Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto

Derby della Lanterna, al solito posto

Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone che per anni ha accompagnato le squadre in campo prima di Genoa-Sampdoria, sarebbe stato forse banale, ecco perché vi proponiamo un video inedito in cui il cantautore genovese e genoano – durante un concerto allo stadio Ferraris – augura ai ‘cugini’ blucerchiati di vincere il campionato, cosa che peraltro accadrà. Par condicio rispettata.

“Sarebbe il decimo scudetto nella città di Genova. Noi ne abbiamo vinti nove…e che ne portino uno anche loro!”

.

Il derby della Lanterna ha una grandezza storica, simbolica e psicologica, perché se sei nato nella Superba devi convivere ogni giorno con la rivalità sportiva, persino quando passeggi per le strette e trafficate vie della città; bandiere sul terrazzo, adesivi sul casco, battute divenute celebri e nomi in ricordo di giocatori del passato. Ne sanno qualcosa i bambini chiamati Diego Alberto, ne sanno qualcosa anche i fautori del motto ‘rigore è quando arbitro fischia’.

.Spesso e volentieri sono soltanto attimi a decidere sfide di questa grandezza, sfide in cui il favorito si impaurisce e lo sfavorito si riempie d’orgoglio, dove il rossoblù si contrappone al blucerchiato, dove una città si ferma per un giorno intero.

La Lanterna questa sera si accenderà e lo farà come sempre senza che nessuno se ne accorga, perché tutti gli occhi saranno puntati altrove. Saranno puntati sul prato verde di quello stadio un po’ all’inglese e un po’ all’antica, spesso criticato ma da sempre un luogo di culto per i fedeli rossoblucerchiati, un teatro di sogni e una giostra di emozioni, questa volta tristemente vuoto ma pieno di quei ricordi  che faranno capolino nella testa di ogni tifoso che vivrà la partita dal divano come se fosse una gradinata. Chiedere per credere a chi ha pianto per la punizione di Branco e per lo schiaffo di Boselli o a chi ha gioito per le magie di Vialli e Mancini.

In una città di marinai e cantautori, il derby di Genova non è soltanto una partita: è una scelta di vita.

Citando Faber, ‘adesso è ora che io vada’. Genoani e sampdoriani si rivedranno al tempio. Oggi solo virtualmente, per un virus che ci ha uniti tutti nello stesso destino. Ma, come sempre, al solito posto.

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro