Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Donnarumma compie 18 anni. Cos’altro c’è da dire?

“Ci sono pittori che trasformano il sole in una macchia gialla, ma ci sono altri che con l’aiuto della loro arte e della loro intelligenza, trasformano una macchia gialla nel sole.”

Parafrasando Pablo Picasso, che di talento se ne intendeva, diciamo che Siniša Mihajlović è il pittore, e Donnarumma la macchia gialla diventata Sole.

Il 25 Ottobre 2015 è una data che segnerà la storia del calcio italiano perché uno dei migliori portieri della sua generazione, Abbiati, e uno dei migliori spagnoli degli ultimi anni, Lopez, sono stati messi in panchina da uno che di anni ne aveva appena 16 anni dopo essere stato portato in prima squadra (da Inzaghi) a 15 anni, grazie ad una proroga della FIGC.

Donnarumma è un predestinato, è un fenomeno e non lo scopriamo da questo articolo perché negli ultimi 2 anni le penne più illustri del giornalismo del Bel Paese hanno consumato tasti ed inchiostro per questo teenager che è totalmente diverso dai millenials a cui i media hanno abituato la popolazione, ma è anche totalmente diverso da tanti calciatori ben più adulti di lui.

Ah sì, perché Donnarumma oggi compie 18 anni. E inizialmente il pezzo doveva finire qui perché quando uno che ha già superato le 50 presenze in Serie A, compie appena 18 anni, che vuoi dire più?

E invece c’è da dire.

Gigio non fa balletti e non sboccia ai Navigli. Gigio vive nel convitto del Milan insieme agli altri calciatori pari età e va in appartamento solo quando lo vanno a trovare i suoi genitori con tante cose buone da mangiare portate direttamente dalla sua amata Castellammare dove tutti li conoscono e tutti li rispettano perché i Donnarumma sono una famiglia per bene che onora ogni santo giorno il sacrosanto diritto al lavoro ed alla felicità.

Dopo aver mangiato il ragù di mammà si mette a giocare alla play e fa i test per la patente perchè dopo due anni in Serie A a difendere le porte del Meazza sei anche stanco di farti scorazzare in giro dai tuoi compagni di squadra multimilionari e con tutte le modelle che ronzano intorno. Ah perché Gigio, a 18 anni, è anche fidanzatissimo, di quegli amori meravigliosi che solo alla sua età ti puoi godere. I primi, quelli delle sorprese e della passione. Del romanticismo anche sdolcinato e dei gadget pacchiani (la cover del telefono di Gigio è una foto che lo ritrae insieme alla sua Alessia). Della gentilezza e della paura. Quelli dove si cresce tanto, ma proprio tanto, a prescindere da come andrà a finire.

Adora infinitamente il fratellone Antonio, che a Milano gli ha fatto da padre, e la sorella Nunzia. E’ un ragazzo normalissimo proprio.

Poi cambia, va sul campo e come se fosse ̶B̶a̶t̶m̶a̶n̶ (no, è Taglialatela)  ̶U̶o̶m̶o̶ ̶R̶a̶g̶n̶o̶ (no, è Zenga)  ̶S̶u̶p̶e̶r̶m̶a̶n̶ (no, è Buffon)… Vabbè come se fosse un supereroe qualsiasi (dato che sono tutti presi i soprannomi), cambia completamente pelle e diventa insuperabile tra quei pali, con quei suoi 2 metri di apertura alare.

Una carriera perfetta, un’ascesa che sembra inarrestabile.

Alfredo Magni, uno dei preparatori del Milan, centra in pieno il Donnarumma-Pensiero: “La cosa che mi rende più orgoglioso è vedere la persona che sta diventando, l’equilibrio, il rispetto, la disciplina, la sensibilità che mostra verso gli altri”.

E’ semplicemente mostruoso perché quando la maggior parte dei suoi colleghi aveva già esordito tra i professionisti (Buffon addirittura già in Nazionale) il buon Gigio Donnarumma faceva i suoi primi respiri. E’ incredibilmente giovane, è straordinario, quasi indisponente il suo talento. Probabilmente mai si è vista una tale mole di sapienza calcistica in un ragazzo così giovane perché il portiere del Milan non è solo dotatissimo dal punto di vista tecnico ed atletico, ma è una persona matura, è “calmo, freddo, distaccato… tipo Zoff”. Le indicazioni date da Giacomino a Giovanni in “Chiedimi se sono felice” si rispecchiano perfettamente nel prodigio di Castellammare di Stabia, un ragazzo costantemente sotto età e sovradimensionato, uno che a 17 anni è in grado di portare sulle sue spalle un fardello enorme come la difesa della porta della Scala del Calcio.

Allora auguri caro Gigio, che tu possa avere sempre il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso e che il vento del destino ti porti in alto a danzare con le stelle.

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Altri Sport

90 anni di Clint Eastwood: il duro che ci ha raccontato il lato sociale dello Sport Compie oggi 91 anni Clinton “Clint” Eastwood Jr,...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 16 aprile si celebra il Charlie Chaplin Day per ricordare...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Bruno Conti, il MaraZico che giocava a Baseball Compie oggi 66 anni Bruno Conti, formidabile ala dell’Italia Campione del Mondo 1982 e del secondo...

Calcio

Elicotteri e Valchirie: 35 anni fa Berlusconi cambiava il Calcio Italiano Il 20 Febbraio 1986 Silvio Berlusconi comprava il Milan dall’allora Presidente Giussy Farina....

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro