Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

DIDIER DROGBA: QUEL GOL PIU’ BELLO PER LA PACE IN COSTA D’AVORIO

Per Eric Cantona la ribellione è stata come il suo marchio di fabbrica. Il “gesto tecnico” che lo ha fatto conoscere in tutto il mondo. C’è infatti un’immagine che resta impressa nella mente dei tanti tifosi che negli anni lo hanno acclamato. Quel calcio volante, rifilato addosso a quel tifoso del Crystal Palace che lo aveva insultato. Era il 1995. E quel calcio ha significato forse, anche la fine della sua carriera. Arrivò l’espulsione dalla Nazionale francese e di lì a poco il ritiro, poco più che trentenne. E Cantona, che fino a quel momento era considerato uno dei migliori talenti della storia del calcio francese, finì a fare l’attore (anzi la comparsa).

Ma ancora oggi, quando si parla dei calciatori ribelli degli ultimi vent’anni, il suo nome è sempre in cima alla lista. Eppure, quando è a lui che si chiede chi siano stati i ribelli del calcio, non vuole sentire parlare di sé. I veri ribelli sono altri risponde. “Ben altro che me, Ibra e Balo. Cioè lui, Ibrahimovic e Balotelli.  E allora sciorina i suoi nomi. Gente di un’altra epoca. Caszely, Mekhloufi, Socrates, Pasic. Un altro genere di ribellione forse.

Calciatori che si sono ribellati a qualche cosa o a qualcuno (proprio come lui), ma per seguire un’idea più che per indole caratteriale. Erano altri tempi. Poi però arriva anche la sorpresa. L’ultimo dei nomi è un calciatore ancora in attività: Didier Drogba. Ex attaccante ivoriano del Chelsea e dell’Olympique Marsiglia, attualmente in forza al Montreal Impact.

Uno che ha combattuto per la pace del suo popolo ripete Cantona parlando di lui. Il quale, infatti, ha veramente lottato per la pace del popolo ivoriano. E’ successo alcuni anni fa. Sono gli anni della guerra civile in Costa d’Avorio. L’8 ottobre del 2005 la nazionale di calcio ivoriana ha appena ottenuto una storica qualificazione ai Mondiali di calcio che si terranno l’estate successiva in Germania. Didier Drogba, che ha trascinato la sua nazionale allo storico traguardo, di quella squadra è il giocatore più rappresentativo.  Nei suoi gol, il popolo ivoriano, vede anche la speranza di un futuro migliore. Di una pace duratura. Da 3 anni infatti, il Paese è ripiombato nel caos. La guerra civile sta mietendo morti ogni giorno. E per la Costa d’Avorio i Mondiali sono molto di più che partite di calcio. Sono l’occasione per dimenticare: la guerra, i morti, la paura. Per questo che nel giorno della qualificazione ai Mondiali tutta la Costa d’Avorio è davanti alla televisione. Drogba capisce che quello può essere il momento buono per lanciare il suo messaggio di pace. E allora prende il microfono, circondato dai suoi compagni di squadra.

Si inginocchia davanti alle telecamere. E come farebbe un capo di Stato lancia l’appello al suo popolo: Abbandoniamo le divisioni, deponiamo le armi e andiamo in Germania tutti uniti. Quelle parole fanno il giro del mondo. Nessuno può ignorarle. Né il governo, né i ribelli. Segue un periodo (seppur breve) di pace. In Germania, “gli Elefanti” non vanno oltre il girone di qualificazione. Un “girone della morte” con Argentina e Olanda (che si qualificheranno). A Drogba e compagni non basta la vittoria contro la Serbia Montenegro. La Costa d’Avorio torna presto a casa. Dove nel frattempo il conflitto è ricominciato.

Ma la battaglia per la pace di Drogba non si ferma. Due anni dopo, l’attaccante del Chelsea ne propone un’altra. Vuole che il popolo ivoriano torni unito a fare il tifo per la nazionale di calcio che si sta preparando alla Coppa d’Africa. Propone allora che sia organizzata una partita in una città del Paese che in quel momento è in mano ai ribelli.

Per molti, vista la situazione, è una pura follia. Ma il governo accetta e decide che la partita contro il Madagascar si giochi nella città di Bouake, ritenuta una roccaforte delle milizie antigovernative. Alla vigilia il clima non è dei migliori. La tensione è alle stelle. Il rischio che si torni a parlare di altro, rispetto al risultato del campo è altissimo. Le misure di sicurezza fanno pensare a ben altro che una partita di calcio. Ma alla fine, invece, sarà solo una serata di festa. In campo non ci sarà storia: gli ivoriani travolgeranno i loro avversari per 5-0. Sugli spalti, il clima di festa farà dimenticare tutto il resto. Ribelli e governativi per una sera torneranno a festeggiare insieme. Drogba realizzerà l’ultima rete, quella che chiuderà la goleada degli “elefanti”. Forse, uno dei gol più importanti di tutta la sua carriera.

FOTO: www.ilpost.it

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Manchester United – Chelsea, 2008: la Coppa di Sua Maestà Il 21 Maggio 2008 a Mosca va in scena la Finale di Champions League...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Didier Drogba e il suo goal più importante Compie oggi 42 anni Didier Drogba, il calciatore ivoriano ormai ritiratosi dopo una carriera...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Da Boko Haram a scudiero di Conte: Victor Moses, l’uomo che viaggiava nel vento ‘Di solito, a nessuno vai bene così come...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Chelsea, tifosi e razzismo: quando il passato si dimentica La problematica del razzismo, negli ultimi tempi e nonostante le promesse lanciate dai...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] La storia della Coppa d’Africa in cinque edizioni memorabili “I neri regneranno sul mondo”. La citazione tratta dal Libro Verde di Gheddafi...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] “Viaggio in Coppa D’Africa”: la passione per il pallone nel Continente Nero Oggi, 21 giugno, in quattro località egiziane, Il Cairo, Suez,...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà Il centrocampista dell’Arsenal Henrix Mkhitaryan non giocherà la finale di Europa...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] 5 motivi per cui la stagione di Maurizio Sarri al Chelsea è da incorniciare Il tecnico toscano ha svolto un egregio lavoro...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Petr Cech, il destino scritto in una Finale Il prossimo 29 maggio, presso lo stadio olimpico di Baku, si svolgerà la finale...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] London Calling: geografia e rivalità di Football City “London Calling”: prendo in prestito il titolo di una delle canzoni più famose dei...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] . Non solo Kepa: quando i giocatori rifiutano la sostituzione ⬇️ Non hai tempo di leggerlo tutto? Te lo raccontiamo in 1...

Calcio

Maurizio Sarri: a difesa di un’idea Passare dalle stelle alle stalle è qualcosa di normale nel mondo del calcio e spesso accade immeritatamente. Come...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro