Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Di Canio licenziato, il parere dei giornalisti in UK: “Per molti inglesi, decisione ipocrita”

Il  caso Paolo Di Canio continua ad essere la notizia della settimana.I l licenziamento dell’ex attaccante della Lazio, da parte di Sky Sport, (per via del tatuaggio con la scritta “Dux” mostrato nel corso di un video in cui Di Canio è apparso a maniche corte) ha fatto il giro del mondo. Sollevando reazioni diverse. Se in Italia, a spezzare una lancia a favore di Di Canio c’è anche Andrea Scanzi che sul Fatto Quotidiano si scaglia contro l’“ipocrisia atavica del nostro Paese” (perchè a suo dire del tatuaggio e delle simpatie politiche di Di Canio si sapeva da tempo), in Inghilterra, a parlare della notizia e di Canio sono alcuni giornalisti che Oltremanica lavorano ormai da anni. E che hanno avuto l’occasione di conoscerlo, sia dal punto di vista umano che professionale. Come Lorenzo Amuso dell’Ansa che conosce Di Canio da anni, “almeno da quando collaborava con il Corriere dello Sport”. Per il quale l’ex tecnico del Sunderlandè assolutamente una persona perbene. Né razzista né xenofobo, che ha probabilmente ha avuto un’infatuazione (per l’ideologia fascista ndr) quando era un ragazzo. Ma che oggi – continua Amuso – non saprei dire quanto sia ancora orgoglioso di quel tatuaggio”. Se andava licenziato?Siamo nella società del politicamente corretto e quindi per una società come Sky Di Canio andava licenziato. I tempi sono discutibili perché il tatuaggio è di 20 anni fa”.

Federico Farcomeni del The Indipendent è invece stupito del fatto che sia accaduto in Italia. “Sono anni che si conosce l’esistenza di quel tatuaggio” Sarebbe successo in Inghilterra? “Probabilmente si” Che persona è Di Canio?Una persona disponibile. Anche se una volta mi ha negato un’intervista” (ride ndr). E come commentatore? “Un professionista serio. Che Sky ha fatto male a mandare via. Rischia di perderci, se come sembra Di Canio andasse a Fox”.

E’ stato un licenziamento un po’ strano” invece, secondo Paolo Bandini del The Guardian. E le ragioni vanno cercate sempre nel fatto che di Di Canio si conosce tutto (dunque anche le sue posizioni ideologiche) da anni. Che avrebbe dovuto fare Sky? “ Avrebbe potuto difenderlo e poi chiedergli di indossare le maniche lunghe in futuro”. Per Bandini, “ in Inghilterra non sarebbe mai accaduto, semplicemente perché gli emittenti di solito prendono le distanze da calciatori che sono stati associati a qualcosa di negativo”. Che cosa pensano invece gli inglesi? “Molti di loro avranno ritenuto la decisione come ipocrita per i motivi che ho già spiegato. Di Di Canio si conosce tutto da anni”.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Ezio Sclavi, il portiere senza ruolo Quando nel 1919 il quattordicenne Fulvio Bernardini arrivò al campo della Lazio (sarebbe poi diventato un’icona giallorossa da...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Web e Tecnologia

Da Playboy alla fibromialgia: Veronica Sofia porta sul web la sua battaglia Oggi raccontiamo la storia di Veronica Sofia, modella e scrittrice che ha...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

16 Maggio 1976: una “Scheggia” e una salvezza per l’ultimo atto della Lazio di Maestrelli Reso famoso dall’incipit di uno dei romanzi più celebri...

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro