Connect with us

Cerca articoli

Doping

Doping, non solo Stati Uniti: nella lista degli Hacker Russi spuntano nuovi nomi illustri

L’attacco informatico da parte degli hacker russi, i Fancy Bears, nell’ archivio della Wada continua a mietere vittime. Se ieri nel mirino erano finiti gli atleti statunitensi tra cui Simone Biles e le sorelle Williams, oggi la lista si allarga ad altre federazioni e altri Paesi per un totale di 25 accusati provenienti da 8 nazioni.

In particolare, i nomi che più destano scalpore sono quelli del ciclismo britannico dove a figurare tra gli sportivi che hanno assunto sostanze dopanti, attraverso certificati di autorizzazione all’utilizzo per fini terapeutici, compaiono i campioni Chris Froome e Bradley Wiggins. Per il primo l’assunzione di antiinfiammatori proibiti nel periodo che va dal 2013 al 2014, per il secondo farmaci vietati prescritti per curare un’allergia al polline. Altro nome di grido è quello della tennista ceca Petra Kvitova (due volte campionessa di Wimbledon) e del golfista britannico Charley Hull.

Oliver Niggli, direttore generale dell’agenzia antidoping mondiale, parla di atto criminale che creerà dolore per gli atleti indicati nella lista degli hacker e paura per coloro che hanno partecipato alle Olimpiadi di Rio2016. Continua poi indicando l’attacco come una rappresaglia nei confronti dell’indagine che ha portato alla scoperta del doping di stato in Russia e ha chiesto al governo di Mosca di compiere ogni sforzo possibile affinché tali intromissioni cessino al più presto. Per Niggli, operazioni di tale genere (l’hackeraggio degli archivi) possono mettere a repentaglio il buon funzionamento del sistema antidoping mondiale.
Attendiamo nuovi sviluppi.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 32 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come nello Sport...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Ha compiuto ieri 70 anni Kyle Rote jr., un atleta che qui...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Slavisa Zungul: un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di calcio, probabilmente, diranno...

Altri Sport

Giornata Mondiale della Disabilità: ecco i Paralimpici più forti dei normodotati Per la Giornata Mondiale delle persone con disabilità, vi raccontiamo le imprese di...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 19777 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Alimentazione

L’overdose di caffeina La caffeina è uno stimolante presente in vari alimenti, bevande e altri prodotti. È comunemente usato per tenerti sveglio e vigile....

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Compie oggi 66 anni Mike Eruzione, un nome che qui in Italia...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 21 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro