Connect with us

Cerca articoli

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi. Per altri è solo un ruolo, un momento parziale di vita per poi mostrare delle qualità egregie una volta assolto il compito. Una insospettabile umiltà che stupisce.

Jermaine Defoe potrebbe benissimo appartenere a questa congrega. Anche se nel suo caso fa male da morire. Siamo nel 2017. Jermaine gioca nel Sunderland, prima divisione inglese, lì conosce Bradley Lowery. Un bambino di sei anni eletto mascotte della squadra. Bradley lotta da anni con un neuroblastoma, una forma tumorale aggressiva e assassina di cellule.

Una volta che Bradley si trova ricoverato per le sue terapie, Jermaine va a trovarlo. Da allora va sempre, spesso dopo gli allenamenti Jermaine è distrutto e si addormenta sul letto con Bradley. Potrebbe sembrare una amicizia effimera tra un calciatore famoso e un bimbo. Invece no. Bradley e Jermaine sono amici davvero. E si vedono ogni giorno.

A marzo del 2017 c’è la loro scena più bella. Jermaine è convocato in nazionale dopo tanto tempo, L’inghilterra si gioca la qualificazione ai mondiali. Lui va e si porta con sé Bradley, per farlo entrare con lui a Wembley. Bradley è felice e commosso, ma anche spaventato da tutti i rumori. In teoria durante gli inni bisogna stare fermi, ma il bimbo abbraccia il suo gigante per farsi proteggere e Jermaine non si fa pregare. E fanculo l’etichetta. Jermaine quel giorno segnerà il gol che darà la qualificazione. Ma non è un lieto fine.

Bradley non ce la fa, muore qualche mese dopo. Jermaine dirà “da questo momento il mio cuore è rotto per sempre”. E si tatuerà Bradley addosso. Perché esistono anche persone così, per cui la fama non è un muro da opporre al mondo, ma una porta da cui arrivare a chi ha la fortuna della loro attenzione. E poi, hai visto mai, nascono rapporti che durano per sempre. A volte per una vita, a volte anche per più di una.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Pugilato

Paulino Uzcudun, il “Toro Basco” Vissuto per quasi tutto il ventesimo secolo, Paulino Uzcudun fu il più grande peso massimo della storia di Spagna....

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Alimentazione

7 benefici per la salute degli integratori di resveratrolo Se hai letto che il vino rosso può aiutare a ridurre il colesterolo, è probabile...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 66 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Calcio

Carlos Alberto, capitano elegante e talentuoso del Brasile ’70 Il 25 Ottobre 2016 il calcio brasiliano perdeva uno dei suoi più grandi simboli. Il capitano...

Calcio

Real – Barca, Mas que Futbol: Storia, Calcio, Politica e Identità del Clasico Si gioca oggi alle 16 la sfida più sentita di Spagna,...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport Il 24 ottobre 1972 moriva Jackie Robinson, il primo afroamericano della storia a debuttare...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Varie

Partite sicure sulle quali scommettere? Facciamo chiarezza sui pericoli della rete Un mondo denso di rischi, che da sempre attrae per la sua stessa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro