Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Di Canio licenziato, il parere dei giornalisti in UK: “Per molti inglesi, decisione ipocrita”

Il  caso Paolo Di Canio continua ad essere la notizia della settimana.I l licenziamento dell’ex attaccante della Lazio, da parte di Sky Sport, (per via del tatuaggio con la scritta “Dux” mostrato nel corso di un video in cui Di Canio è apparso a maniche corte) ha fatto il giro del mondo. Sollevando reazioni diverse. Se in Italia, a spezzare una lancia a favore di Di Canio c’è anche Andrea Scanzi che sul Fatto Quotidiano si scaglia contro l’“ipocrisia atavica del nostro Paese” (perchè a suo dire del tatuaggio e delle simpatie politiche di Di Canio si sapeva da tempo), in Inghilterra, a parlare della notizia e di Canio sono alcuni giornalisti che Oltremanica lavorano ormai da anni. E che hanno avuto l’occasione di conoscerlo, sia dal punto di vista umano che professionale. Come Lorenzo Amuso dell’Ansa che conosce Di Canio da anni, “almeno da quando collaborava con il Corriere dello Sport”. Per il quale l’ex tecnico del Sunderlandè assolutamente una persona perbene. Né razzista né xenofobo, che ha probabilmente ha avuto un’infatuazione (per l’ideologia fascista ndr) quando era un ragazzo. Ma che oggi – continua Amuso – non saprei dire quanto sia ancora orgoglioso di quel tatuaggio”. Se andava licenziato?Siamo nella società del politicamente corretto e quindi per una società come Sky Di Canio andava licenziato. I tempi sono discutibili perché il tatuaggio è di 20 anni fa”.

Federico Farcomeni del The Indipendent è invece stupito del fatto che sia accaduto in Italia. “Sono anni che si conosce l’esistenza di quel tatuaggio” Sarebbe successo in Inghilterra? “Probabilmente si” Che persona è Di Canio?Una persona disponibile. Anche se una volta mi ha negato un’intervista” (ride ndr). E come commentatore? “Un professionista serio. Che Sky ha fatto male a mandare via. Rischia di perderci, se come sembra Di Canio andasse a Fox”.

E’ stato un licenziamento un po’ strano” invece, secondo Paolo Bandini del The Guardian. E le ragioni vanno cercate sempre nel fatto che di Di Canio si conosce tutto (dunque anche le sue posizioni ideologiche) da anni. Che avrebbe dovuto fare Sky? “ Avrebbe potuto difenderlo e poi chiedergli di indossare le maniche lunghe in futuro”. Per Bandini, “ in Inghilterra non sarebbe mai accaduto, semplicemente perché gli emittenti di solito prendono le distanze da calciatori che sono stati associati a qualcosa di negativo”. Che cosa pensano invece gli inglesi? “Molti di loro avranno ritenuto la decisione come ipocrita per i motivi che ho già spiegato. Di Di Canio si conosce tutto da anni”.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Eraldo Pecci, la classe di “Piedone” Esordio in Serie A sul campo della Juventus, campione d’Italia sui bianconeri, due secondi posti a una lunghezza...

Economia

Società italiane di calcio quotate in Borsa, andamento degli ultimi mesi Tra le società quotate in Borsa, da tempo, ci sono anche alcuni dei...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro