Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Elezioni Fifa, il Candidato Sexwale:”Girano Bustarelle”

Non puoi pulire con un panno sporco un tavolo che è già sporco di suo. Chi lo conosce, di Tokyo Sexwale, apprezza soprattutto il coraggio. Di dire le cose che vanno dette; di prendersi le proprie responsabilità. Il coraggio a uno come Tokyo Sexwale, non è mai mancato. Fin da quando era un ragazzo e per le strade di Orlando West (la sua città natale in Sudafrica) manifestava da attivista contro le politiche di apartheid. Un coraggio, quello di manifestare contro le politiche del regime sudafricano dell’epoca, che Sexwale pagherà anche e molto caro: arrestato nel 1976 per cospirazione e terrorismo verrà liberato nel 1990 dopo 14 anni trascorsi in prigione.

Ma il carcere non servirà a togliergli il coraggio. Lo stesso che, alcuni giorni fa, con l’imminenza delle elezioni FIFA nelle quali si presenta come il candidato alla presidenza, lo porta a lanciare un nuovo e inquietante grido di allarme sulla situazione in cui versa l’organizzazione che potrebbe comandare per i prossimi anni. La più importante al mondo per quanto riguarda il gioco del calcio. Che agli occhi dell’ex ministro sudafricano all’Urbanistica si presenta appunto come “tavolo sporco”. Che deve necessariamente essere ripulito. Un tavolo che al contrario rischia di sporcarsi ancora e peggio, perché, secondo Sexwale, nell’ambito di queste elezioni per la presidenza (previste per il prossimo 26 febbraio), starebbero girando “bustarelle”. Ci sarebbe insomma, e fosse la prima volta, puzza di nuove tangenti.

Il politico sudafricano che parla nel corso di un’intervista, non dice altro di più. Non dice chi siano i corrotti e chi i corruttori. Chi abbia pagato e quanto. Si ferma al peccato ma senza dire, invece, chi siano i peccatori. Ma comunque la sua denuncia non è di quelle che possono passare inosservate. Non può perché la FIFA è appena uscita (o sta ancora uscendo) da uno scandalo corruzione (guarda un po’ il caso) che la scorsa estate ha travolto il suo ex presidente Sepp Blatter e anche il possibile successore Michel Platini. Entrambi condannati dalla FIFA a 8 anni di squalifica perché “colpevoli di abuso e corruzione”. Il caso riguarda il pagamento di 2 milioni di franchi svizzeri che Blatter da presidente FIFA versò a Le Roy Michel, per una consulenza svolta tra il 1998 e il 2002, che però, secondo il Comitato Etico della FIFA non avrebbe avuto alcuna base legale.

Insomma, soldi in “nero” che sarebbero usciti dalle casse dell’organizzazione ma senza un benché minimo perché. Fuori Blatter e Platini, come ha scritto qualcuno sembrava finita un’epoca e il calcio aver girato definitivamente pagina. E invece, con queste nuove dichiarazioni di Sexwale, ritornano i fantasmi del passato. La FIFA sembra rimasta una foresta in mano ai lupi. Che ogni tanto perdono il pelo. Ma a quanto pare, non perdono il vizio.

FOTO: www.theguardian.com

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Ognuno di noi, che ne sia conscio o meno, ha una missione, un obiettivo che diventa il...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro