quindi è colpa tua e non puoi attaccarti all’alibi dell’arbitro.

Concettualmente, un obbrobrio, almeno a giudizio di chi scrive. Perché i due argomenti dovrebbero procedere sempre parallelamente, senza nemmeno sfiorarsi. Dammi ciò che mi spetta, come ampiamente dimostrato dalla riproposizione degli episodi e dal parere degli esperti, poi parliamo delle mie carenze.

Anche perché, facendo l’esempio di Venezia – Roma di domenica scorsa, con un primo tempo chiuso oggettivamente in dominio totale dalla Roma, senza il rigore allucinante che l’ineffabile Aureliano ha concesso ai lagunari oggi probabilmente staremmo parlando di altro, per esempio di una Roma che può terminare la partita senza perdere la proficua identità evidenziata nel primo tempo, perché non avrebbe avuto bisogno di quelle sostituzioni che hanno intasato la manovra offensiva. Mourinho avrebbe potuto salvaguardare quell’equilibrio e sarebbe stato più probabile il terzo gol della Roma, invece che il pareggio veneziano.

Qualcuno potrebbe obiettare che di quest’ultima cosa non si avrà mai la riprova: vero; di certo, però, abbiamo avuto la prova del danno subito dalla decisione arbitrale. Dalle decisioni arbitrali, anzi, visto che c’è già una piccola statistica a riguardo.

C’è da dire che la media dei direttori di gara si sta rivelando tecnicamente di basso livello e ad alto tasso di presunzione quanto ad atteggiamenti: una pessima miscela.

Quindi, la prossima volta che in cui ci sarà una oggettiva lamentela per una decisione arbitrale che compromette una partita, non replicate ad arte che però la squadra se è più forte vince comunque, perché sapete di stare dicendo un’assurdità: se sto vincendo di un gol, deve essermi garantita la possibilità di farmelo bastare, non deve scattare il rimprovero perché non ne ho segnato uno in più per mettermi al sicuro dai danni che può procurarmi l’arbitro. Poi io rifletterò sui miei limiti e gli aggiustamenti da apportare al mio gioco, ma non mettete le due questioni nel frullatore, perché in questo senso vi abbiamo fatto “tana” da troppo tempo.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Pugilato

Gli amici, i riflessi, il gioco di gambe: storia di Willie Pep Ci si può scordare di un re? A quanto pare sì; perché...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Calcio

Mourinho logora chi non ce l’ha Una premessa doverosa: un giorno, forse, a Roma – ma vale per il resto d’Italia – impareremo a...

Pugilato

Tyson Fury: al Dio degli inglesi non credere mai E se Tyson fosse un presagio, invece che un nome? Capita quando non incontri mai...

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli Compie oggi 63 anni Thomas Hearns, uno dei pugili più forti della storia, protagonista insieme a Marvin Hagler...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Inchieste & Focus

Bisogna mettersi d’accordo, a un certo punto, anche se per noi non ce ne sarebbe bisogno: un campione va giudicato in base ai risultati...

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro