Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Derby senza incidenti, prova superata. E ora, Ministro Alfano, via le barriere?

La notizia che fa da corollario al derby di Roma (passata in secondo piano rispetto alle dichiarazioni di Lulic) è che la giornata, si è svolta senza incidenti. All’insegna della massima civiltà da parte delle due tifoserie. Le quali, erano arrivate a questo derby, ancora una volta, nella veste di sorvegliate speciali. Dopo che alla vigilia un tifoso laziale era stato arrestato e altri 4 denunciati perché trovati in possesso di mazze e bastoni. Ma anche dopo le polemiche scoppiate in seguito ai “cori sbagliati” (“derby come una guerra etnica” da parte laziale, “uccidiamoli” da quella romanista) che avevano preceduto la stracittadina facendo gridare allo scandalo. Come se fino ad oggi la partita più sentita dell’anno a Roma, fosse stata sempre una sorta di raduno hippie celebrato all’insegna della filosofia peacelove. Pace e amore. Come quello che con buona pace dei tanti moralisti dell’ultimo minuto, non c’è mai stato, da quando esiste il calcio, tra le tifoserie di Roma e Lazio ma anche di tutte le squadre che appartengono alla stessa città.

E allora perché meravigliarsi tanto, se proprio dalle due tifoserie, sono arrivate parole al fulmicotone finalizzate, per lo più a caricare le reciproche squadre? Come se prima non fosse mai successo. Perchè invece non meravigliarsi allo stesso modo, che alle parole non siano seguiti i fatti? E sottolineare piuttosto che questo derby, definito come un “banco di prova” nientemeno che dal ministro degli Interni Angelino Alfano, si sia svolto invece nella massima civiltà? La stessa che evidentemente, deve aver sorpreso più di qualcuno intento a cercare la notizia solo nelle dichiarazioni (per quanto offensive) che il laziale Lulic ha indirizzato al romanista Rudiger.  Senza invece dare il giusto risalto alle altre dichiarazioni, quelle pronunciate proprio da Alfano il quale, parlando di derby come banco di prova per le barriere aveva fatto intendere che le tanto vituperate barriere in curva, motivo di protesta delle due tifoserie, se la partita si fosse svolta senza incidenti, sarebbero potute anche essere eliminate.

E allora, caro ministro Alfano, adesso che al derby non è volata neanche una mosca, che cosa farà? Eliminerà le barriere dalle curve come aveva promesso? Oppure, proprio come le due tifoserie di Roma e Lazio, alle parole non farà seguire i fatti? Se così fosse, alla fine, non ci sarebbe da meravigliarsi.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro