Connect with us

Cerca articoli

Tennis

Djokovic e l’umanità di un grande campione

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante la partita con Carreno Busta agli ottavi degli Us Open, colpendo la giudice di linea alla gola.

La notizia non ha nemmeno fatto in tempo a raggiungere i media che subito sono piovuti addosso al tennista serbo una valanga di giudizi, di ogni tipo. Paragoni con i due rivali storici Federer e Nadal, commenti sul suo momento che per molti sembra pieno di scelte sbagliate…insomma il giocatore è stato messo in croce per un gesto che ha dimostrato come, nonostante sia il numero uno al mondo, sia terribilmente umano.

Come? Questo momento di stizza, certamente evitabile, mi porta a sentirlo vicino, vulnerabile, capace di farsi prendere dal nervosismo, dalla paura, dalla rabbia e capace di lasciare andare questa maschera di campione, vivendo come un umile tennista le difficoltà del match, della vita.

Forse è proprio questo che spaventa chi giudica: specchiandosi in questo gesto vedono come la fragilità, anche per un campione all’apparenza perfetto come un robot, può prendere il sopravvento, facendo scaturire qualcosa di inaspettato. Perdonargli questa caduta credo sia la scelta migliore. Da campione qual è, saprà rialzarsi.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Per i 47 anni compiuti ieri Andrea Gaudenzi, vi raccontiamo quando il tennista italiano ci fece vivere...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Il 10 luglio 1943 nasceva Arthur Ashe, il leggendario tennista afroamericano, unico nero ad aver vinto Wimbledon....

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 64 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Doping

[themoneytizer id=”27127-1″] Lo strano caso del nuotatore Sun Yang Il destino di Sun Yang era nelle mani della WADA l’agenzia anti-doping mondiale che lo...

Altri Sport

Sportivi da laboratorio: dammi il DNA, farò di te un campione Vi ricordate Gattaca – La porta dell’Universo? Nel film di Niccol si ipotizzava...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Tutto è possibile se impariamo a vedere la...

Storie di Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Negli anni 2000 il tennis femminile è letteralmente stato dominato da...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro