Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

DOPING : DOPO LA RUSSIA ANCHE IL KENYA. SI ALLARGA L’INCHIESTA DELLA WADA

Lo aveva scritto anche la WADA nella relazione dell’8 novembre. Non si trattava solo di Russia. L’inchiesta avrebbe potuto coinvolgere anche altri atleti di altre nazionalità. E puntualmente, adesso, è arrivata anche la conferma. Non c’è solo la Russia: infatti, nella lista nera della Wada c’è anche il Kenya. E l’ultima notizia che arriva da Nairobi, ripresa anche da La Repubblica è che 7 atleti kenyoti, appartenenti al mondo dell’atletica leggera, sono stati sospesi, nella giornata di venerdì, per utilizzo di sostanze proibite.

Tra questi anche alcuni nomi di spicco come Emily Chebet, la quale sarebbe stato trovata ”positiva” al “diuretico furosemide”, che è stato bandito dalla circolazione, poiché considerato un “prodotto maschera” di sostanze dopanti. Tra i 7 sospesi ci sono anche Joyce Zakary e Koki Manunga, due atlete che erano già risultati positivi (e temporaneamente sospesi) ai Mondiali di Pechino della scorsa estate.

Proprio ai Mondiali cinesi, il Kenya era stato il Paese ad aggiudicarsi il cosiddetto “medagliere”: ad aver vinto il numero maggiore di medaglie. Adesso, però, la notizia di queste sospensioni rischia di gettare un’ombra non solo sull’atletica leggera ma su tutto lo sport kenyota in generale. Il Paese africano, da sempre, è stato considerato, soprattutto nel fondo, una fucina di talenti. Negli ultimi anni, però, la lista dei “positivi” è progressivamente aumentata, fino ad arrivare ai 40 atleti “fermati” nell’ultimo triennio.

A tal punto che l’attuale presidente della WADA Reedie avrebbe dichiarato apertamente che “in Kenya c’è un problema”, riferendosi all’utilizzo di sostanze dopanti. E, mentre all’orizzonte sembra addensarsi, anche in questo caso, la nube della corruzione, anche gli stessi atleti kenyoti hanno voluto esternare il loro disappunto per un “certo lassismo” che ci sarebbe stato da parte del governo di Nairobi. “Il doping non è stato affrontato dalle autorità come meritava” avrebbe scritto l’Associazione degli Atleti Professionisti Kenyoti in un comunicato, riportato anche da Repubblica, con un auspicio finale: “Vogliamo ristabilire la fiducia perduta dei nostri tifosi”.

FOTO: www.sportevai.it

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 4 Agosto 1936 l’afroamericano Jesse Owens si porta a casa l’oro nel salto in lungo davanti...

Altri Sport

Dorando Pietri, storia dell’atleta che perse (vincendo) le Olimpiadi Il 24 luglio 1908 durante la maratona delle Olimpiadi di Londra l’atleta italiano Dorando Pietri...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Interviste

Gli Dei di Olimpia: intervista a Valerio Iafrate – Io ha sempre utilizzato Olimpiadi e Mondiali di calcio (ma pure Europei di calcio e Mondiali...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Basket

A tu per tu con Charlie Recalcati, la leggenda del basket italiano La riapertura parziale al pubblico degli eventi sportivi, che procede di pari...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro