Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dice di chiamarsi Dries

Lui dice di chiamarsi Dries.
Dries Mertens, per la precisione. Ma non gli crede nessuno, sembra una delle solite fake news che girano e che condividono tutti.
Dice di essere belga, gli credono talmente tanto che lo fanno giocare perfino in nazionale e il Napoli addirittura lo fa giocare da straniero. Straniero, sì, raccontala a qualcun altro.

Perchè Dries è già uno che sembra nato nel meridione del mondo, occhi furbi, faccia da spagnolo, da borbone toh. E con la maglia del Napoli infatti ci sta a puntino. Uno che in campo si tira fuori gol che li devi rivedere tre volte solo per capire come l’ha colpita quella palla infernale.

Lui dice di chiamarsi Dries, scavando nella sua esistenza scopri che da sempre, oltre ad avere buoni piedi e occhi vispi, è dotato di un terzo occhio che gli fa guardare il mondo. Sua moglie Katrin, detta Kat, è una blogger che descrive i posti dove lei e Dries vivono e viaggiano, uno che gira musei e ama la cultura. Altro luogo comune sui calciatori demolito.
Però il sedicente Dries è anche uno che va negli ospedali a trovare chi sta peggio. Ha fatto il giro del web il suo “matrimonio” con Aurora. Una ragazzina malata di leucemia. Hanno fatto finta di sposarsi in ospedale, lui ha scritto sui social “peccato che sono già sposato, se no ti sposavo subito, forza Aurora!”. Aurora e Dries che sono amici e la mamma di lei che dice “grazie a lui ha superato periodi difficilissimi, le ha sollevato il morale”.

Dries poi fa appelli per i cani abbandonati, ne raccoglie lui stesso, poi una sera manda un messaggio ad un suo amico, «Oggi tutti hanno detto che avevo fame perché mi sono divorato parecchi gol», scrisse. «Andiamo a portare del cibo a chi è affamato davvero». Cosa fece? Una cosa che fa spesso, girare Napoli con tante pizze in auto da dare ai senzatetto.
Patrocina e finanzia alcuni progetti in Africa, oltre che regalare maglie ai ragazzini che non possono permettersene una.
Stasera il sedicente Dries, si gioca la qualificazione con il suo Belgio, senza aggiungere altro, diciamo che strappa molta simpatia trasversale il ragazzo.
Però deve smetterla di dire che si chiama Dries. 
Già perchè a Napoli lo amano talmente tanto che Dries non è il suo nome.
Lo amano così tanto che è diventato uno di loro. Si chiama Ciro, Ciro Mertens. E noi così lo chiamiamo, come quello della Tammurriata nera, che la mamma chiama Ciro.
Forza Ciro.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Ai mondiali qualche (relativa) sorpresa è ancora possibile: sembra questo il senso dell’edizione di Germania 2006 nella quale si erge a protagonista la squadra...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro