Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dopo Siviglia, altri tifosi accoltellati a Napoli

Non solo Siviglia. La Champions League per le squadre italiane si macchia ancora di sangue in questa quinta giornata della Coppa dalle Grandi Orecchie. Dopo gli incidenti nel bar di Siviglia di lunedì notte, dove gli ultras della squadra andalusa avrebbero attaccato un gruppo di juventini con coltelli, spranghe e bastoni, costringendo la corsa all’ospedale e l’intervento chirurgico per un tifoso italiano, accoltellato e ora in condizioni serie senza essere in pericolo di vita, anche a Napoli si sono verificati episodi simili nei confronti, questa volta, di sostenitori stranieri della Dinamo Kiev che si scontrerà stasera contro la squadra di Sarri. A farne le spese due tifosi ucraini che, con le stesse modalità ma in circostanze diverse, sono stati riconosciuti da un gruppo di partenopei (non identificati, però, come facenti parte di gruppi organizzati) per via della sciarpa intorno al collo, accerchiati e accoltellati. Per entrambi ferite da corpo contundente che però non destano preoccupazione. Il tutto è avvenuto nelle zone del centro di Napoli e adesso i carabinieri stanno indagando sui possibili colpevoli anche grazie all’utilizzo delle telecamere di sorveglianza della zona.
Una Champions League molto calda in questa stagione, ripensando anche ai tifosi del Legia Varsavia e agli episodi con Dortmund e a Madrid, che sottolinea una volta per tutte come, malgrado le misure di sicurezza e le lunghe procedure per accedervi, lo Stadio resta una zona sostanzialmente libera da questi scontri e che se le intenzioni dei tifosi sono bellicose, non c’è nulla che può fermarli. Sarebbe forse più importante concentrare gli sforzi sull’ordine pubblico cittadino durante questi eventi piuttosto che focalizzarsi solo sull’aspetto marginale rappresentato dallo stadio, dove, ripetiamo, non succede praticamente niente da molto tempo, anche prima dell’intensificarsi dei protocolli di sicurezza.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro