Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La prigionia del sogno: la biografia del Presidente Dino Viola

È stato negli undici anni e otto mesi della presidenza di Dino Viola che la Roma divenne veramente ‘magica’, vincendo il memorabile scudetto del 1983 e cinque Coppe Italia, grazie anche a uomini del calibro di Liedholm, Falcão, Conti, Nela, Pruzzo e Di Bartolomei. Uomo dalla personalità brillante, famoso per l’ironia intelligente e la logica raffinata. Questa la quarta di copertina di Dino Viola, la prigionia del sogno (Ultra Edizioni, 123 pagine, 14 euro), la prima biografia dedicata al compianto presidente giallorosso. Scritto da Manuel Fondato, giornalista e consulente per la comunicazione di aziende e istituzioni – “grande appassionato di calcio e tifoso della Roma” – il volume rende omaggio ad un uomo che rimarrà per sempre una figura di rilievo nella storia del calcio italiano. “Sono cresciuto con la Roma di Viola e sono sempre stato affascinato da questa persona carismatica, furba e raffinata”. Riprende l’autore: “A ventisei anni dalla morte non era stato ancora scritto nulla su di lui, anche per ragioni familiari. Io sono partito proprio dalla famiglia, dai figli che avevano vissuto accanto al padre quegli anni, dai loro racconti. Ho ascoltato molte testimonianze su quel periodo irripetibile, consultato giornali d’epoca e ricostruito minuziosamente gli undici anni della sua presidenza”.

9788867765386_0_0_1958_80

Il risultato è una biografia approfondita e godibile, che ripercorre la vicenda umana e professionale di un presidente dalle caratteristiche uniche. Una figura, quella di Dino Viola, che lo stesso Fondato tratteggia come “un grande uomo, che incarnava mirabilmente una serie preziosa di qualità: dalla serietà all’abilità fino anche una certa scaltrezza nel perseguire i suoi obiettivi. Un leader che avrebbe potuto realizzare qualunque cosa”. Il libro si apre con una toccante lettera scritta da Federica Viola al padre il 9 maggio 1983. Una missiva battuta a macchina, nella quale la figlia del presidente dello scudetto 1982/83, di tre secondi posti e di cinque Coppe Italia, lo ringrazia per averle insegnato “cosa vuol dire volere una cosa a costo di lavorarci tanto, la diplomazia e la calma una volta conquistato il successo, la serenità nei momenti difficili, e forse anche quando bisogna avere i nervi, cioè al momento giusto”. Uno gesto d’amore, il suo, nei confronti di un padre che da presidente, il giorno dopo la finale di Coppa dei Campioni del 1984 persa a Roma, ai rigori, contro il Liverpool, si rivolse ai suoi tifosi così: “La Roma non ha mai pianto e mai piangerà: perché piange il debole, i forti non piangono mai”.

CurvaSud11

Un protagonista assoluto, che Fondato ha voluto omaggiare “aggiungendo alla realtà un pizzico di romanzo, per esempio nella figura del giornalista Pietro che è assolutamente fittizia. L’ho voluto raccontare narrando le giornate di partite paradigmatiche della sua presidenza, i grandi trionfi, le brucianti delusioni, i momenti del leggero declino”. E quando chiediamo all’autore se sarebbe impensabile, nel calcio di oggi, la presenza di un preside carismatico come Dino Viola, la risposta è immediata: “No, anche se lui era una perfetta sintesi tra il presidente di una volta, ovvero il tifoso, appassionato, che investiva e rischiava soldi suoi, e il presidente moderno, più manageriale. Non a caso quando Silvio Berlusconi si affacciò al mondo del calcio prese lui come modello”.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il futuro del calcio: i digital fans Il calcio in questo momento è in uno spartiacque internazionale tra un sempre più faticoso romanticismo e...

Calcio

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto Mancano pochi giorni alla chiusura del mercato invernale e i club...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro