Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Di Canio “pentito”: l’opportunismo vale più degli ideali?

Alla fine anche Paolo Di Canio è finito ad ingrossare le fila dei cosiddetti “pentiti”. Da non confondere con i collaboratori di giustizia sia chiaro. Ma soltanto coloro i quali, semplicemente, si pentono di aver commesso una determinata azione. E nel caso dell’ex attaccante laziale, l’azione di cui pentirsi è presto spiegata: l’ormai famoso saluto romano che Di Canio rivolse ai tifosi della Lazio dopo il derby del 6 gennaio 2005. Vinto dai biancocelesti per 3-1 con una rete messa a segno proprio dallo stesso Di Canio che risultò uno degli assoluti protagonisti di quella partita. Nel bene, perché trascinò i suoi compagni alla vittoria, ma anche (per qualcuno) nel male e proprio a causa di quel gesto che fece tanto scalpore.

Non sarà la prima volta che Di Canio finirà sul banco degli accusati per i suoi comportamenti soprattutto fuori dal campo. Ma adesso, a distanza di ben 12 anni, Paolo Di Canio, in un’intervista rilasciata per il Corriere della Sera  dichiara pubblicamente di essere pentito. Anzi, che “quel saluto romano sotto la curva”, (che non sarebbe rimasto un gesto isolato visto che come lo stesso Di Canio ricorderà verrà esibito anche in altre occasioni) sarebbe il gesto di cui si pentirebbe di più. Come se appunto ce ne fossero anche altri di cui dovrebbe pentirsi. Tipo quegli stessi tatuaggi i quali, come egli stesso oggi spiega, sarebbero “il simbolo di ciò che sono stato, compresi gli errori”. Uno in particolare tra questi tatuaggi, quello sotto l’avambraccio destro con la scritta “Dux” sarebbe stato anche il motivo per il quale, nell’ottobre scorso Di Canio, venne sollevato dall’incarico di condurre una trasmissione su Sky Sport. Un fatto, il suo licenziamento, che fece scalpore a sua volta e per il quale Di Canio venne difeso da più parti. Che bollarono come ipocrita” la decisione di Sky che avrebbe dovuto sapere da subito l’esistenza di quel tatuaggio (compresi gli ideali che Di Canio non ha mai nascosto) risalente all’epoca di quando Di Canio era ancora un calciatore.

Ma oggi invece è Di Canio a sorprendere tutti. Ricordando, a distanza di due mesi, il suo licenziamento per il quale dice di essersi sentitocome un appestato”, e di aver anche “urlato” contro Sky. Sentendosi appunto e soprattutto anche pentito per quel saluto romano che ha spiegato “niente ha avuto a che fare con lo sport”. Aggiungendo inoltre di provare “ribrezzo per le leggi razziali, per l’appoggio al nazismo e l’antisemitismo”. Tutte frasi che Di Canio avrebbe potuto dire, senza mai averlo fatto, nel corso di questi 12 anni. E che invece alla fine avrebbe detto ma soltanto dopo essere stato licenziato. E’ stata soltanto una straordinaria coincidenza? Per sapere quanto effettivamente il suo licenziamento possa aver influito su questo suo “pentimento”, basterà aspettare le prossime settimane. Quando si potrà capire meglio il destino di Paolo Di Canio come conduttore televisivo.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Bruno Neri, storia del calciatore partigiano che non si piegò al Fascismo Nel giorno in cui si celebra la caduta del fascismo, datata 25...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 18 luglio 1914 nasceva Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano e...

Pugilato

Vibrano sempre, le sedici corde; che se uno accostasse l’orecchio gli sembrerebbe di ascoltare tutto il dolore, la fatica, la soddisfazione e l’orgoglio degli...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Calcio

Italia 1934, la vittoria azzurra all’ombra del Fascio Il 10 giugno 1934 terminavano i Mondiali di calcio di Italia 1934 con la prima vittoria...

Calcio

Erno Erbestein, storia di un uomo che sapeva allenare Il 13 maggio 1898 nasceva Erno Erbstein, leggendario allenatore del Grande Torino, insieme al quale...

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Festa della Liberazione: la Resistenza di Giacomo Losi Il 25 aprile 2020 ricorre in Italia il 75esimo anniversario della Festa di Liberazione. Proprio in...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Fosse Ardeatine: Anticoli e Gelsomini, storie di sportivi uccisi dai nazisti Il 24 marzo 1944 si consumò uno degli eventi più tragici...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Da Di Canio a Katidis: anche il calcio ha i suoi “cuori neri” Compie oggi 51 anni Paolo Di Canio, ex giocatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro