Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Due mamme al comando: le Longford Girls stravolgono il calcio inglese

Si tratta di un club davvero sui generis. E’ stato creato nel 2012 da due mamme che hanno voluto incoraggiare le proprie figlie, interessate al calcio, e sostenere tutte le altre giovani di sesso femminile a livello locale a praticare lo sport più popolare d’Inghilterra.

In un mondo del football da sempre considerato (sbagliando) quasi unicamente appannaggio degli uomini, parevano non esserci opportunità per le ragazze intenzionate a giocare con gli scarpini ai piedi.

L’unica possibilità era quella di entrare a far parte di una squadra mista ma, salvo poche eccezioni, le piccole aspiranti campionesse avevano il desiderio di ‘fare gruppo‘ con altre ragazzine, alla ricerca della creazione di qualcosa di speciale.

I problemi, comunque, non si arrestavano qui. Tra gli altri, c’erano, ad esempio: difficoltà economiche per varie famiglie, mancanza di trasporti, mancanza di tempo / entusiasmo da parte di alcuni genitori a sostenere le ragazze nel calcio così come fatto per i maschi il cui calcio è stato spesso messo in cima alle priorità nella famiglia.

L’avventura inizia in un semplice parco inglese; rapidamente, però, si passa da 10 ragazze a oltre 30 e, dopo un solo anno di attività, si riescono incredibilmente a costituire ben due squadre.

Dopo aver convinto anche ragazze più giovani ad aderire (8 e 9 anni) e con nuovi allenatori (volontari), provenienti dalla squadra femminile dell’Università di Manchester, nella stagione seguente,viene costituita pure una terza squadra.

Nel 2013, arriva il giusto riconoscimento per i risultati del club: il segretario del club (e allenatore) Sharon Whelan viene premiato col COACH OF THE YEAR donato dalla FA di Manchester FA mentre nel 2014 le Longford Girls ricevono il TRAFFORD CLUB DELL’ANNO.

Gli obiettivi sportivi, tuttavia, non sono alla base della società.

Le Longford Girls si sono prefissate innanzitutto l’obiettivo di abbattere le barriere che le ragazze affrontano quando vogliono partecipare al calcio; siano esse sociali, economiche, fisiche o dovute alla discriminazione.

Il LGFC è aperto a tutte le ragazze che vogliono giocare a calcio dall’età di 8 a 18 anni sia per semplici allenamenti insieme a compagne di gioco, sia per disputare competizioni vere e proprie.

A livello economico, poi, il club, per assicurare che possa mantenersi aperto a tutte le ragazze, promette di accogliere giovani con qualsiasi abilità e mira a mantenere i prezzi per i genitori al minimo per coprire i costi (una sterlina per giocare una partita e altrettanto per una giornata di addestramento).

 

Anche l’ambiente, comunque, è argomento non trascurato dalla società, che gestisce anche uno schema di riciclaggio in modo che, quando le ragazze crescono e devono cambiare scarpini, essi possono essere consegnati ad altri senza spese. Gli sprechi, così, restano praticamente pari a zero.

Viene curato, poi, anche il problema dei trasporti; molte delle ragazze, infatti, non hanno la possibilità di arrivare in auto e, dunque, sono proprio gli allenatori ad aiutarle con il trasporto al campo.

Tutto questo, insomma, rende le Longford Girls un club realmente unico al mondo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Inizia domani in Australia  quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro