Connect with us

Cerca articoli

Varie

Djokovic: una vibrazione infinita

Il nostro corpo è una continua vibrazione. Le nostre cellule si alimentano di energia che noi, con il nostro pensiero, la vibrazione più importante dell’essere umano, gli inviamo. Quello che pensiamo ci alimenta, positivamente o negativamente. Se pensiamo positivamente, il nostro corpo risponde di conseguenza e viceversa. Quello che pensiamo lo creiamo e quello che creiamo lo viviamo.

Novak Djokovic è il tennista professionista che attualmente rispecchia maggiormente e nel miglior modo possibile tutto ciò. Due settimane fa, si è aggiudicato l’ennesimo Slam (11) con una superiorità quasi straripante. I dati della sfida parlano chiaro: 42 errori gratuiti contro i 65 di Murray e 123 punti totali contro i 99 dello scozzese: 6-1 7-5 7-6. In questi ultimi anni ha cambiato passo, lasciandosi tutti alle spalle. Punti deboli non se ne trovano: grande solidità e incisività da fondo campo e sottorete sa dire la sua, meglio di altri. Un fisico che rispecchia la perfezione, che non accusa acciacchi e con una capacità di recupero dallo sforzo incredibile. Ha curato nei minimi particolari tutto quello che poteva: alimentazione, preparazione fisica e mentale. Non ha lasciato nulla al caso e i fatti gli stanno dando ampiamente ragione.

Il suo “segreto”, come si evince da alcune sue dichiarazioni dopo la vittoria, credo sia uno solo: l’umiltà. Ha capito, in questi anni ricchi di tanto lavoro e di successi, che rimanere con i piedi per terra predispone al miglioramento, fisico e mentale. “Non voglio permettere alla mia mente di entrare in quello stato, perché se lo faccio la persona diventa troppo arrogante e crede di essere superiore rispetto a tutti. Potresti ricevere uno schiaffo, presto o tardi, e io non lo voglio. Essere rispettoso con tutti i miei colleghi e verso questo sport è la chiave per mantenere questo successo”. Ha compreso che spesse volte, la mente mente.

Jovanotti, nel cd Ora con la canzone “La notte dei desideri” dice: “Ho due chiavi per la stessa porta, per aprire al coraggio e alla paura”. Novak ha trovato la chiave, ha aperto la porta e con tanto lavoro e tanta umiltà è riuscito a crearsi il percorso che porta al coraggio, camminando instancabilmente verso la piena realizzazione di sé. Non vuole sprecare energia perché sa quanto essa sia fondamentale e di vitale importanza. Vuole usarla bene, per raggiungere l’eccellenza. Forse, si potrebbe dire che meglio di così non possa fare. Ma con queste potenzialità e questo senso di consapevolezza, per Nole nulla è impossibile.

FOTO: www.theguardian.com

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Per i 47 anni compiuti ieri Andrea Gaudenzi, vi raccontiamo quando il tennista italiano ci fece vivere...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Il 10 luglio 1943 nasceva Arthur Ashe, il leggendario tennista afroamericano, unico nero ad aver vinto Wimbledon....

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Tennis

Novak Djokovic, organizzatore dell’Adria Tour, è risultato positivo al Covid-19. Il torneo esibizione, i cui proventi andranno in beneficenza alle famiglie bisognose, è stato...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 64 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Altri Sport

Sportivi da laboratorio: dammi il DNA, farò di te un campione Vi ricordate Gattaca – La porta dell’Universo? Nel film di Niccol si ipotizzava...

Storie di Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Negli anni 2000 il tennis femminile è letteralmente stato dominato da...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro