Connect with us

Cerca articoli

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi. Per altri è solo un ruolo, un momento parziale di vita per poi mostrare delle qualità egregie una volta assolto il compito. Una insospettabile umiltà che stupisce.

Jermaine Defoe potrebbe benissimo appartenere a questa congrega. Anche se nel suo caso fa male da morire. Siamo nel 2017. Jermaine gioca nel Sunderland, prima divisione inglese, lì conosce Bradley Lowery. Un bambino di sei anni eletto mascotte della squadra. Bradley lotta da anni con un neuroblastoma, una forma tumorale aggressiva e assassina di cellule.

Una volta che Bradley si trova ricoverato per le sue terapie, Jermaine va a trovarlo. Da allora va sempre, spesso dopo gli allenamenti Jermaine è distrutto e si addormenta sul letto con Bradley. Potrebbe sembrare una amicizia effimera tra un calciatore famoso e un bimbo. Invece no. Bradley e Jermaine sono amici davvero. E si vedono ogni giorno.

A marzo del 2017 c’è la loro scena più bella. Jermaine è convocato in nazionale dopo tanto tempo, L’inghilterra si gioca la qualificazione ai mondiali. Lui va e si porta con sé Bradley, per farlo entrare con lui a Wembley. Bradley è felice e commosso, ma anche spaventato da tutti i rumori. In teoria durante gli inni bisogna stare fermi, ma il bimbo abbraccia il suo gigante per farsi proteggere e Jermaine non si fa pregare. E fanculo l’etichetta. Jermaine quel giorno segnerà il gol che darà la qualificazione. Ma non è un lieto fine.

Bradley non ce la fa, muore qualche mese dopo. Jermaine dirà “da questo momento il mio cuore è rotto per sempre”. E si tatuerà Bradley addosso. Perché esistono anche persone così, per cui la fama non è un muro da opporre al mondo, ma una porta da cui arrivare a chi ha la fortuna della loro attenzione. E poi, hai visto mai, nascono rapporti che durano per sempre. A volte per una vita, a volte anche per più di una.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Strage di Hillsborough, 32 anni dopo: le verità scomode di una tragedia evitabile Il 15 Aprile 1989 allo stadio Hillsborough di Sheffield, avvenne una...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Altri Sport

Seve Ballesteros e il Miracolo di Medinah 2012 Avrebbe compiuto oggi 64 anni Severiano Ballesteros, uno dei più grandi golfisti della storia recente. Il...

Snooker

Stephen Hendry, il ritorno del Golden Bairn (prima parte) Uno degli argomenti più dibattuti sui social media, in questo inizio di 2021, è il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro