Connect with us

Cerca articoli

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre

Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi. Per altri è solo un ruolo, un momento parziale di vita per poi mostrare delle qualità egregie una volta assolto il compito. Una insospettabile umiltà che stupisce.

Jermaine Defoe potrebbe benissimo appartenere a questa congrega. Anche se nel suo caso fa male da morire. Siamo nel 2017. Jermaine gioca nel Sunderland, prima divisione inglese, lì conosce Bradley Lowery. Un bambino di sei anni eletto mascotte della squadra. Bradley lotta da anni con un neuroblastoma, una forma tumorale aggressiva e assassina di cellule.

Una volta che Bradley si trova ricoverato per le sue terapie, Jermaine va a trovarlo. Da allora va sempre, spesso dopo gli allenamenti Jermaine è distrutto e si addormenta sul letto con Bradley. Potrebbe sembrare una amicizia effimera tra un calciatore famoso e un bimbo. Invece no. Bradley e Jermaine sono amici davvero. E si vedono ogni giorno.

A marzo del 2017 c’è la loro scena più bella. Jermaine è convocato in nazionale dopo tanto tempo, L’inghilterra si gioca la qualificazione ai mondiali. Lui va e si porta con sé Bradley, per farlo entrare con lui a Wembley. Bradley è felice e commosso, ma anche spaventato da tutti i rumori. In teoria durante gli inni bisogna stare fermi, ma il bimbo abbraccia il suo gigante per farsi proteggere e Jermaine non si fa pregare. E fanculo l’etichetta. Jermaine quel giorno segnerà il gol che darà la qualificazione. Ma non è un lieto fine.

Bradley non ce la fa, muore qualche mese dopo. Jermaine dirà “da questo momento il mio cuore è rotto per sempre”. E si tatuerà Bradley addosso. Perché esistono anche persone così, per cui la fama non è un muro da opporre al mondo, ma una porta da cui arrivare a chi ha la fortuna della loro attenzione. E poi, hai visto mai, nascono rapporti che durano per sempre. A volte per una vita, a volte anche per più di una.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Calcio

Erno Erbestein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro