Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Diego Armando Maradona – Mano de Dios”: intervista all’autore Marco Evangelisti

“Diego Armando Maradona – Mano de Dios”: intervista all’autore Marco Evangelisti

Con Marco Evangelisti, giornalista del Corriere dello sport, parliamo del suo libro “Diego Armando Maradona – Mano de Dios”, edito da Risfoglia. Un libro soprattutto per i più giovani, come tiene a precisare l’autore.

Trascorso l’uomo, cosa resta di Maradona fuori dal tempo?

“Per coloro che lo hanno visto giocare, che hanno vinto e perso con lui, resta ciò che Maradona ha sempre avuto il desiderio di dare, pur nell’egocentrismo del campione: la gioia dell’emozione e il piacere intelligente del gesto atletico che diventa artistico. Per tutti gli altri la storia esemplare di un talento in guerra con i suoi demoni. E nessuno sa davvero chi abbia vinto”.

Te l’hanno già detto che il “tuo” Maradona, quello sulla copertina del libro, sembra un bambino?

“Questo perché il disegnatore Andrea Oberosler è bravissimo e ha colto l’anima del testo. Maradona nella mia visione, o meglio nel mio breve racconto, non smette mai di essere il bambino che una volta centrava la porta e un’altra mirava alle mucche che brucavano intorno al campo”.

Quale suggestione opera il suo nome su di te, che sei l’autore? Come lo hai vissuto?

“Ho un problema con Maradona. Come giornalista dovrei essere severo nei confronti dei suoi lati oscuri, che esistevano e sono stati anche utilizzati da persone con meno scrupoli di lui. Ma come appassionato di calcio mi resta difficile andare oltre la pura delizia del suo gioco, la sua capacità pressoché unica di diventare tutt’uno con il pallone, il prato, il vento, la partita. Veder giocare Maradona era come oggi vedere un film di supereroi. Era qualcosa in grado di trasportarti in mondi diversi. E di farti dimenticare tutto il resto”.

Il tuo libro è – soprattutto, ma non solo – indirizzato ai lettori più giovani. Cosa hai scelto di raccontare, cosa hai voluto omettere?

“Ho raccontato come un ragazzo scopra di poter trovare l’amore di cui avverte il bisogno attraverso la sua passione e di come questo da una parte lo renda felice, dall’altra lo trascini in una ricerca senza speranza del nido perfetto, di un posto dove poter dare semplicemente calcio e ricevere in cambio calore umano. Ho omesso, visto il pubblico di riferimento ma anche per via dell’ambivalenza di cui parlavamo prima, le vicende più scabrose in cui Maradona si è trovato coinvolto. Con l’eccezione di un accenno alla dipendenza. Anche perché ho utilizzato una dichiarazione in cui Diego invitava tutti a non seguirlo su quella strada”.

Ora che glielo regalerò, cosa piacerà di più a mio figlio, o a mio nipote?

“Questo, ti prego, lascialo dire a loro. Anzi, per favore fatemelo sapere”.

Salutiamoci scegliendo l’aggettivo più adatto in assoluto per Diego.

“Unico. E anche solo”.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

C’eravamo tanto a(r)mati – Storie di calcio della Germania Est Intervista agli autori del libro “C’eravamo tanto a(r)mati”,  Fabio Belli e Marco Piccinelli. Si...

Varie

Due chiacchiere con l’Avvocato Alberto Foggia per parlare del suo libro “Il nuovo Codice di Giustizia Sportiva FIGC – Istruzioni per l’uso”. Avvocato, il...

Calcio

Maradona e il fango di Acerra E’ trascorso un anno esatto dalla morte di Diego Armando Maradona, un giocatore la cui vita fuori dal...

Calcio

Minuto 72, una barriera troppo vicina Il 3 novembre 1972 al San Paolo di Napoli Diego Armando Maradona realizza un goal entrato nella storia....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

“Tifosi laziali per sempre”: il nuovo libro di Alberto Ciapparoni Chi conosce Alberto Ciapparoni sa della sua rigorosa professionalità nel porre attenzione alle vicende...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 13 settembre 1955 nasceva Enzo Scaini, il calciatore prematuramente...

Calcio

“Da Parigi a Londra – Storia e storie degli Europei di calcio”: intervista a Paolo Valenti Dopo il successo ottenuto col suo primo libro...

Interviste

Gli Dei di Olimpia: intervista a Valerio Iafrate – Io ha sempre utilizzato Olimpiadi e Mondiali di calcio (ma pure Europei di calcio e Mondiali...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro