Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Eraldo Pecci, la classe di “Piedone”

Eraldo Pecci, la classe di “Piedone”

Esordio in Serie A sul campo della Juventus, campione d’Italia sui bianconeri, due secondi posti a una lunghezza da Madama e il pallone appoggiato a Maradona per quel calcio di punizione che il 3 novembre 1985 piegò la squadra di Trapattoni dopo otto vittorie consecutive.

La carriera di Eraldo Pecci sembra legata a doppio filo anche alla Vecchia Signora. Arrivato ventenne in granata nel 1975 dal Bologna (apprese la notizia prima dai mezzi di comunicazione e non dalla società) su suggerimento di Edmondo Fabbri. Ironico, sempre pronto alla battuta, era lui il motore del Torino che Gigi Radice riportò al tricolore ventisette anni dopo la tragedia di Superga. Sembrava quasi strano, per lo meno inusuale, che un giocatore così giovane e senza tanta esperienza -anche se nel ’74 in rossoblù aveva vinto la Coppa Italia- possedesse un senso così spiccato del ritmo da imprimere a una partita. La capacità di avvertire quando era il momento di dribblare o quando, all’opposto, accelerare.

Dalle sue intuizioni partivano lanci e fraseggi, impostazioni e aperture. Nella seconda stagione a Torino (quella dei 51 punti della Juventus, uno in più dei cugini e della scomparsa di Giorgio Ferrini per emorragia cerebrale) Pecci patì una frattura esposta del perone della gamba sinistra e dovette fermarsi per due mesi: con lui sempre in campo, chissà se lo scudetto sarebbe arrivato a Villar Perosa…Una botta forte a livello psicologico al punto che qualcosa cominciò a incrinarsi nel complesso di squadra e di meccanismi interni alla società. E se con i granata aggiungiamo le due finali consecutive perse ai rigori ci rendiamo conto di quella sofferenza entrata di diritto nel dna granata. Eraldo conclude così il suo libro ‘Il Toro non può perdere’: “I più sostengono che il Toro assomiglia alla vita: nascita e morte, un po’ di gloria in cambio di tanto pentimento. Per come la vedo io, il Toro agisce in questo mondo ma non è una cosa terrena: può non vincere il campionato, subire valanghe di gol nelle stracittadine, può retrocedere, può avere società che distruggono settori giovanili, può fallire, ma non può perdere. Il Toro non può perdere”. Nel 1981 il trasferimento alla Fiorentina, dove vi rimase quattro stagioni -sfiorò lo scudetto- prima dell’unica annata sotto il Vesuvio. Nel 1986 il ritorno al Bologna.

Le battute di Pecci: una volta Radice disse ai suoi di tirare fuori i c……i e lui disse a un compagno: <<Il Mister ha detto che devi uscire>>. E quella volta da commentatore tecnico della Nazionale al fianco di Pizzul dopo una grande parata del portiere turco: <<Questo portiere ha otto…mani>>. Nel 2013 sul Guerin Sportivo Matteo Dotto l’ha inserito al diciassettesimo posto nella classifica dei 100 granata di sempre.

Da non perdere

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Altri Sport

Seve Ballesteros e il Miracolo di Medinah 2012 Avrebbe compiuto oggi 64 anni Severiano Ballesteros, uno dei più grandi golfisti della storia recente. Il...

Snooker

Stephen Hendry, il ritorno del Golden Bairn (prima parte) Uno degli argomenti più dibattuti sui social media, in questo inizio di 2021, è il...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Interviste

A tu per tu Roberto Cammarelle, il signore del ring Partita con l’accensione del simbolico braciere a Fukushima l’edizione numero trentadue dei Giochi Olimpici...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City Il 5 Aprile 1994 Kurt Cobain si suicidava sparandosi nel suo garage. E...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro