Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio

Il 4 luglio 2004 allo Estadio da Luz di Lisbona la Grecia si impone 1 a 0 sui padroni di casa del Portogallo, diventando Campione d’Europa in quella che rappresenta una delle imprese più grandi della storia del calcio recente. Riviviamo la cavalcata ellenica verso la gloria.

Nati per subire, cresciuti per vincere. Se si dovesse riassumere in poche parole il trionfo della Grecia all’Europeo calcistico del 2004, queste probabilmente sarebbero le più efficaci. Quando si parla del miracolo di Otto Rehhagel, non si può non parlare di una nazione: mai quanto in quella circostanza un gruppo di giocatori ha incarnato meglio lo spirito di un popolo. Ne ha ricalcato l’epica, trasformando le pagine più remote della letteratura omerica in storia contemporanea. Ha dato un sfumatura pop concreta al concetto di eroismo, regalandoci una delle imprese più grandi della storia dello sport. Quell’estate al sole, iniziata con un trionfo inatteso e conclusa con un’Olimpiade che ha sfidato ogni legge del buon senso, è stata l’orizzonte che ha scritto una pagina romantica per poi consegnarsi negli anni successivi alla tragedia di una nazione ridotta in ginocchio. Quando si parla della Grecia che ha conquistato l’Europeo del 2004, non si può non lasciar da parte la retorica: a quindici anni di distanza, il blu abbraccia il bianco in una istantanea che non contemplerà mai il bianco col nero. Se una storia diventa Storia, passato, presente e futuro non esistono più.

Quella squadra ha avuto tutto per vincere senza avere alcun elemento per farlo. Ha avuto cuore, testa e fortuna, senza avere dalla sua uno o più fuoriclasse, un’organizzazione tecnico-tattica all’altezza di buona parte delle avversarie e neanche le statistiche. Soprattutto le statistiche. Se si leggessero i numeri senza conoscere l’esito finale dell’Europeo 2004 disputato in Portogallo, nessuno penserebbe ad un successo degli ellenici. Il capolavoro di Rehhagel divenne tale senza avere a disposizione una difesa inespugnabile (4 reti subite in 6 partite, tutte nella prima fase), un attacco irresistibile (7 gol in 6 match) ed un goleador inarrestabile (Charisteas, capocannoniere della squadra, segnò 3 volte). La Grecia, vincitrice del torneo, fu addirittura la quindicesima squadra su sedici complessive per tiri in porta e possesso palla in rapporto al numero di partite giocate: peggio di lei ci fece solo la Lettonia, squadra materasso di Euro 2004 non solo in senso letterale. Il calcio, tuttavia, non è mai una scienza esatta, e la Grecia di Rehhagel ne è la massima espressione nella storia di questo sport. Zagorakis e compagni hanno avuto un unico, grande merito: interpretare ogni partita come se fosse l’ultimo atto di una battaglia per la vita. Un gruppo unitissimo, espressione della miglior generazione calcistica ellenica, capace di raggiungere la finale dell’Europeo Under 21 nel 1998, ha fatto la differenza. Rehhagel non ha fatto altro che trasformare il contropiede in una filosofia di vita e sfruttare l’attitudine alla battaglia dei suoi uomini, soprattutto a centrocampo. Il calcio del tedesco si è rivelato essere scolastico, senza fronzoli. Il cuore, per lui, è più importante della tattica. Undici uomini uniti per inseguire lo stesso obiettivo possono superare qualunque fenomeno. L’1-0, risultato col quale eliminarono Francia, Repubblica Ceca e sconfissero in finale il Portogallo padrone di casa, ha la stessa valenza di un risultato altisonante. Alla faccia degli esteti, la Grecia ha badato solo ed esclusivamente alla sostanza.

A questo non si può non aggiungere un pizzico di fortuna, imprescindibile per raggiungere i risultati più ambiziosi. La Grecia ebbe il merito di sconfiggere per due volte il Portogallo delle stelle, grande favorita dell’Europeo a prescindere dal fattore casalingo, approfittando tuttavia degli oneri che ospitare un torneo del genere porta. Un po’ come è successo al Brasile nel Mondiale del 2014. Oppure alla Francia agli ultimi Europei, sconfitta dal Portogallo più operaio della sua storia (vedasi sul dizionario la definizione del termine “karma”).  La Grecia, quasi avesse voluto riprendere un cliché molto italiano, rischiò di essere eliminata fin dalla prima fase e si salvò solo per una questione di reti segnate. Gli ellenici, nati per subire, hanno subito per sei partite. E hanno vinto cinque volte su sei, fino a sollevare il trofeo più ambito.

Di quella pagina di Storia non è rimasto altro che la storia stessa. Non ci fu un sequel, destinato a macchiare l’immortalità dell’impresa. La Grecia, underdog del calcio mondiale che divenne leggendaria per un mese, è tornata a fare la Grecia. Qualcuno dei protagonisti sbarcò in Italia e ottenne risultati più o meno buoni, qualcun altro è sparito, Charisteas visse di rendita per il resto della carriera e Nikopolidis si ritrasformò nel sosia sui generis di George Clooney. Ma tutto questo non conta, e rende ancora più straordinario il racconto. Il passato, visto da una prospettiva lontana, sembra sempre più grande e prescinde dalle pagine scritte in seguito. La Grecia degli eroi fece della normalità un’impresa incredibile. Del calcio la massima espressione dell’eccezione che smentisce la regola. Di una nazione il centro del mondo, una riproposizione in chiave moderna dell’epica omerica capace di fare da preambolo alla tragedia. Alla faccia di chi pensa che lo sport non sia altro che un gioco.

Antonio Casu
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlos Alberto, capitano elegante e talentuoso del Brasile ’70 Il 25 Ottobre 2016 il calcio brasiliano perdeva uno dei suoi più grandi simboli. Il capitano...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 69 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Calcio

Italia 1934, la vittoria azzurra all’ombra del Fascio Il 10 giugno 1934 terminavano i Mondiali di calcio di Italia 1934 con la prima vittoria...

Calcio

Si scrive “28 Maggio”, si legge “Champions League” La Champions League in una data: 28 maggio. È proprio in questo giorno che si è...

Calcio

Cina vs Hong Kong: una storia di politica, proteste e pallone Sono ricominciate con numerosi episodi di violenza tra polizia e manifestanti gli scontri...

Ultime Notizie Calcio

Dopo due mesi di stop riparte il campionato tedesco di Bundesliga. Le prime gare disputate sono state sei, tra cui il big match Borussia...

Calcio

Il governo portoghese lo aveva preannunciato qualche giorno fa e alla fine ha mantenuto la promessa. La Primeira Liga ripartirà il 4 giugno, la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro