Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dries Mertens è il maggior esponente del Realismo Magico

Non è la prima volta, non sarà l’ultima, ma che soddisfazione: Dries Mertens è candidato a Pallone d’Oro. E’ la sua di prima volta, non per il Napoli che negli ultimi anni ha visto candidati Cavani prima, Higuain poi, dei rapaci d’area di rigore che mangiano il pallone con una voracità senza eguali, ma questa volta è diverso.

La candidatura di Dries Mertens è la candidatura di una concezione filosofica, un premio ad un’idea più che ad una persona ed è per questo che Napoli ha accolto con tanta gioia questo riconoscimento, che tale resterà perché il premio resta un gioco a due tra Cristiano Ronaldo e Messi con il portoghese ampiamente favorito.

Vedere Mertens nel lotto di questi nomi è giustissimo, quanto inaspettato, perché non sembrava possibile fino ad un anno fa tutto questo, quando il belga faticava a trovare gli spazi, ad imporsi contro difensori potenti. Fu un ottobre terribile, anticamera di 11 mesi di grazia e reverenza, di potenza mista a gioia per un futbol bailado che non è per niente belga. Lo stesso Mertens non è belga, non può essere un uomo del nord con la sua aria scansonata, la sua gioia di vivere. Lui è un uomo d’amore nato in un territorio di uomini di libertà e non è un caso se proprio a Napoli sia diventato un probabile vincitore del premio più prestigioso del mondo del calcio.

Mertens in questo lotto è come il realismo magico di Gabriel Garcia Marquez, è quando in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata s’introduce un elemento troppo strano per essere credibile ed è la descrizione del calciatore, un centravanti vero, non un falso 9, che dalla sua bassezza si è erto in mezzo ai giganti per poter scrutare i migliori, per poter raggiungere la vetta. Mertens è un esponente di questa corrente filosofica che è diventata tipicamente sudamericana perché lui è un uomo del sud, un uomo d’amore appunto. Si può fare, Bellavista non lo escludeva.

La candidatura a Mertens è semplicemente bellissima perché premia un sistema in cui pochi credevano, un sistema difficile e strano, alienante quasi, e premia un calciatore in cui pochi credevano, un calciatore strano che ha trovato un mentore straordinario che ha fatto diventare straordinario a sua volta il calciatore Mertens.

La città ha imparato ad amare questo ragazzo puro che passeggia per il lungomare con il suo bellissimo cane, che tesse le lodi di Napoli ovunque si trovi. La città si è appassionata alle sue vicende personali, che sono vicende umane, che tutti hanno vissuto. Mertens è l’elemento troppo strano per essere credibile in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata come il gotha del calcio pensa di mostrarsi ma da che mondo è mondo, il calcio e la sua storia l’hanno fatta i pazzi squinternati che tirano fuori dal cilindro il colpo geniale e Mertens, in questo senso, non è affatto un elemento strano, tutt’altro…

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Calcio

Josef Masopust, il ragazzo d’oro di Must Il 29 giugno 2015 moriva all’età di 84 anni Josef Masopust, leggendario calciatore cecoslovacco, pallone d’oro 1962....

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro