Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dries Mertens è il maggior esponente del Realismo Magico

Non è la prima volta, non sarà l’ultima, ma che soddisfazione: Dries Mertens è candidato a Pallone d’Oro. E’ la sua di prima volta, non per il Napoli che negli ultimi anni ha visto candidati Cavani prima, Higuain poi, dei rapaci d’area di rigore che mangiano il pallone con una voracità senza eguali, ma questa volta è diverso.

La candidatura di Dries Mertens è la candidatura di una concezione filosofica, un premio ad un’idea più che ad una persona ed è per questo che Napoli ha accolto con tanta gioia questo riconoscimento, che tale resterà perché il premio resta un gioco a due tra Cristiano Ronaldo e Messi con il portoghese ampiamente favorito.

Vedere Mertens nel lotto di questi nomi è giustissimo, quanto inaspettato, perché non sembrava possibile fino ad un anno fa tutto questo, quando il belga faticava a trovare gli spazi, ad imporsi contro difensori potenti. Fu un ottobre terribile, anticamera di 11 mesi di grazia e reverenza, di potenza mista a gioia per un futbol bailado che non è per niente belga. Lo stesso Mertens non è belga, non può essere un uomo del nord con la sua aria scansonata, la sua gioia di vivere. Lui è un uomo d’amore nato in un territorio di uomini di libertà e non è un caso se proprio a Napoli sia diventato un probabile vincitore del premio più prestigioso del mondo del calcio.

Mertens in questo lotto è come il realismo magico di Gabriel Garcia Marquez, è quando in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata s’introduce un elemento troppo strano per essere credibile ed è la descrizione del calciatore, un centravanti vero, non un falso 9, che dalla sua bassezza si è erto in mezzo ai giganti per poter scrutare i migliori, per poter raggiungere la vetta. Mertens è un esponente di questa corrente filosofica che è diventata tipicamente sudamericana perché lui è un uomo del sud, un uomo d’amore appunto. Si può fare, Bellavista non lo escludeva.

La candidatura a Mertens è semplicemente bellissima perché premia un sistema in cui pochi credevano, un sistema difficile e strano, alienante quasi, e premia un calciatore in cui pochi credevano, un calciatore strano che ha trovato un mentore straordinario che ha fatto diventare straordinario a sua volta il calciatore Mertens.

La città ha imparato ad amare questo ragazzo puro che passeggia per il lungomare con il suo bellissimo cane, che tesse le lodi di Napoli ovunque si trovi. La città si è appassionata alle sue vicende personali, che sono vicende umane, che tutti hanno vissuto. Mertens è l’elemento troppo strano per essere credibile in un’ambientazione realistica e minuziosamente dettagliata come il gotha del calcio pensa di mostrarsi ma da che mondo è mondo, il calcio e la sua storia l’hanno fatta i pazzi squinternati che tirano fuori dal cilindro il colpo geniale e Mertens, in questo senso, non è affatto un elemento strano, tutt’altro…

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro