Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Elogio del ciclismo in TV

[themoneytizer id=”27127-1″]

Elogio del ciclismo in TV

E’ tempo di Giro sulle strade italiane, e dunque sulle televisioni di molti appassionati e molti avventizi, cioè coloro a cui importa poco del ciclismo negli altri undici mesi dell’anno ma che mettono sempre un occhio sul Giro. In Italia si può scegliere se vederlo sui canali RAI,Eurosport, via satellite, digitale terrestre o streaming. Di là o di qua, io sono fan di Eurosport lo dichiaro, si levano comunque voci, al bar, e ormai più nei tweet con cui si interagisce coi telecronisti che le corse siano noiose fino a quando si arriva agli ultimi chilometri. Chi dice che accende a venti dall’arrivo, chi a trenta, chi a cinquanta, come l’ormai famoso Eliseo Olmi. I tweet un po’ polemici un po’ provocatori di Eliseo sono stati resi famosi dalla coppia targata Eurosport Magrini-Gregorio con Luca (Gregorio) che li usa sapientemente per far divampare gli sfoghi di Riccardo (Magrini), che col suo vocabolario mezzo toscano mezzo personale è uno dei più interessanti personaggi televisivi in ambito sportivo  ormai da anni. Eliseo invece in un tweet ha fornito lo scorso anno il suo indirizzo. Ho verificato sull’elenco del telefono e ne luogo indicato abita veramente una persona con quel nome, dunque si tratta probabilmente di una persona reale e non di un fake creato ad arte.

Ora vorrei portare però la riflessione sul ciclismo in TV su dei binari più filosofici. Se cercate l’emozione istantanea di una corsa potete vedere solo l’arrivo, quando c’è la volata, o qualche momento di una grande salita di quelle epiche, verso il Mortirolo o lo Stelvio da noi o il Ventoux o l’Alp d’Huez al Tour. Non tutta per carità, le salite sono lunghe e vi annoiereste comunque.

Considerate però che il ciclismo non è una partita di calcio o un incontro di boxe. Il ciclismo è un po’ la radio contrapposta alla televisione. Si accende, ci si sintonizza sulla tappa e un po’ si guardano le immagini, un po’ si ascolta, intanto si fa altro, si cucina, si stira, si legge il giornale. Però si ha compagnia. Esattamente quel che fai quando te ne stai con la radio accesa, mentre con la TV devi seguire il film o la partita altrimenti ti perdi. Il ciclismo, le grandi corse a tappe soprattutto, ti danno questa possibilità. Poi nei momenti topici ti siedi e ti guardi la salita, la volata, la maglia rosa in crisi che si stacca, la caduta, e coi mezzi tecnologici di oggi se ti accorgi qualche secondo dopo che in corsa è successo un fatto importante  puoi anche tornare indietro in tempo reale e apprezzare tutto l’episodio saliente.

Le corse ciclistiche sanno essere lente e accompagnarti per ore, in salita a volte non si va nemmeno a 15 chilometri l’ora, e veloci e pericolose, in discesa spesso si raggiungono i 90/100 all’ora, con cambi repentini: dieci metri fa stavi arrancando in salita, ora hai scollinato e scendi che superi le moto. Poi in pianura, il momento di, apparente, tranquillità ai 40 all’ora. Non è tanto diversa la vita: lente lotte per raggiungere gli obiettivi, vorticosi momenti di eccitazione, lunghe transizioni piatte nell’ordinaria quotidianità dove improvvisamente può accadere qualsiasi cosa: una caduta, una foratura, la notizia di un avversario in difficoltà per un ciclista, una morte, una vincita, un innamoramento, un incidente per un vivente.

E allora smettiamo di metterci davanti alla TV a guardare il Giro per lamentarci che ci annoiamo. Scegliamo delle voci narranti capaci di interessarci e per una volta viviamo la televisione come fosse una vecchia radio. Vi assicuro che  al termine delle tre settimane delle tre grandi corse mi sento un po’ orfano di queste voci che mi pareva di avere in salotto mentre scrivendo le mie storie e facendo le mie ricerche per scriverne domani di nuove mi lasciavo portare da loro  per chilometri sulle strade del Giro.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Francesco Beltrami

Francesco Beltrami nasce 55 anni fa a Laveno sulle sponde del Lago Maggiore per trasferirsi nel 2007 a Gozzano su quelle del Cusio. Giornalista, senza tessera perché allergico a ogni schema e inquadramento, festeggerà nel 2020 i trent'anni dal suo primo articolo. Oltre a raccontare lo sport è stato anche atleta, scarsissimo, in diverse discipline e dirigente in molte società. È anche, forse sopratutto, uno storico dello sport, autore di diversi libri che autoproduce completamente. Ha intenzione di fondare un premio giornalistico per autoassegnarselo visto che vuol vincerne uno e nessuno glielo da.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione L’indipendenza basca è un capitolo della geopolitica che ha legami con l’origine sconosciuta...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 16 agosto 2019 ci salutava Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi...

Altri Sport

Pronta a ripartire anche la stagione ciclistica 2020, compromessa integralmente dall’emergenza Covid, che è coincisa con l’inizio della stagione, con un calendario fitto che...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Ieri erano esattamente 22 anni da quel 27 luglio del 1998...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 18 luglio 1914 nasceva Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano e...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Altri Sport

Lo Sport secondo Ernest Hemingway Il 2 luglio 1961 si suicidava, a poco più di 60 anni di età, lo scrittore americano Ernest Miller...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Il primo luglio 1903 prendeva il via la prima edizione del...

Snooker

Nestor “Nenè” Gomez: il Professore, eternamente Ragazzo, della stecca (parte tredici): I due Nenè Nella seconda metà degli anni ’50 il nostro Nenè, ancora...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Snooker

Nestor “Nenè” Gomez: il Professore, eternamente Ragazzo, della stecca: Il Maestro dei Maestri (parte dodici) La forzata esclusione dalla World Cup ’97 induce Gomez,...

Pugilato

Hagler – Mugabi, il Meraviglioso contro la Bestia Nel giorno in cui Marvin Hagler compie 66 anni,  vi portiamo sul ring di uno degli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro