Connect with us

Cerca articoli

Motori

Didier Pironi: una storia di coincidenze

Didier Pironi: una storia di coincidenze

“Tragica morte di Didier Pironi, l’ex campione di Formula 1, durante una gara di motonautica al largo dell’isola di Wight. Il suo motoscafo si è ribaltato e con l’ex pilota della Ferrari sono scomparsi anche un collega motonauta e un giornalista francese”, annunciava Bruno Vespa il 23 agosto 1987.

Per gli appassionati dell’automobilismo il nome del driver transalpino non si accosta solo a Gilles Villeneuve. Era forse destino che la sua carriera in monoposto di Pironi dovesse concludersi sul circuito di Hockenheim, dove due anni prima il connazionale Patrick Depailler aveva perso la vita durante una sessione di prove private: il primo compagno in F1 di Pironi.

Scrivi Zolder e pensi alla tragedia del canadese: un altro filo rosso che lega Gilles al francese, considerato che proprio sulla pista belga Pironi aveva scritto l’incipit da podio; il 13 maggio 1979, giorno (anche) dell’ultima gara in Serie A di Gianni Rivera. E in Belgio il ‘Golden Boy’ aveva debuttato nella Nazionale maggiore, esattamente diciassette anni prima. Ma questa è un’altra storia…

Era destino anche che Didier proprio a Zolder dovesse conquistare il primo successo in Formula 1, il 4 maggio 1980. Nonostante il grave incidente nel Gran Premio di Germania 1982, il driver concluse il campionato al secondo posto: chissà come sarebbe finita. “La 126 C2 con Gilles e Pironi non aveva rivali. Avevamo capito come sfruttare le minigonne, utilizzando il legno marino. Ma uno dei nostri fu talmente c……e da andarlo a spifferare in giro”, ha raccontato nel 2017 Mauro Forghieri in uno speciale di Autosprint dedicato a Villeneuve.

Dopo quella stagione il Cavallino tornò a sfiorare il titolo tre anni dopo, con Michele Alboreto: che a Zolder conquistò il primo successo al volante della Rossa…

Didier Pironi, non solo quello di Imola.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio La mattina del 28 gennaio 1986 avvenne quello che, ancora oggi, è considerato...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Il 26 Gennaio si celebra l’Australia Day, la festa nazionale del grande stato oceanico. Per l’occasione...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Compie oggi 75 anni Eduardo Gonçalves de Andrade, meglio noto come Tostão, uno dei migliori calciatori brasiliani di sempre. Per...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il 25 gennaio 1924 a Chamonix, in Francia iniziavano le Olimpiadi invernali, la prima edizione della storia dei...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro