Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dries Mertens è il maggior esponente del Realismo Magico

Non è la prima volta, non sarà l’ultima, ma che soddisfazione: Dries Mertens è candidato a Pallone d’Oro. E’ la sua di prima volta, non per il Napoli che negli ultimi anni ha visto candidati Cavani prima, Higuain poi, dei rapaci d’area di rigore che mangiano il pallone con una voracità senza eguali, ma questa volta è diverso.

La candidatura di Dries Mertens è la candidatura di una concezione filosofica, un premio ad un’idea più che ad una persona ed è per questo che Napoli ha accolto con tanta gioia questo riconoscimento, che tale resterà perché il premio resta un gioco a due tra Cristiano Ronaldo e Messi con il portoghese ampiamente favorito.

Vedere Mertens nel lotto di questi nomi è giustissimo, quanto inaspettato, perché non sembrava possibile fino ad un anno fa tutto questo, quando il belga faticava a trovare gli spazi, ad imporsi contro difensori potenti. Fu un ottobre terribile, anticamera di 11 mesi di grazia e reverenza, di potenza mista a gioia per un futbol bailado che non è per niente belga. Lo stesso Mertens non è belga, non può essere un uomo del nord con la sua aria scansonata, la sua gioia di vivere. Lui è un uomo d’amore nato in un territorio di uomini di libertà e non è un caso se proprio a Napoli sia diventato un probabile vincitore del premio più prestigioso del mondo del calcio.

Mertens in questo lotto è come il realismo magico di Gabriel Garcia Marquez, è quando in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata s’introduce un elemento troppo strano per essere credibile ed è la descrizione del calciatore, un centravanti vero, non un falso 9, che dalla sua bassezza si è erto in mezzo ai giganti per poter scrutare i migliori, per poter raggiungere la vetta. Mertens è un esponente di questa corrente filosofica che è diventata tipicamente sudamericana perché lui è un uomo del sud, un uomo d’amore appunto. Si può fare, Bellavista non lo escludeva.

La candidatura a Mertens è semplicemente bellissima perché premia un sistema in cui pochi credevano, un sistema difficile e strano, alienante quasi, e premia un calciatore in cui pochi credevano, un calciatore strano che ha trovato un mentore straordinario che ha fatto diventare straordinario a sua volta il calciatore Mertens.

La città ha imparato ad amare questo ragazzo puro che passeggia per il lungomare con il suo bellissimo cane, che tesse le lodi di Napoli ovunque si trovi. La città si è appassionata alle sue vicende personali, che sono vicende umane, che tutti hanno vissuto. Mertens è l’elemento troppo strano per essere credibile in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata come il gotha del calcio pensa di mostrarsi ma da che mondo è mondo, il calcio e la sua storia l’hanno fatta i pazzi squinternati che tirano fuori dal cilindro il colpo geniale e Mertens, in questo senso, non è affatto un elemento strano, tutt’altro…

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il primo ottobre 1958 nasceva Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo, ma che in Austria...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 29 settembre 1913 nasceva Silvio Piola, simbolo del calcio italiano...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Si è celebrata ieri la Giornata Mondiale della Pace Onu. Per l’occasione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro