Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dopo i calciatori, anche gli arbitri vanno in Cina?

Che il futuro del calcio potrebbe essere in Cina non è certo una novità. Da quando, era il giugno del 2013, il presidente cinese Xi Jinping, all’indomani della rovinosa sconfitta (5-1) subita contro la Thailandia, lanciò il nuovo programma di politica sportiva facendo diventare il gioco del calcio un vero e proprio affare di Stato. D’altronde quale migliore veicolo di immagine dello sport più seguito al mondo (secondo il sito Focus.it sono almeno 3,5 miliardi i football-fan nell’intero pianeta). Con l’obiettivo dichiarato di costruire nel giro di qualche anno almeno 20 mila scuole calcio per arrivare ad avere un “popolo” di almeno 50 milioni di calciatori. E da lì che prese avvio una vera e propria colonizzazione dei capitali cinesi verso il calcio europeo. E ad oggi, fatta eccezione per la Bundesliga, la presenza di investimenti cinesi è accertata nei maggiori campionati europei. In Spagna con l’acquisizione del Granada e le partecipazioni nell’Espanyol e Atletico Madrid; in Francia con l’intera proprietà del Sochaux e l’80% del Nizza; in Inghilterra con il 13% del Manchester City e il 100% dell’Aston Villa. E, dulcis in fundo, anche in Italia con l’acquisizione della quota di maggioranza nel capitale sociale delle due milanesi.

Ma il piano di Xi doveva prevedere anche il potenziamento del campionato nazionale: la Chinese Super League.  Attraverso investimenti finalizzati a portare a giocare in Cina i migliori calciatori e allenatori europei e mondiali. Tra questi, solo per citarne alcuni, l’allenatore campione del mondo Marcello Lippi, l’attaccante della nazionale italiana Graziano Pellè e da ultimo anche il belga dello Zenit Axel Witsel che ha preferito accasarsi al Tianjin dopo che per mesi era stato dato come certo il suo passaggio alla Juventus. Ma adesso come scrive anche il sito Calcio&Finanza, gli investimenti cinesi potrebbero rivolgersi non solo ai calciatori ma anche agli arbitri. Con la federazione cinese intenzionata ad attrarre nei suoi campionati i migliori fischietti del mondo. Così si spiegherebbero allora, secondo quelli di C&F  i contatti avvenuti a Dubai tra l’arbitro inglese Mark Clattenburg e alcuni emissari della Chinese Football Association. Clattenburg che è ancora sotto contratto con la federazione inglese non ha escluso per il futuro la possibilità di trasferirsi altrove. “Per il bene della mia carriera– avrebbe detto – devo studiare tutte le opportunità”.  La Football Association inglese e le altre federazioni europee  sono avvertite.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 74 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro