Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

DOPING : DOPO LA RUSSIA ANCHE IL KENYA. SI ALLARGA L’INCHIESTA DELLA WADA

Lo aveva scritto anche la WADA nella relazione dell’8 novembre. Non si trattava solo di Russia. L’inchiesta avrebbe potuto coinvolgere anche altri atleti di altre nazionalità. E puntualmente, adesso, è arrivata anche la conferma. Non c’è solo la Russia: infatti, nella lista nera della Wada c’è anche il Kenya. E l’ultima notizia che arriva da Nairobi, ripresa anche da La Repubblica è che 7 atleti kenyoti, appartenenti al mondo dell’atletica leggera, sono stati sospesi, nella giornata di venerdì, per utilizzo di sostanze proibite.

Tra questi anche alcuni nomi di spicco come Emily Chebet, la quale sarebbe stato trovata ”positiva” al “diuretico furosemide”, che è stato bandito dalla circolazione, poiché considerato un “prodotto maschera” di sostanze dopanti. Tra i 7 sospesi ci sono anche Joyce Zakary e Koki Manunga, due atlete che erano già risultati positivi (e temporaneamente sospesi) ai Mondiali di Pechino della scorsa estate.

Proprio ai Mondiali cinesi, il Kenya era stato il Paese ad aggiudicarsi il cosiddetto “medagliere”: ad aver vinto il numero maggiore di medaglie. Adesso, però, la notizia di queste sospensioni rischia di gettare un’ombra non solo sull’atletica leggera ma su tutto lo sport kenyota in generale. Il Paese africano, da sempre, è stato considerato, soprattutto nel fondo, una fucina di talenti. Negli ultimi anni, però, la lista dei “positivi” è progressivamente aumentata, fino ad arrivare ai 40 atleti “fermati” nell’ultimo triennio.

A tal punto che l’attuale presidente della WADA Reedie avrebbe dichiarato apertamente che “in Kenya c’è un problema”, riferendosi all’utilizzo di sostanze dopanti. E, mentre all’orizzonte sembra addensarsi, anche in questo caso, la nube della corruzione, anche gli stessi atleti kenyoti hanno voluto esternare il loro disappunto per un “certo lassismo” che ci sarebbe stato da parte del governo di Nairobi. “Il doping non è stato affrontato dalle autorità come meritava” avrebbe scritto l’Associazione degli Atleti Professionisti Kenyoti in un comunicato, riportato anche da Repubblica, con un auspicio finale: “Vogliamo ristabilire la fiducia perduta dei nostri tifosi”.

FOTO: www.sportevai.it

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Doping

La Caffeina è Doping? La caffeina migliora sensibilmente le prestazioni atletiche e il suo consumo è stato sottoposto a continui controlli per gli atleti...

Integratori

Caffeina e Sport La caffeina è una sostanza che può migliorare le prestazioni fisiche e mentali. Una singola dose può migliorare in modo significativo...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Calcio

Stefano Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 moriva Stefano Borgonovo,. La causa della morte:...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba L’11 giugno 2012 moriva nella sua Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro