Connect with us

Cerca articoli

Calcio

ENGELBRECHT: L’ANGELO DEL CALCIO CHE FA GOL CON IL DEFIBRILLATORE

Miracoli della scienza o miracoli della vita.

Fosse per gli uni o fosse per gli altri, la storia che stiamo per raccontare è semplicemente straordinaria. Va letta e riletta, soprattutto dagli sportivi, che praticano lo sport, non come hobby, ma come professione e ai quali purtroppo, può capitare, o è già capitato di imbattersi proprio nel mezzo della carriera, nel più brutto degli infortuni.

Quello che ti tiene lontano dai campi, dalle pedane, o dalle piscine per mesi. E a quel punto la paura che la carriera sia a rischio, potrebbe prendere il sopravvento. Del resto, quanti campioni in erba, reduci da un grave infortunio, non sono mai riusciti a riprendersi? Oppure, ancora peggio, in quanti si sono completamente persi senza mai più riuscire a ritrovarsi? Senza per forza fare dei nomi, la storia dello sport è fin troppo zeppa di casi del genere.

Per questo che tutti gli infortunati, che hanno almeno una speranza di tornare ad essere degli atleti, devono conoscere la storia di Daniel Engelbrecht, calciatore 25enne di una squadra che milita nella terza serie tedesca: lo Stuttgarter Kickers. Non è un caso come scrivono quelli de La Gazzetta dello Sport che “Engel” in tedesco voglia dire “angelo”.

Daniel è stato così l’angelo di se stesso. Che è riuscito a cavarsela anche quando tutto sembrava perduto.

In quel maledetto 21 luglio del 2013, poco più di due anni fa. Quando Engelbrecht nel corso della gara contro il Rot-Weib Erfurt, cadde a terra in seguito ad un malore. Un maledetto malore. Di quelli che arrivano e ti prendono all’improvviso. E ti lasciano pochissime speranze di ripresa. Come accadde a Puerta in Spagna oppure a Morosini qui da noi. Così anche Engelbrecht sembrava spacciato. La rianimazione in campo. Il trasporto in ospedale. Gli esami clinici che rilevano un’infiammazione al cuore. Il ricorso all’intervento chirurgico. Anzi, agli interventi chirurgici. Non uno, quattro. E non è ancora finita. La morte per attacco cardiaco improvviso è sempre dietro l’angolo.

A quel punto i medici decidono di impiantargli un defibrillatore interno. Però lo avvertono, niente più calcio. Ma Daniel senza calcio non può vivere. E allora decide di tornare a giocare. “ Ma non hai paura?” Gli chiedono. “ Certo, ma senza calcio non riesco a stare”. Il 22 novembre del 2014 ritorna in campo e gioca per 7 minuti nella partita contro il Ravensburg. Poi, il 7 dicembre, il miracolo si è completato. I Kickers giocano contro il Wehen Wiedsbaden e all’91’ il risultano è fermo sulla parità. 1-1. Daniel è in campo da circa 8’. E’ entrato all’83’ quando l’allenatore pur dosando il suo impiego, ha deciso di mandarlo in campo.

Vai Danny vai.

Così quando mancano pochi istanti al triplice fischio sui piedi di Daniel capita il pallone giusto, la palla del match. E Daniel, da attaccante quale è sempre stato, non sbaglia, regalando la vittoria ai Kickers. A fine partita, le lacrime e quella maglietta con quella scritta che sembra un monito per tutti quanti: “ Nulla è impossibile” .

Lo abbiamo sempre pensato ma non eravamo sicuri. Adesso lo siamo. Grazie Daniel per avercelo dimostrato.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Calcio

Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo Per la Giornata Internazionale dedicata al risparmio energetico, vi portiamo a Nizza per entrare...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro