Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato

Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e signori, non stiamo delirando. Per oltre un trentennio Sora, città baciata dal verde fiume Liri, ha viaggiato lungo il cammino della passione calcistica.Un amore viscerale che oggi, purtroppo, vive di ricordi chiusi in un cassetto. Da quelle parti le lancette del professionismo si sono fermate nel 2005.

Nella notte dei tempi il calcio regalava storie romantiche. Quella di Don Mario De Ciantis è senz’altro emblematica e tutta da raccontare. Classe 1928, alterna la longeva carriera pastorale ad una intensa attività di dirigente nel mondo del gioco più amato dello stivale. Il sacerdote fa il suo ingresso nei quadri societari del Sora nel 1962 divenendo, di fatto, il braccio destro dell’allora Presidente Sirio La Pietra.

Anni 60 – approdo di Alcide Ghiggia a Sora

Pronti via e Don Mario cala subito l’asso a sorpresa con l’approdo di Alcide Ghiggia, eroe dell’Uruguay ai Mondiali del 1950 nella finale contro il Brasile, sulla panchina bianconera. I laziali, nella stagione 1962-1963, partecipano al torneo di Promozione. Il campione sudamericano in quel periodo, dopo aver terminato la carriera agonistica anche in Italia con Roma e Milan, lavora presso le Officine Alfa Romeo della capitale. Al timone di una squadra più che discreta, Ghiggia completa il campionato in quinta posizione. Si lascia apprezzare nella rosa un promettente Claudio Di Pucchio, centrocampista dai piedi fatati che vestirà la maglia della Lazio e scriverà successivamente da tecnico la storia più gloriosa della compagine volsca.

A cavallo tra gli anni ’70 e ’80 il sodalizio bianconero, nonostante soventi difficoltà di natura finanziaria, riesce a ben figurare con continuità nelle categorie dilettantistiche regionali. Don Mario De Ciantis è sempre lì, nel cuore dell’organigramma, prima figura pronta ad attivarsi per reperire fondi attraverso sponsorizzazioni coinvolgendo le imprese del territorio e non solo. Una prima svolta tecnica si materializza alla vigilia della stagione 1975-1976 quando, con una mossa decisamente innovativa per l’epoca, il club propone a Di Pucchio il doppio ruolo di allenatore-giocatore.

La seconda svolta, più in là nel tempo, sarà invece quella societaria. Nel 1985 infatti Antonio Fiorini rileva le azioni da Tiberio Marini, al culmine di una gestione travagliata, sborsando 30 milioni delle vecchie lire e mutando il nome da U.S. Sora in A.S. Sora. Don Mario, neanche a dirlo, è tra quelli che più caldeggiano l’operazione. Partirà in quel preciso istante il ciclo che porterà poi, nel decennio seguente, ai trionfi ed al professionismo.

Anni ’90 – amichevole Sora-Roma

Lo scheletro della società assume connotati sempre più organizzati. Ben presto Marco Bevilacqua assume la veste di segretario, un rampante Antonio Frasca si fa spazio come Direttore Sportivo e nel mezzo si coordinano i vari consiglieri: da Lello La Posta allo stesso sacerdote passando per Flaviano Bastardi, Bruno Quadrini, Carlo Bartolomucci, Antonio Grossi e Nevio Conte. Senza dimenticare il cassiere Aldo La Posta. Mattone dopo mattone il sogno diventa realtà.

Stagione 1991-1992 – Luiso e mister Claudio Di Pucchio

Annata 1991-1992: il grande salto. Vinto il proprio girone di Interregionale, il Sora gioca e prevale nello spareggio decisivo contro il Sulmona. Esplode la stella di Pasquale Luiso autore, in quel campionato, di 14 gol. Con l’approdo in C2 la società diventa S.r.l. e trasferisce la sede in via Roma. Antonio Fiorini rimane come Presidente e Lillo Annunziata funge da Presidente onorario.

Stagione 1991-1992 – Don Mario De Ciantis portato in trionfo, negli spogliatoi del Matusa, dopo lo spareggio contro il Sulmona per la C2

Vengono ultimati i lavori per l’ampliamento dello Sferracavallo, oggi stadio ‘Claudio Tomei’, fino a 6200 posti con tribuna coperta. Nel 1993-1994 un’altra impresa. I bianconeri strappano il pass per la Serie C1. Nella cornice del ‘Curi’ di Perugia, con 4000 tifosi al seguito, il Sora supera la Turris ai calci di rigore. Il popolo volsco intona “Proteggi o Rocco”, inno dedicato al Santo amatissimo in città, sperando nel miracolo sportivo. Luiso trasforma il penalty del giubilo collettivo. Don Mario De Ciantis e Padre Luca Brandolini, Vescovo di allora, festeggiano scatenati il successo.

1994 – post Sora-Turris – spareggio per la promozione in C1

Di lì a poco il prete tifoso-dirigente sale agli onori della ribalta nel corso della trattativa per il trasferimento di Giuliano Giannichedda all’Udinese. Il centrocampista nativo di Pontecorvo, nell’estate del 1995, è corteggiato da svariate compagini di A e B. Nelle stanze dell’Hotel Fort Crest di Milano telecamere e taccuini di giornalisti osservano quasi increduli il sacerdote sorano mentre discute nei dettagli, insieme al DS Frasca, il passaggio del mediano alla corte dei Pozzo. I mass media nazionali creano l’appellativo di “Don Calcio Mercato” per descrivere quella singolare figura, protagonista assoluto della trattativa che porta nelle casse bianconere 450 milioni di lire più i prestiti di Marcuz e Godeas.

Don Mario De Ciantis ha salutato la vita terrena il 17 luglio 2012 ma, siamo certi, non ha mai abbandonato i pensieri più dolci e passionali dei sorani che hanno avuto la fortuna di vivere quel magico periodo calcistico.

Foto tratte dal libro “Un secolo di storia – I cento anni bianconeri”.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

16 Maggio 1976: una “Scheggia” e una salvezza per l’ultimo atto della Lazio di Maestrelli Reso famoso dall’incipit di uno dei romanzi più celebri...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro