Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Donnarumma e i suoi fratelli: Via, i ragazzi del ’99

Quel cartello l’avrete visto, almeno una volta nella vita: in tanti Comuni d’Italia c’è una via Ragazzi del ’99. Non è un inno alla “linea verde” che il mondo del calcio nostrano sembra aver intrapreso da qualche tempo a questa parte, ma un ricordo dei coscritti che nel 1917 compivano 18 anni e di conseguenza potevano essere arruolati e mandati a combattere nella Prima Guerra Mondiale: furono impiegati per la prima volta in battaglia nel novembre del 1917, dopo la disfatta di Caporetto, e risultarono decisivi per la vittoria della Prima Guerra Mondiale nel 1918.

L’agone è diverso, i tempi anche, il secolo è quello successivo: oggi parlare dei ragazzi del ’99 (1999, prego) significa mettere in evidenza i talenti che il mondo del pallone italiano sta vedendo sbocciare, o sta già consacrando come Gianluigi Donnarumma: scrivere del ragazzone di Gragnano, partito alle spalle di Diego Lopez e Abbiati e capace nell’arco di un anno e mezzo di prendersi i guantoni del Milan e della Nazionale, da secondo di Buffon, sarebbe un esercizio di stile superfluo. Timido fuori dal campo quanto leader dentro, capace di reagire agli errori con determinazione e di commuoversi ammirando il video-augurio per i suoi 18 anni realizzato dai compagni di squadra, “Gigio” è un predestinato. Difficile esprimere qualcosa di diverso davanti a chi ha già fatto vedere di tutto. Considerato l’erede naturale di Buffon, il Milan è pronto a tenerselo stretto per allontanare le sirene straniere (o bianconere). Ne parleremo per i prossimi 20 anni: e allora è giusto scoprire quali sono i migliori talenti azzurri nati nel suo stesso anno. Esaminandoli, scopriamo che l’asse Milano-Bergamo è quello più fruttuoso: ma c’è tanto altro talento disseminato per lo Stivale, per la gioia del Ct Ventura e dei selezionatori delle rappresentative giovanili.

Viaggiano in coppia Alessandro Bastoni e Filippo Melegoni: difensore mancino il primo, centrocampista dai piedi buoni e dal fisico imponente il secondo. Classe 1999, Gasperini li ha lanciati dal 1’ nella sua Atalanta a gennaio, contro la Sampdoria. 7 in pagella per Bastoni, sufficienza piena per Melegoni. E tanto è bastato per ribattezzarli i “nuovi Caldara e Gagliardini”: potere del vivaio di Zingonia, che ha prodotto due pietre che nel frattempo hanno arricchito le collane di Juventus e Inter, e dei “millennials”, per i quali icone e riferimenti cambiano in fretta, a volte troppo. Gasp ci ha pensato due volte prima di confermarli, anche perché la Dea quest’anno corre per l’Europa che conta: fanno esperienza con la prima squadra, ma il tempo è dalla loro parte. Chi invece è già andato in rete con la maglia dell’Atalanta è Emmanuele Latte Lath: nome da supereroe dei fumetti, 18 anni e nazionalità ivoriana (il papà arriva di lì), gioiellino di Zingonia. Dall’Esperia Cremona è passato a Bergamo senza accusare il colpo: 23 gol in 29 partite nel suo anno più prolifico (con gli Allievi, vincitore del Torneo Arco di Trento). Ha nella velocità e la rapidità le sue qualità migliori: chiedere conferme a Lichtsteiner e Neto, non due qualunque, bruciati da “Latte”, come i compagni di squadra lo chiamano, nel centro del 2-3 in Juventus-Atalanta, ottavi di finale di Coppa Italia giocati a gennaio a Torino.

Prendiamo l’auto e da Bergamo ci spostiamo a Milano: i colori sociali restano però nerazzurri, perché in attacco chiede spazio Andrea Pinamonti. “Torello” nato a Cles, in Trentino, vicino a tante località frequentate dalle squadre di Serie A durante la preparazione estiva: numero 9 molto abile nel ruolo di centravanti, dotato di un tiro potente e preciso e di un’ottima tecnica di base. 17 reti in 18 partite con la Primavera di Stefano Vecchi, già due presenze tra Europa League e serie A con la prima squadra, a tanti ricorda il romanista Edin Dzeko, ma all’Inter ha un maestro d’eccezione come Mauro Icardi. Chissà che non possa formare la coppia del futuro in Nazionale con Gianluca Scamacca: fisico possente, esplosività, un tocco morbido e una grande abilità nel fare sponde per i compagni. In Olanda, dove era passato a soli 16 anni nella squadra B del PSV, lo chiamavano “Lo Zlatan Ibrahimovic Italiano”. Talento cristallino fin da quando tirava i primi calci ad un pallone, con le maglie della Polisportiva “Delle Vittorie” e della Cisco Roma. A 10 anni, la Lazio lo ha cresciuto calcisticamente, a 14 la Roma ne ha fatto un potenziale campioncino, emigrato in Jupiler League (La serie B olandese). Il Sassuolo lo ha riportato in patria a gennaio: e sotto l’egida di Eusebio Di Francesco hanno preso il volo Berardi e Sansone, tanto per citarne due.

Percorso diverso, ma potenziale simile per Alessio Zerbin: a gennaio era uno dei 60 giovani convocati per uno stage dell’Under 18, l’unico che non era tesserato per un club professionistico. Cresciuto nel Gozzano (serie D piemontese) e con un passato nelle giovanili del Novara, lo ha pescato il Napoli, che lo ha tesserato sul “gong” del mercato invernale: a sceglierlo il ds Cristiano Giuntoli, che ai tempi di Carpi aveva scovato tra i dilettanti Kevin Lasagna. Zerbin doveva andare per sei mesi in prestito al Carpi Primavera, ma il 31 gennaio ha scoperto una piacevole sorpresa: niente più prestito, la Primavera la sta vivendo a Castelvolturno.

Tanti nomi dalla cintola in su, potrebbe obiettare qualcuno: nessuna paura, la scuola italiana dei difensori resta viva. E vegeta. Chiedere conferme a Luca Pellegrini, terzino sinistro nato il 7 marzo 1999. Uno che già l’anno scorso giocava sotto età, già blindato grazie al suo agente Mino Raiola (contratto fino al 2018). Spalletti lo ha precettato con i senior, lui non si monta la testa, studia ragioneria e se la cava in inglese e anche in spagnolo. Prove di trasferimento all’estero, come Luca Ercolani, coetaneo un anno fa passato direttamente dalle giovanili del Forlì al Manchester United? Tutt’altro, il sogno è giocare con l’amico Donnarumma. Manco a dirlo. In fascia difende anche Andrea Mastino, sardo e del Cagliari: grande personalità, utilizzabile da terzino destro e sul versante opposto, come ha fatto vedere all’esordio con la Prima Squadra in Tim Cup (ko per 0-3 a Genova). Rapidità, aggressività e  senso della posizione i suoi punti di forza: completa il pacchetto dei laterali un “figlio d’arte”, immancabile: è Samuele Birindelli, successore di quell’Alessandro che per anni ha rappresentato l’usato sicuro in casa Juventus.  Pisano doc, alla vigilia di Natale l’ha lanciato da titolare in B “Ringhio” Gattuso, uno che di calciatori con cuore se ne intende: l’anno scorso festeggiava la promozione del Pisa, ora…ci gioca. E con profitto. Papà Alessandro, che a Pisa è nato e che con il Pisa ha giocato nella stagione 2008-2009, prova a tenere un profilo basso. Nella Top 10 non può mancare un portiere, perché Donnarumma non è solo: l’anno scorso a vincere il premio “La giovane Italia” è stato Maurizio Schaeper, oggi nella Primavera del Napoli ma con un avvio di carriera condizionato da un fisico esile per un ragazzo che sogna di indossare i guantoni da portiere. “Ha una marcia in più, quando ci parli sembra un quarantenne. E’ serio e maturo” raccontano di lui. Per i ragazzi del ’99, nel terzo millennio,  la chiamata alle armi è una maglia da titolare. E allora, basta invertire due vocali: vai, o meglio andate. E fateci sognare.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Altri Sport

A tu per tu con Josefa Idem, la Wonderwoman della canoa In questo scenario di forte instabilità, tra vaccini che ritardano e varianti che...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Basket

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro Abbiamo intervistato Denis Marconato, ex cestista e attuale allenatore dell’Istrana che milita in serie...

Altri Sport

A tu per tu con Samuele Papi, “O Fenomeno” del Volley italiano In questo momento di incertezza assoluta in cui anche la politica fa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro